Crisi d'ansia immobilizzato

Bungiorno,
sono un uomo di 47 anni.
Soffro di insonnia, ansia e depressione e sono sotto cura da parte di un medico psichiatra che mi ha prescritto il Cipralex la mattina, e Remeron, Minias e Compendium prima di andare a dormire. Il mio disturbo principale è l''insonnia, e qundo non dormo bene si presentano ansia e depressione. Con questa cura sto bene, ed è già da due anni che vado avanti. Al bisogno durante la giornata, se ho un problema che mi genera ansia, prendo ancora del Compedium.

Venerdi pomeriggio sono caduto dalla bicicletta e mi sono fratturato il gomito. Quando è arrivata l''ambulanza mi hanno immobilizzato sulla barella, e sull''ambulanza ho avuto una crisi di panico, e l''addetto dell''ambulanza si è spaventato è mi ha slegato, anche se era pericoloso.
Per scendere dall''ambulanza mi hanno legato di nuovo e mentre ero al pronto soccorso mi è venuta un''altra crisi di panico. L''infermiere non ha voluto slegarmi perchè non sapeva se avevo fratture alla schiena, e nemmeno darmi del Lexotan come gli ho chiesto di fare. Allora, rischiando di cadere dalla barella, nonostante il collare ed il gomito sinistro lussato e atrocemente dolorante, sono riuscito a sfilare i piedi con movimenti da "escapologo" e poi a slegarmi la fascia sull''addome. E così mi è passata la crisi di panico. L''infermiere non mi ha toccato, ed ha detto che mi assumevo la responsabilità di eventuali fratture alla schiena.

Devo dire che fin da bambino, ho avuto attacchi di panico se mi legavano per scherzo, o se mi immobilizzavano facendo la "lotta". Inoltre soffrivo di claustrofobia e non prendevo l''ascensore. Crescendo però, non sono stato più legato nè immobilizzato ed ho imparato a prendere l''ascensore, e non sono mai rimasto bloccato dentro.

Adesso il mio problema è questo: se dovessi cadere e fratturarmi la schiena, e una volta immobilizzato avessi un attacco di panico, cosa succede? Può essere una soluzione viaggiare sempre con del Compendium in tasca (cioè proprio a portata di mano) ed in tal caso "scolarmi" il botticino per sedarmi? Oppure devo farmi fare un foglio dallo psichiatra che "obbliga" gli addetti dell''ambulanza e del pronto soccorso a "riempirmi" di ansiolitici in casi come questi?
E se mi arrestano le forze dell''ordine e mi ammanettano? Io non commetto crimini di nessun genere, però può succedere per errore, per un controllo, o altro? Come faccio a spiegare il mio problema alle forze dell''ordine, perché rischio che, pur di non farmi ammanettare, di avere una colluttazione furiosa con gli agenti e poi prendermi una denuncia ed avere delle grane serie, anche se magari si trattava solo di un controllo.

Insomma, dopo questa esperienza sulla barella, non so come comportarmi per evitare guai seri in futuro.

Grazie.


[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.5k 1k 63
Secondo il mio parere la sua terapia non compensa sufficientemente i sintomi di cui soffre e l'evidenza di sintomi in situazioni come quella descritta ne è una possibile prova.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

Ansia

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto