Utente
Salve dottori,vorrei esporvi il mio problema che da qualche mese a questa parte ha preso il sopravvento sulla mia vita e mi sta letteralmente uccidendo l'anima.. prima di allora conducevo una vita abbastanza normale, anche se gia da tempo avevo scarsa autostima di me e in alcune situazioni accennavo quelli che potevano poi essere comportamenti fobici,svolgevo le mie attività senza problemi e avevo molti amici che frequentavo regolarmente,non ero mai casa e andavo nei locali e negozi senza farmi tanti problemi. nel complesso non ero felice,dentro di me sentivo di vivere una leggera forma di depressione dovuta sopratutto alla mia bassa autostima e ai problemi di famiglia, ma era una condizione gestibile che non mi impediva di svolgere gli impegni giornalieri, avevo una buona vita sociale e riuscivo a divertirmi. Per un breve periodo le cose in generale sono cominciate ad andarmi molto bene e avevo quasi completamente rimosso ogni pensiero negativo giovandone anche nell'autostima, ma poi, ironia della sorte, a seguire cè stato un periodo in cui le cose sono andate molto molto male, un periodo di forte stress che mi ha cambiato la vita, ed è proprio qui (circa 5 mesi fa) che è esplosa la fobia sociale maturando nel giro di pochissimo tempo, meno di un mese, al quale è subito conseguita la depressione vera e propria. sottovalutando la situazione,che inizialmente ho attribuito allo stress convinto fosse una cosa momentanea,ho reagito male assecondandola permettendo cosi che essa peggiorasse. ad oggi la situazione è critica: non riesco a fare piu niente,sono perennemente in uno stato di ansia e stress, mi viene l'ansia per qualsiasi cosa debba fare,a volte attacchi di panico, dormo oltre 10 ore al giorno,evito di fare anche le cose piu banali,non riesco ad entrare in nessun posto pubblico, mi faccio problemi a farmi vedere da chiunque anche se si tratta di amici perfino parenti. Non riesco ad andare neanche dal barbiere, non ho quasi mai fame,sono dimagrito 6kg e non riesco a riprenderli. Ho cominciato a soffrire di forte ansia anticipatoria anche a distanza di giorni, basta veramente poco per rovinarmi la giornata trascorrendola interamente sotto stress e ansia. Faccio molto spesso incubi e ho invertito il giorno con la notte,infatti esco solo di notte ed evito il piu possibile di farlo di giorno con la luce del sole,mi fa sentire terribilmente vulnerabile ed osservato e se costretto lo faccio indossando cappello e occhiali da sole. Sono sommerso da sensi di colpa e a volte mi capita di fare pensieri molto brutti. So che la situazione è grave e devo consultare uno specialista..come dovrei procedere? Ho possibilità di guarire e tornare a fare una vita normale? Credete che il mio caso necessiti di terapia farmacologica? Devo rivolgermi prima ad uno psicologo? Inoltre volevo chiedervi se questo radicale mutamento della mia situazione psicologica può essere in qualche modo collegato ad una disfunzione tiroidea che mi hanno diagnosticato nello stesso periodo e che devo ancora iniziare a curare. grazie.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Se ha una disfunzione tiroidea che provoca una alterazione ormonale può essere che i sintomi siano secondari a questo problema di salute.

In ogni caso, è anche utile far valutare la situazione da uno specialista in psichiatria in quanto alcuni elementi che descrive potrebbero non essere coinvolti nella problematica tiroidea.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore, la ringrazio per la risposta. Si, come ho detto nello stesso preciso periodo ho scoperto di soffrire una condizione di ipotiroidismo subclinico che nel mio caso si è presentato con una serie di sintomi a livello fisico, difatti l'ho scoperto mentre cercavo soluzione a questi singoli sintomi su intuizione di un dermatologo che mi consiglio di effettuare le analisi dopo aver riconosciuto tipici segni di ipotiroidismo, ma al momento devo ancora iniziare la terapia. Lei crede che questa disfunzione possa causare a livello psicologico una situazione di tali dimensioni? Effettivamente uno strano cambiamento mi sembra di averlo notato, anche prima di allora psicologicamente non vivevo serenamente e avevo i miei problemi, ma non mi era mai capitato di buttarmi giu e cadere in depressione ansia ecc... nonostante le difficoltà affrontavo la vita con ottimismo, mentre in questa occasione si è svolto tutto cosi rapidamente sprofondando piu in basso che mai, prima ero caratterialmente molto piu forte. Personalmente non credo che questa possa essere la causa dell'insorgere di questi disturbi, ma penso che abbia significativamente contribuito all'aggravarsi della situazione e alla velocità in cui si è evoluta anche se non ne ho la certezza. Ad ogni modo credo di essere consapevole di quale sia la causa scatenante per quanto riguarda l'ansia sociale, data la mia giovane età mi viene difficile pensare che possa aver bisogno di assumere degli psicofarmaci (ai quali sono da sempre contrario) ma allo stesso tempo trovo altrettanto difficile pensare che possa uscirne senza da questa situazione, visto gli incontrollabili sintomi che mi bloccano dal fare qualsiasi cosa e che mi fanno stare terribilmente male. Sicuramente devo consultare uno specialista, perchè nel mio futuro vedo solo nero e l'unica cosa che mi fa andare avanti è la speranza di risolvere questi problemi, vorrei chiedervi consigli su come muovermi, se dovrei recarmi direttamente da uno psichiatra o consultare prima uno psicologo il quale poi eventualmente mi reindirizzera a visita psichiatrica, e se esistono reali possibilità di completa guarigione da questi disturbi. Grazie

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Un ipotiroidismo subclinico non può dare tutti i sintomi che descrive.

È utile sentire il parere di uno psichiatra che valuterà il da farsi.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente
Speravo in una risposta un po piu dettagliata, comunque mi sembra di capire che a suo parere sia necessaria una visita psichiatrica. A livello psicologico sono d'accordo con lei per quanto riguarda l'ipotiroidismo, non ho mai creduto che questo possa essere la causa dell'insorgere di questi disturbi. al massimo mi viene da pensare che, trattandosi di squilibri ormonali che agiscono anche sul tono dell'umore e che in alcuni casi la depressione è presente nell'elenco dei sintomi causati dalle disfunzioni tiroidee, possa avermi reso piu "vulnerabile" ed esposto a sviluppare questa condizione (per la quale sicuramente ero gia predisposto da tempo) considerando anche che questo stesso problema di salute inizialmente era ulteriore motivo di forte stress per me. Trattandosi di una forma lieve (TSH 4,8), anche se il mio medico mi ha detto che è soggettivo e che ci sono persone che come nel mio caso ne risentono mentre altre in cui la disfunzione anche se piu grave può essere totalmente asintomatica, mi viene spontaneo chiedermi se anche a livello fisico i sintomi che accuso siano da attribuire alla mia situazione psicologica piuttosto che ad altro! Comunque dottore, come ho detto credo di sapere quale sia la causa scatenante delle mie ansie e fobie ed informandomi ho appreso che casi come il mio solitamente vengono trattati con la psicoterapia affiancata ad una terapia farmacologica, ma non mi è chiaro come procedere... devo prima rivolgermi allo psicologo che mi reindirizzera poi dallo psichiatra, o viceversa? grazie