Utente 288XXX
Sono un ragazzo di 30 anni con problemi passati di crisi epilettiche e psicosi.
Nel 2015 ho avviato le procedure per la richiesta del porto d'armi. Il medico USSL ha dato parere negativo, vedendo il certificato anamnesico del medico di base, e ho fatto quindi ricorso in Commissione. Alla stessa ho documentato un referto neurologico, datato Dicembre 2014, indicante assenza di patologie. Ho altresi portato un referto dello psichiatra, datato Febbraio 2016, con cui risultava "al termine della terapia psicologica, una situazione di benessere psicofisico e sostanziale compenso a livello obiettivo, con conseguente dimissione dal CSM, non essendoci indicazioni per la prosecuzione della terapia".
Ad Aprile 2016 la Commissione mi valutava quindi positivamente riconoscendo i requisiti per 24 mesi.
La mia domanda in Questura, presentata a Giugno 2016, veniva rigettata perche' i Carabinieri della mia citta' avevano richiesto, allo stesso psichiatra, un parere sul mio stato psicofisico, il quale, senza visitarmi, dava indicazione negativa sostenendo che avevo ancora bisogno di essere seguito dal CSM.
La mia domanda è: puo' uno psichiatra emettere un referto "a distanza" e, SENZA VISITARE IL PAZIENTE, concludere dicendo il contrario di quanto addotto mesi prima?
Se emettere un certificato medico per il lavoro senza visita è considerato "falso ideologico", non puo' dirsi lo stesso in questo caso?
Vi ringrazio.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Se ha una diagnosi di psicosi trovo difficile che possa avere una remissione tale da non necessitare di alcuna terapia.

Comunque chieda direttamente allo psichiatra i fatti perché è probabile che non siano lineari come li racconta lei.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 288XXX

Gentile dott. Ruggiero,
ovviamente il breve spazio qui a disposizione non mi consente una narrazione completa della vicenda.
Infatti non discuto nel merito sul merito della diagnosi, se essa sia corretta o meno.
La domanda che pongo è la seguente: è consentito al medico l'emissione di un referto senza VISITA? Lei lo ha mai fatto?
Credo sia superfluo scrivere qui la derivazione etimologica della parola VISITARE.
Vin ringrazio.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Il problema è che ciò che lei ritiene sia un referto può essere un verbale di sommarie informazioni che vengono raccolte sulla base di domande e che non hanno una valenza clinica ma giuridica.

Dovrebbe chiarire questi aspetti con lo psichiatra.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 288XXX

Il verbale richiede un verbalizzante e un verbalizzato. Il parere del medico era su carta intestata ULSS, non u quella dei carabinieri.
A quanto pare, a suo giudizio il comportamento dello psichiatra è stato ineccepibile, ma certamente lo chiariro'.
Resta da capire se abbia piu' valore il giudizio della Commissione medica appositamente riunita o il parere di chi da' "sommarie informazioni" senza visitare, e per questo faro' ricorso.
La ringrazio per il tempo dedicatomi.
Saluti

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Può fare ricorso ed anche avvalersi di mezzi leciti per far valere i suoi diritti.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente 288XXX

Cosa intende dottore con "mezzi leciti"?

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Se ritiene ed ha elementi fondati per cui sarebbe stato leso un suo diritto fondamentale può avvalersi dell'ausilio di un avvocato per far valutare la situazione.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#8] dopo  
Utente 288XXX

Ho sentito oggi la psichiatra facente funzioni di direttore che, confermandomi il diritto all'accesso del documento, mi ha detto che si tratta di una "relazione clinica" richiesta dai carabinieri.
Non so se l'utilizzo di questa parola cambi il suo giudizio, ma ritengo che il giudizio della Commissione medica preposta non possa essere invalidato sulla base di una "relazione clinica" che, sebbene porti data successiva, è necessariamente riferita ad un periodo che precede la data di riunione della Commissione, dato che non vi sono state piu' visite da quella data.
Se l'ordine dei medici non è una casta, come spero, provero' altresi a chiedere se sia corretto stendere una relazione clinica "a distanza" per pazienti non attualmente in cura in reparto.
Buona serata

[#9]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
La richiesta proveniente dai carabinieri può essere imposizione alla stesura.

https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139