Utente 784XXX
salve sono un ragazzo di 22 anni,studio pianoforte in conservatorio con notevole ambizione e autocritica a volte spietata,pretendo la perfezione da me stesso e cerco di ottenerla anche se,da un pezzo ho superato i miei colleghi,quindi non è per sentirmi migliore ecc,ma un mio personale bisogno,soffro da due anni con disturbetti di attacco di panico,manifestati solo con difficolta(apparente respiratoria)e conseguente ansia panica anticipatoria,quindi paura di uscire in makkina con altri per lunghi tragitti,andare lontano,e tutte le situazione a rischio,evitamento situazionale,ma non sociale o simile.l anno scorso ho preso zoloft per 7 mesi a 200 mg,mis entivo molto pius ereno,uscivo,un po di ansia si,ma panico mai...il pensiero ossessivo che mi veniva a volte di poter diventare gay si attenuò(per la mia mente diventare gay non significa attrazione omo,ma non provare piu piacere nelle donne,non volerle,,strano per me che sono un tipo passionale e focoso)cm tutti i pensieri ossessivi ho capito che razionalmente il problema non esisteva e che era un pensiera per distrarmi dall anzia ecc,,hos tudiato a fondo talvolta, cio che concerne il panico,l ansia,facendomi dei veri e propri schemi,per i quali lo psichiatra mi fece i complimenti e mi chiese cosa avevo studiato e da dove cmq...ecco il problema!!: prendo zoloft da 35 giorni e incrementadolo ogni settimana partendo da 25,adesso ne prendo 250 da 4 giorni,divisi in 100 -50-100. bhe,da circa due settimane mi viene la cosidetta depersonalizzazione,e non mi viene piu il panico legato al respiro,quindi viene meno la somatizazzione in tal senso,ma mi sento fuori dalla realtà,a volte mi sembra di vivere e fare le cose per meccanismi e per inerzia,coem se la vita mis corre e io sono passivo,ovviamente questa depersonalizzazioen adesso mi spaventa,abbastanza a volte e ricorro a un pizzico di xanax,mi viene paura di perder eil controllo mentae,diventare psicotico,delirante e che so io...paure mai avute prima!prima avevo paura di morire,adesso di impazzire ...insomma prima dello zoloft non avevo mai e dico mai AVUTO DEPERSONALIZAZZIONE IN VITA MIA!!!!E POSSIBILE CHE SIA OPERA DELLA SERTRALINA???E I MIEI NEURONI REAGISCONO COSI?PERO ORMANI SONO GIORNI E GIORNI CHE MI VIENE,INOLTRE MI VENIVANO ANCHE PENSIERI DI DISPERAZIONE E ANGOSCIA CIRCA LA MIA SITUAZIONE PSICO-FISICA ALTERATA...POI LE ANGOSCIE SI SUONO ATTENUATE QUASI DEL TUTTO MA E SUBENTRATA LA DEPERSONALIZZAZIONE,POTREBBE ESSSERE LA SERTRALINA?CHE CMQ UN ANNO FA PRESA A 200 NON MI DIEDE NESSUN PROBLEMMA MI RITARDAVA L EIACULAZIONE DI MOLTO,,INVECE ADESSO NON ME LA RITARDI QUASI DI NIENTE E L ORGASMO SEMBRA AMPLIFICATO QUASI!VI PREGO EGREGGI DOTTORI HO FIDUCIA NELLE VOSTRE RISPOSTE,AIUTATEMI PERCHE MI E DIFFICILE VIVERE,SUONARE,ECC COSI.GRAZIE.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

attualmente il suo dosaggio di Zoloft e' leggermente superiore al dosaggio massimo previsto nelle forme patologiche tipo la sua.
Nulla di grave, se non fosse che ritiene di avere questi nuovi fenomeni che probabilmente non si manifestavano con un dosaggio leggermente inferiore.
Puo' anche essere correlato ad una titolazione un po' piu' veloce e per questo motivo sarebbe il caso di riparlare con il suo psichiatra.

Il dosaggio lievemente aumentato non e' certamente un problema insormontabile, in quanto una volta accertata la reale presenza di una correlazione bastera' ridurre nuovamente il dosaggio a 200mg.

