x

x

La verità

Buonasera, sono una ragazza di 34 anni, da tre mesi e mezzo mi trovo in uno stato di ansia-angoscia-panico che mi prendono in vari momenti della giornata soprattutto al mattino. SOno seguita da uno psichiatra ( in realtà già 9 anni fa ebbi un periodo di crisi percui iniziai una cura con Cipralex 10 mg al dì senza mai interrompere su consiglio del medico stesso ) e da 3 mesi ho intrapreso un percorso di psicoterapia.
Ma pur mettendoci tutta la volontà e la forza che ho sto' ancora male... a fasi alterne, sempre in modo differente, ma questi pensieri non mi lasciano.
La mia domanda è semplice: E' VERAMENTE POSSIBILE POTER CONTARE SOLO SULLE PROPRIO ENERGIE INTERIORI E FORZE PER USCIRE DA UN PERIODO DIFFICILE?
OPPURE SI TRATTA DI CHIMICA CEREBRALE E COME TALE Và TRATTATA CON PSICOFARMACI?
Nessuno sa dirmi come stanno realmente le cose...se sapessi di poter superare questa "crisi" anche senza aumentare la dose di Cipralex io ci proverei...ma se fosse tempo sprecato?
grazie e buona serata
B.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 38k 912 63
Gentile utente

Il concetto di energia interiore è un concetto astratto che non ha alcuna utilità dal punto di vista clinico.

Il trattamento farmacologico ha lo scopo di curare i suoi sintomi per poter avere una vita normale.

La biochimica cerebrale è il fenomeno che spiega i suoi sintomi, quindi è coerente con la valutazione clinica che viene fatta.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/