Utente 428XXX
Buona sera,dottori dunque sono una donna e mamma di 31 anni ansiosa da sempre ma adesso l'ansia ha preso il sopravvento.
Otto anni fa ebbi un malessere ( giramento di testa,vista scura ) durato 10 min da li esami del sangue avevo solo il ferro basso ma da li comincerono gli attacchi di panico un periodo bruttissimo che forse con la giovane età ho superato....bene ,il problema si è ripresentato un mese e mezzo fa...entro in un negozio e via di vertigini,sudorazione e debolezza sn andata spaventata dal mio medico e ho fatto nuovamente le analisi tutte OK,ECG perfetto ma sn entrata nel vortice dell'ansia e dell'ipocondria e non so come uscirne ,ho già intrapreso un percorso con la psicoterapeuta ( sono alla terza seduta)ma mi sono convinta che ho qualcosa di organico ...mi spiego : da quel giorno avverto spesso debolezza e testa leggera( mi capita soprattutto la mattina) sono cose che ho riferito al medico di base e mi dice sempre che è l'ansia e il mio rimurginare,la pressione è OK di solito 110/70 anche la psicoterapeuta mi conferma il mio stato di ansia legato al l'ipocondria ...proprio questa mattina ho fatto le analisi per la tiroide ( mercoledì avrò l'esito) ma l'ho fatto di testa mia perché il medico non mi ha dato di fare nessun altra cosa ma io continuo a star male
In questo 2016 ho avuto periodi di stress mio padre operato di diverticolite ma all'inizio ci dissero fosse il male piu brutto del mondo e mia zia deceduta dopo un aneurisma cerebrale,so che sn avvenimenti che mi hanno segnato ma credo che la mia ansia dia più rivolta alla mia salute
...confido in voi ,ci sn altre analisi che potrei fare x capire meglio???
Può l'ansia farmi stare così?? ...grazie mille spero mi aiutiate

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Quindi Lei è in cura per una ipocondria, con che tipo di psicoterapia ?

Al termine del consulto esprime due concetti tipici di questa sindrome. Anziché chiedere delle cure per l'ipocondria, chiede una cosa che non ha costrutto, del tipo "è possibile che le cose siano così", e poi un'altra che è una domanda-sintomo, cioè se deve fare analisi a partire da una diagnosi di ipocondria.

Il trattamento dell'ipocondria può contare un un tipo di psicoterapie e su alcune farmacoterapie.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 428XXX

Grazie per la risposta dottore
Forse mi sono espressa male...dunque il mio essere ipocondriaca mi porta a pensare tante cose sulla mia salute... Avvertendo questo senso di spossatezza non sempre ma durante il giorno capita mi fa preoccupare perché non riesco a spiegarmela in quanto credo che sia una cosa fisica e non psichica ,la psicoterapia è cognitivo -comportamentale ,nonostante abbia fatto esami del sangue,ecg e tiroide ( ma ancora questo lo devo ritirare) e sono perfette non capisco qst spossatezza...tutto qua

[#3]  
Dr.ssa Irene Pergentini

16% attività
0% attualità
0% socialità
PISA (PI)
CARRARA (MS)

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2016
Salve signora, il suo disturbo è molto semplice, è un disturbo di panico caratterizzato da iniziali attacchi di panico (che hanno tutti i sintomi classici che lei elenca) di cui lei ha cercato invano una causa organica, e successivo sviluppo di ideazione ipocondriaca.. cioè paura di avere una qualche malattia fisica che a quanto pare non ha. questa preoccupazione non passerà facendo mille analisi, passerà accettando di curare il disturbo di panico. La terapia è in genere semplice e risolutiva.. quindi non rimandi e si affidi a uno psichiatra.
Dr.ssa irene pergentini

[#4] dopo  
Utente 428XXX

Grazie Dott.essa ,io da un mesetto ho intrapreso le sedute dalla psicoterapeuta

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La psicoterapia di quel tipo è una delle possibili terapie per l'ipocondria. Esistono anche cure farmacologiche.
E' chiaro che le domande derivano da questo, ma appunto se invece si prende la via degli esami fatti perché sono oggetto di preoccupazione, si va fuori strada.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6]  
Dr.ssa Irene Pergentini

16% attività
0% attualità
0% socialità
PISA (PI)
CARRARA (MS)

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2016
Non so se la psicoterapia è la strada giusta, lo psichiatra la può aiutare da un punto di vista farmacologico cosa che lo psicoterapeuta non può fare. Una terapia farmacologica la aiuterebbe in tempi decisamente più brevi vista la sofferenza che a quanto descrive le provoca il disturbo.
Dr.ssa irene pergentini

[#7] dopo  
Utente 428XXX

Intanto grazie per le risposte,dunque per la cura farmacologica non sono molto d'accordo perché so che mi aiuterebbero ma non curano alla base il disturbo
Io so che soffro d'ansia e ipocondria e ce la sto mettendo tutta per superare qst stato o per lo meno conviverci serenamente
La mia domanda era" questa spossatezza che ho durante il giorno ( non sempre) è sintomo del mio stato ansioso?? Cioè essendo sempre tesa ad un certo punto il corpo si stanca ...vorrei capire questo?

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"dunque per la cura farmacologica non sono molto d'accordo perché so che mi aiuterebbero ma non curano alla base il disturbo"

Questa è una sciocchezza

"Io so che soffro d'ansia e ipocondria e ce la sto mettendo tutta per superare qst stato "

Questo non ha senso, tutti ce la mettono tutta ma le malattie sono tali perché ci affliggono lo stesso

" o per lo meno conviverci serenamente "

Questo significa che la malattia ci lascia relativamente in pace, oppure che rinunciamo a una serie di cose perché la malattia non ce le consente, e la prendiamo con filosofia.

Niente di tutto questo ha a che vedere con l'idea di curarsi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it