Prima di ridiscutere di cio' con lo psichiatra pero' attenderei un periodo di almeno altri 10 giorni cosi da poter valutare appieno il funzionamento reale del farmaco che sta assumendo, la correlazione di fenomeni come quelli descritti e la presenza di fenomenologie diverse.
Se non puo' attendere questo tempo contatti il suo psichiatra appena lo riterra' opportuno.

https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 784XXX

la ringrazzio davvero tanto per la sua risposta molto esaustiva.bhe,addirittura il mio medico mi disse di prenderlo da 300 mg a partire da ieri ma secondo me e troppo,ho letto ke la sertralina presa a 300 mg comparta una inibizione della dopamina tanto quella della serotonina e lei s ameglio di me cosa puo comportare un ecceso di dopamina,se non ricordo male,proprio i sogetti affeti da schizofrenie psicosi euforia possiedano maggiore concentrazione di dopamina,,e per cio ,,ho un po paura,,si figuri che giorni fa il dott mi disse che per curare questo stato d ansia profondo,con appunto queste sensazioni di angoscia disperazione che mi torturavano tutto il di,avredi dovuto prendere la modalian due volte al di d aun 1mg!so che e un reurolettico usato talvolta come psicotico a base di trifluoperazina,e io ch eho paura di perder eil controllo mentale e diventare "psicotico"(questa parola mi spaventa)non ne ho presa modalina!seppur da 1mg....adesso ho meno angoscia,pero,tutto il di,mi guardo attorno e cerco di capire se c e la depersonalizzazione e se il mio stato di coscienza e percettivo sono alterati,un po come quando mi venivo gli attacchetti panico e contavo il respiro,poi mi passo.io possego una personalità con tratti leggermenti ossessivi ch emai pero sono sfociati in compulsioni o simili,mi piace avere il controllo nelle cose che faccio come suonare il piano e studio i passaggi a millessimo studiandone i mille fattori del dettaglio,ma non penso che questo tratto della mia personalita sia divento pervasivo a tal punto di divenire clinicamente rilevante onestamente....cmq io scenderi a 200mg,per adesso da4 di 1 250 e l eiaculazione non e ritarda,il desiderio sessuale e aumentato e l orgasmo e diciamo abbastanza sentito,e penso che cio sia imputato al fatto,che la sertralina abbia agito sul sitema dopaenergico,lei che ne pensa?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
sostanzialmente concordo con il collega, faccio solo due commenti.
La paura di avere una psicosi è analoga a quelle che ha avuto in passato, direi che la modalità è sempre la stessa. Ciò non toglie che quando si aumentano le dosi (come ha fatto lei su indicazione del medico), e quando la dose è "troppa" le ossessioni si possono accentuare.
Lei parla di depersonalizzazione, questo lo faccia stabilire ad un medico, e comunque anche in questo caso vale quanto detto prima, può certamente essere legato all'aumento del farmaco.
Per quanto riguarda le considerazioni farmacologiche, ricordi che l'allucinogeno classico e più famoso (LSD) funziona "a serotonina", quindi ok per il discorso dopamina-psicosi, ma dove sarebbe la psicosi nel suo caso ? La paura di avere una psicosi è evidente, ma ricalca il modello delle paura ossessive.
confermo i consigli del collega.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 784XXX

d'accordo,questo mi e chiaro,ma la mia domanda piu precisamente e la seguente: e possibili che assumendo la sertralina a 250 o 300mg si scatenino questi fenomeni(estranemento dalla realta,da me stesso,sensazione di vivere per inerzia,)? sottolineo non li avevo fino a due settimane fa,e lo zoloft lo prendo da 35 giorni,cresendo gradualmente.inoltre che ne pensate della modalina presa da 1 mg?dovrebbe contrastare la dopamina volgarmente parlando ,ed in un certo senso,giusto?io ho la sensazione che se smettessi lo zoloft queste brutte sensazioni di depersonalizzazione o derealizzazione accompagnate da sentimenti di preoccupazione ansia e angoscia scomparirebbero.la parola a voi esperti.grazie

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
nella precedente risposta le ho già detto in proposito "Lei parla di depersonalizzazione....e comunque anche in questo caso vale quanto detto prima, può certamente essere legato all'aumento del farmaco."
Per il resto le raccomando di non impegnarsi nel ragionamento fai-da-te sulle terapie, in cui segue le ultime cose lette. La persona più colta e intelligente del mondo che si metta a ragionare su cose di cui ha letto molto ma in cui non è formata professionalmente fa solo una grande confusione. Le insiste sulla dopamina, ma nessuno ha detto che debba essere quella la strada. E soprattutto nessuno ha visto questa derealizzazione, è una auto-diagnosi (e quindi la prendo come tale).
Quindi ciò che è opportuno o meno sul piano terapeutico lo faccia decidere al medico (o senta un altro parere).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 784XXX

capisco.grazie per la risposta.per quanto riguarda l uso della modalina da 1mg cosa ne pensa?

