Utente 404XXX
Da 3 settimane assumo entact 10mg al posto di cymbalta 60mg che ho preso per circa 3 anni ma che ultimamente mi provocava problemi alla sfera sessuali. La situazione è leggermente migliorata, ma ancora sono lontano dalla situazione normale. È possibile che ancora ci voglia tempo o è il caso di prendere in considerazione l'associazione di un farmaco che possa contrastare l'effetto avverso? Con gli andrologi non ho risolto nulla, quindi penso che l'unica strada da percorrere sia questa.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Effetti sessuali comparsi dopo molti mesi ? Potrebbero non dipendere dal cymbalta. In cosa consistono ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 404XXX

Libido assente, impossibilità ad eiaculare, scarsa erezione.
Dopo analisi ormonali, dato che il testosterone era basso, 250,10 ng / dl, mi è stata prescritta una cura a base di testoviron 250 mg, 4 iniezioni, ne ho fatte tre perché il testosterone era salito a 1023 ng / dl.
La prolattina è di poco superiore al valore max.
Ora riesco ad eiaculare, ma l'erezione non è ottimale, in più dopo aver eiaculato una volta, la seconda è difficile, mentre prima anche tre volte nel giro di diverse ore mi era possibile.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Gli effetti sessuali con un profilo di tipo ssri come questo in realtà sono comunque previsti.

Che fosse basso il testosterone e un po' alta la prolattina è spiegabile solo come effetto (tardivo, questo torna poco) del farmaco ? Non sono state indagate altre ipotesi ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 404XXX

L'andrologo che mi ha dato la cura si è basato sugli esami e la visita effettuata con ecografia.
Sono stato io con il mio psichiatra ad optare per il cambio del farmaco, dato che la situazione non è migliorata e visto che l'andrologo non mi dava risposte.
Ho contattato un altro medico specialista il quale mi ha detto di aspettare il cambio di terapia, in caso si agirebbe sull'erezione, lui dice che la mia poca voglia associata a scarsa erezione mi "smonta", insomma a quanto pare pensa sia psicologico il problema.
Secondo lei cosa dovrei fare?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Aveva un assetto ormonale che spiegava la questione. Se però sopra ci sta una cura che (più del cymbalta mediamente) induce calo della libido e soprattutto ritardo eiaculatorio, l'effetto della cura andrologica può essere nullo.
Se non ha voglia, il resto è solitamente in linea con la scarsa voglia, e anche le cure per l'erezione non hanno l'effetto pieno.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 404XXX

Come potrei ridurre gli effetti avversi?
Ad oggi persiste scarsa erezione e libido non ottimale.
Alcuni hanno risolto con il bupropione in associazione all'antidepressivo, il mio andrologo vorrebbe darmi una cura per l'erezione, ma io penso non sia quello il problema dato che ho usato il levitra orosolubile al bisogno con risultati altalenanti.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Però mi pare che ragioniamo su due discorsi diversi. Una cosa è verificare se c'entra qualcosa la situazione ormonale con i farmaci: è possibile, ma allora non ha molto senso usare un farmaco che può fare lo stesso effetto.
Se invece deve contrastare gli effetti collaterali di questi antidepressivi, allora ci sono diverse opzioni che il suo medico sceglierà.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 404XXX

Il mio problema è che non mi sono state date delle risposte chiare, ecco perché cerco un supporto anche qui, di modo che possa trovare qualcuno competente che mi dia una dritta.
Da come le ho spiegato emerge che si stia andando avanti per tentativi e questo lo so, ma obiettivamente io non ho la competenza per decidere se affrontare la situazione dal punto di vista andrologico o solo psichiatrico.

[#9] dopo  
Utente 404XXX

Gentile medico, scusi la mia insistenza, ma secondo lei è difficile capire se la causa sia il farmaco o di altra natura?
Ho fatto ecografia con esito negativo, ho fatto esami ormonali ed ho corretto il testosterone che era basso, c'è qualcos'altro che dovrei fare con l'andrologo ? Oppure faccio affidamento al mio psichiatra e lo affronto con lui il problema, in parte già fatto con la sostituzione del farmaco?
O è meglio affidarmi ad un endocrinologo?
Grazie.

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Lo ha corretto nel senso che è stato ri-misurato dopo ? La prolattina è stata corretta ?

Detto questo, è possibile che si tratti di un medicinale, ma se così è, che senso ha sostituirlo con uno che ha un profilo analogo rispetto a questo tipo di effetto collaterale.

Questo più che altro mi chiedevo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 404XXX


Il testosterone è a 1023 ng dl, valore sopra il punto max.
La prolattina è a 24,42 ng/dl ( il valore max di laboratorio è 15,20 ng/dl), pensa che questa sia alta? Si potrebbe intervenire per abbassare il valore avendo dei benefici?

[#12]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La prolattina è sopra, appunto. Può dipendere dal farmaco come no. Ma se dipende da un meccanismo proprio del farmaco, è possibile che si riproduca con farmaci simili.
La prolattina è tipicamente responsabile di ipofunzione sessuale.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it