Attivo dal 2014 al 2020
Salve sto prendendo un farmaco da un anno dopo una depressione piuttosto complessa.. la dott.essa avrebbe dovuto cacciarmelo 4 mesi fa ma non ho avuto la possibilità di andarci e sto continuando ad assumerlo.. Sto notando tremori agli occhi e inoltre ho notato un calo dell'ansia funzionale..Le mie domande sono 3 1)Può causare una riduzione dell'ansia funzionale se continuato a prendere anche quando ormai i sintomi non sono più presenti??? 3) Tale farmaco influisce sul sonno??? Ultimamente dormo sempre dalle 10 alle 12-13 ore cosa che non ho mai fatto in tutta la mia vita! Grazie mille in anticipo per le risposte!

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

L'asenapina non è un farmaco per la depressione. Qualcosa non torna.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Attivo dal 2014 al 2020
la depressione è stata dovuta a un disturbo maniaco-depressivo schizofrenico. Mi può aiutare a chiarire i dubbi delle mie domande?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Mi sembra ci sia una grande confusione. Disturbo maniaco depressivo schizofrenico non significa niente. Disturbo maniaco depressivo sì, altrimenti detto disturbo bipolare. La schizofrenia è una cosa diversa. In ogni caso che c'entra la depressione, che è ancora un'altra diagnosi ?

Lei assume un farmaco indicato per due tipi di disturbi, uno è il maniacodepressivo, l'altro è la schizofrenia.

Se non ha chiaro il punto di partenza per cui assume una cura poi il resto rischia di essere interpretato in maniera confusa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#4] dopo  
Attivo dal 2014 al 2020
La mia psichiatra lo chiamò disturbo del pensiero. Comunque a prescindere dal tipo di problema, mi saprebbe dare una dritta sulle 3 domande che ho posto? Grazie mille in anticipo per la disponibilità!

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

disturbo del pensiero vuol dire solo che aveva pensieri psicotici probabilmente, non è una diagnosi di un disturbo che prevede meccanismo, decorso e terapia.

A prescindere dal tipo di problema non ha senso discutere, il tipo di problema è il primo punto, altrimenti stiamo parlando di questioni relative ad un disturbo che non si sa quale sia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#6] dopo  
Attivo dal 2014 al 2020
Ho avuto modo di parlare con la mia psichiatra durante le vacanze natalizie (io adesso abito a genova). Confermo dott. Pacini, il farmaco mi è stato prescritto per la presenza di annebbiamenti. Era un periodo difficile della mia vita e la dott.essa ha ritenuto che questo farmaco avrebbe potuto aiutarmi. La dose 5 mg una sola volta al giorno, dice la mia psichiatra essere molto bassa. Finalmente mi ha rassicurato dicendomi che sto meglio e che posso toglierlo. Non appena me lo disse fui felicissimo perchè aspettavo quel momento da mesi (L'ho preso per circa un anno.) La ringrazio dott.pacini.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"il farmaco mi è stato prescritto per la presenza di possibili pensieri psicotici. "

Come possibile ? Il farmaco le sarà stato prescritto perché li ha avuti. A seconda della diagnosi rischia di riaverli, senza cura. Non capisco una cosa: se non sopporta bene questo medicinale, in questo anno non si è discusso della possibilità di usarne uno diverso, che tolleri meglio, questo in attesa di capire ovviamente se l'idea è di farglielo continuare o no.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"