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
ho volutamente omesso osservazioni in merito per le ragioni che le ho spiegato. Lasci ragionare su queste cose il suo medico, ed è meglio non presentarsi a visita con delle proposte fatte in proprio, mi creda, altrimenti i farmaci ce li potremmo comprare da soli leggendo le informazioni dove capita e mettere a punto le terapie. Se avessi i suoi disturbi, varrebbe anche per me, è questione di ruoli.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 784XXX

ANCHE OGGI,TUTTO IL GIORNO,SENSAZIONE DI ESTRANEAMENTO DA ME STESSO E DALLA REALTà,UN PO DI ANSIA TANTO CHE HO PRESO XANAX,LE MANI SONO SCOORDINATE AL PIANOFORTE,MIS ENTO CONFUSO MENTALMENTE,INSTABILE,ANGUSTIATO,NON RIESCO A USCIRE DI CASA DA 8 GIORNI,PERCHE HO PAURA A USCIRE IN TALE STATO,CHE E SIMILE A UNO ZOMBIE.36 GIORNI CHE PRENDO ZOLOFT UNA SETTIMANA A 200 E MIS ENTO SOLAMENTE PEGGIO SON PENSIERI E SENSAZIONI PERICOLOSE DI DISPERAZIONE MAI AVUTE COSI RIPETITIVE E POTENTI DA FARMI SENTIRE DI VIVERE MECCANICAMENTE E SENTIRMI PASSIVO NEI CONFRONTI DI TUTTO...INIZIALMENTE QUANDO MI RECAI DAL MEDICO 50 GIORNI FA,ERO SOLO ANSIOSO,IL RESPIRO CERTE VOLTE ANSIOSO,MA DI ALTRI SINTOMI APPARTE UN LEGGERO APPANICAMENTO NIENTE. MAI DEPERSONALIZZATO(GUARDI CHE IL MEDICO MI HA DETTO CHE SI TRATTAVA DI DEPERSONALIZZAZIONE) CON SINTOMI DEPRESSIVI VERAMENTE DEVASTANTI CHE IMPEDISCONO DI VIVERE. NN SO SE SMETTERE LO ZOLOFT,E ASPETTARMI LA SOLITA ANSIA CHE POTEVO ANCHE GESTIRE,O CONTINUARE A STQARE COSI COEM UN VEGETALE TUTTO IL DI!ALTRO CHE ESAMI DI PIANOFORTE A SETTEMBRE!E IL MEDICO MI HA CONSIGLIATO ANKE 2MG DI MODALINA!!NN CAPISCO PERCHE LA TRIFLUOPERAZINA!UN NEUROLETTICO USATO COME ANTIPSICOTICO,,PER ATTENUARE L ANSIA?IO HO PAURA CHE SE LO PRENDO DIVENTO ANCORA PEGGIO..CONSIGLIATEMI VI PREGO,NN CO CHE FARE A CHI RIVOLGERMI.PERCHE COSI E IMPOSSIBILE VIVERE.GRAZIE

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"IL MEDICO MI HA DETTO CHE SI TRATTAVA DI DEPERSONALIZZAZIONE"
"IL MEDICO MI HA CONSIGLIATO ANKE 2MG DI MODALINA!!"
Allora adesso capisco meglio: ha già posto al suo psichiatra questo problema, anzi anche la modalina è una prescrizione del suo medico. Ma Lei sitrova con una terapia che non è quella prescritta dal medico, solo lo zoloft, mentre la modalina non l'ha presa.
Sulla paura che le prescrizioni del medico le facciano ancora peggio non so che dirLe, evidentemnente non ne ha fiducia.
Non escludo che possa star peggio dopo i primi giorni che prende la terapia così, ma come fare a darle un consiglio su cosa fare nel caso specifico senza conoscerla. E' uno dei limiti dei consulti on-line. Che è bene non superare le dosi consigliate è una raccomandazione generica, ma presumo il suo psichiatra lo sappia e abbia deciso così comunque.
Sarà forse il caso di ricontattare il medico e chiedergli lumi, e se non si fida di chiedere un altro parere, ma dal vivo perché altrimenti è impossibile capire.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it