Utente cancellato
Buonasera.
A Mia sorella hanno diagnosticato il disturbo bordeline di personalità. Inoltre le hanno detto che è necessario approfondire per confermare la diagnosi.
desidero sapere se:
1) E' una malattia grave?
2)si guarisce? Se sì in quanto tempo?
3)E' prevista una pensione di invalidità?
4) Mia sorella è matta?
Nessuno dei medici con cui ho parlato mi ha voluto rispondere.
Grazie per l'attenzione
Marta

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

i disturbi di personalita' non costituiscono una malattia in senso stretto ma un atteggiamento di comportamento con determinate caratteristiche a seconda del disturbo diagnosticato.
Essi necessitano di trattamenti continui nel tempo in quanto i comportamenti sono profondamente radicati nel paziente e conseguentemente lo stesso compie delle azioni che possono avere delle conseguenze anche gravi.


Per cio' che riguarda la diagnosi di sua sorella, non mi e' molto chiaro perche' le viene fornita una diagnosi e poi le si dice che deve essere appofondita od anche come mai una volta espresso un parere non vengono fornite indicazioni in merito a tale diagnosi.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile signora,

1) E' una malattia grave?

E' una malattia che sicuramente rnede problematiche le relazioni ed espone al rischio di comportamenti impulsivi con relative conseguenze. La definizione di questa malattia in termni di cosa aspettarsi per il futuro e di quali siano i meccanismi fondamentali è per alcuni sovrapponibile ai cosiddetti disturbi bipolari attenuati, che non sono disturbi classificati come "della personalità" ma disturbi psichici definiti per sintomi.

2)si guarisce? Se sì in quanto tempo?

E' una malattia che dura a lungo. Il che non significa che si stia sempre male. "Di personalità" fa riferimento a qualcosa che accompagna le modalità della persona di rapportarsi al mondo e di percepirlo, quindi è abbastanza un tutt'uno con la persona.

3)E' prevista una pensione di invalidità?

Se vi è una storia di diagnosi con ricoveri, terapie etc con evidenza di cronicità etc è plausibile che una commissione medica vi faccia corrispondere una qualche invalidità.

4) Mia sorella è matta?
Non so che cosa intenda. Il fatto che abbia ricevuto una diagnosi significa che ha i sintomi corrispondenti a quella diagnosi (ammesso che sia stata fatta correttamente). Matta non è un termine medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3] dopo  
56458

dal 2014
la psicoterapia cognitivo comportamentale è davvero utile nel disturbo borderline di personalità?

[#4] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Dal giugno 2008 ad oggi vi sono state variazioni?

Sua sorella sta facendo o ha fatto psicoterapia?
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#5] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
" A mia sorella hanno diagnosticato il disturbo bordeline di personalità. Inoltre le hanno detto che è necessario approfondire per confermare la diagnosi".,

Quindi,come giustamente fa rilevare il dott. Ruggiero, questa è solo una diagnosi provvisoria, o "operativa". Il collega o i colleghi che l'hanno formulata, ritenendo necessario approfondire la conoscenza della paziente (presumibilmente attraverso l'osservazione nel tempo, o la risposta a certi trattamenti), devono ancora escludere la possibilità che possa trattarsi di altre patologie.
Non è questo il suo caso, ma vorrei dire che questa diagnosi è spesso utilizzata,erroneamente, nei quadri poco chiari. In realtà il Disturbo di Personalità Borderline ha delle caratteristiche molto precise, e si individua facilmente in presenza di una corretta anamnesi (storia clinica). Nella mia pratica clinica la maggior parte dei pazienti cui è stata attribuita questa diagnosi sono in realtà dei bipolari misti, soffrono cioè di un disturbo dell'umore.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#6] dopo  
56458

dal 2014
Dunque, mia sorella è seguita da uno psichiatra che sostiene che mia sorella soffra di disturbo delirante, perchè lei dal 2009 ha iniziato a soffrire di deliri. un mese fa mia sorella è stata valutata da degli psichiatri di un centro per la cura delle psicosi, per avere un secondo parere. Essi hanno escluso la psicosi e hanno confermato la diagnosi di disturbo borderline. Io non so se la diagnosi è esatta. Ho letto le caratteristiche del disturbo e in parte trovo attinenze con mia sorella, ma solo in parte. Ad esempio le non ha mai avuto scoppi d'ira. E' una ragazza molto tranquilla. Insomma voi dite che la diagnosi di disturbo borderline sia una diagnosi provvisoria. Allora come si fa a sapere di cosa soffre mia sorella?A chi mi devo rivolgere?

[#7] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Le due diagnosi si fanno su due versanti differenti, la presenza dell'una non esclude l'altra.

Il fatto che vi sia una diagnosi di psicosi fa pensare che vi siano dei sintomi specifici per poter fare diagnosi.

I disturbi di personalità hanno una catalogazione differente.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#8] dopo  
56458

dal 2014
Il centro che cura le psicosi ha escluso che mia sorella soffra di psicosi e ha optato per il disturbo borderline.Lo psichatra invece esclude il disturbo borderline e propende per il disturbo delirante. adesso voi mi dite psicosi e disturbo borderline possono coesistere. sono confusa...

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Lo psichiatra ha chiaramente diagnosticato un disturbo di tipo psicotico. Chiaramente se nella diagnosi è stato esclusa l'ipotesi di una psicosi si intende che borderline sia l'unica diagnosi fatta.
Quindi le due diagnosi non coincidono. C'è però da dire che la sindrome borderline nel suo significato originario era una sindrome con elementi psicotici senza i sintomi principali e classici, come dire "a ponte" tra normalità e psicosi. Nelle classificazioni attuali borderline ha un significato diverso, e riguarda più i disturbi dell'umore e dell'impulsività, per cui non è neanche chiaro in quale dei due modi si debba intendere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it