Utente 439XXX
Buongiorno ,
Scusate il disturbo e l'ignoranza , mi potete spiegare in termini piu' semplici cosa significa questo : stato di angoscia con connotazioni di Stato misto in senso ipocondriaco . Scrivo questo per il medico su mia richiesta ha proposto il ricovero volontario per espisodi di ansia acuta dove vedo la morte con gli occhi ed ho dei sintomi fisici devastanti quali sensazione che non affluisca l'ossigeno al cervello e sensazione di morte imminente con spasmi nella testa e difficolta ' gravi di lucidita' . Per farmelo passare devo prendere 4 mg di xanax al bisogno . Quindi sarei ipocondriaco a vostro avviso ? Grazie

Grazie mille

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"stato di angoscia con connotazioni di Stato misto in senso ipocondriaco"

Questa dizione non è per niente chiara. Se si toglie "stato misto" sembra un modo, un po' contorto, per dire "attacco di panico".
Stato misto invece è un'espressione che indica una cosa diversa, ma inserita in questo modo non si capisce bene, lo stato misto non ha a che fare con l'ipocondria.

Dalla terapia prescritta, parrebbe una descrizione di un attacco di panico. Ipocondria è semplicemente quello stato di paura di star male e poter morire o "aver qualcosa" di grave, che durante l'attacco di panico, o dopo, sono previste.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 439XXX

Buongiorno : questo e il foglio
Come da accordi telefonici con la d.ssa.......si invia in ricovero in regime di trattamento sanitario volontario il sig ......  per stato di angoscia con connotazioni di stato misto in senso ipocondriaco
Terapia gabapentin cp 300 1per3 , xanax rp 2 mg: 2/die _ xanax cp 1 mg: 3 al bisogno _ levopraid gtt: 10 per 3 - inderal cp. 40 mg: 1 e mezza / die
Notizie cliniche ed anamnestiche gia trasmesse telefonicamente.
Ecco le ho fatto un quadro.piu chiaro e visto che non ho alcun beneficio, a suo avviso, le sembra una terapia adeguata? Quindi in.base ai.sintomi le.sembro ipocondriaco?
Grazie mille

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non è che io possa stabilire qui di cosa soffre, e quello scritto, l'avessi letto io, non mi avrebbe chiarito molto le idee, ma naturalmente poi chi l'ha visitata ha avuto una possibilità diretta di capire cosa ha.
La cura, ripeto, è una generica cura per l'ansia. Per quale motivo si parli di "stato misto" non si capisce.
La cura non è specifica per l'ipocondria, né per il disturbo di panico.

Ma per quale motivo di tutti questi termini insiste sul termine "ipocondriaco" ? Nessuno le ha detto che è ipocondriaco, c'è scritto che aveva uno stato ipocondriaco
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 439XXX

Buongiorno Dottore ,
Grazie per il chiarimento . Alla terapia attuale mi ha aggiunto 10gocce di contramal due volte al giorno in quanto ho deciso di non andare in ospedale . Queste gocce tuttavia non mi fanno nulla . Ho degli attacchi di ansia acuta che mi danno la sensazione imminente , mi accascio a terra e per circa 3/4 minuto sento il cervello come stretto in una morsa e non capisco piu' niente , mi vengono mille tic nervosi e sono incapace di controllare la mente , fatto rm encefalo e angio rm con contrasto esito negativo . E' uscito solo : aspetto cistico della ghiandola pineale . A suo avviso la terapia le sembra adeguata ? Adesso dovrei fare anche eeg .
Grazie mille in anticipo

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il contramal è un antidolorifico. Non vedo attinenza.
Consulti uno specialista, o anche il suo medico di base se ritiene di poter chiarire questa diagnosi e impostare una cura che non sia un ansiolitico. Inoltre si faccia spiegare come utilizzare gli ansiolitici, così da non trovarsi poi dopo mesi ad essere assuefatto e a doverli poi scalare con gradualità, il che complica le cose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 439XXX

Buongiorno Dottore ,
Grazie . Ho capito che devo cambiare psichiatra perxhe mi da farmaci che non centrano nulla . Un ultima domanda mi perdoni : e' vero che l'efexor usato al dosaggio massimo provoca agitazione ? E' l'unico farmaco che anni fa mi risolse il problema a 150 mg al giorno ma poi me l'hanno tolto e ridato diverse volte senza che mi facesse piu nulla . L'attuale psichiatra asserisce che il dosaggio massimo porta euforia ed agitazione quindi non va bene per l' ansia . Grazie per la sua disponibilita' .

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'efexor ai dosaggi indicati è utile nel trattamento della depressione e di altri disturbi (d'ansia). Così come diversi altri dal profilo più o meno simile.
Euforia e agitazione non sono effetti collaterali, sono effetti che si verificano nel disturbo bipolare, o quando la persona è predisposta ad avere fenomeni bipolari, anche senza averne mai avuti. Ma non è una questione di dose, anche a dosi medie o basse può accadere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 439XXX

Grazie ancora per il suo riscontro tempestivo . Siccome e' un farmaco che non mi ha mai dato effetti collaterali , secondo lei al massimo dosaggio che se non erro e' 375 , puo' dare di nuovo benefici che non ho con la dose 150 ? Grazie mille , le lascero' un' ottima recensione in quanto con tutti gli impegni che ha ed essendo sabato sta qui a rispondere in modo esauriente .Degno di lode . Complimenti !!!!

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il fatto che dosi piene possano ottenere risultati che dosi medie non hanno ottenuto è vero, però un risultato che è stato perso totalmente in genere si approccia con un cambio di medicinale.
Il discorso dell'euforia e agitazione come dicevo è indipendente da questo, dipende da un'altra diagnosi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 439XXX

Dottore buona domenica e grazie per la risposta . Ma io dico ma e' possibile che la sensazione che provo e' quella che mi si blocca il cervello ed ho un senso di morte.imminente ? Comincio ad avere una tensione nella testa assurda e tutti tic ma l' apice di tutto cio' e' proprio questa sensazione che le giuro su mio figlio e' reale , sono arrivato a prendere 150 gocce di xanax dallo spavento ed il collega mi cura col contramal , gabapentin e xanax al bisogno ? Io non sto piu' vivendo non riesco nemmeno a fare una semplice passeggiata a 100 metri da casa e mi prendono questi attacchi anche dentro casa , mi sento iper vulnerabile ! Ma possibile che non esiste una cura.? Io non sto piu' vivendo , ho perso un lavoro d'oro per tutto cio' . In piu' con il caldo e la bella stagione tutti questi sintomi si accentuano in modo inverosimile , ho gia' il terrore che venga l'estate ma io che posso fare per uscire da quest' incubo ?? Andare in ospedale tanto a che serve ? Gia so che li sto bene perche' mi sento protetto . Secondo lei eeg e' necessario ?
Grazie mille

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Ma possibile che non esiste una cura.? "

Innanzitutto le dicevo che è bene precisare la diagnosi, così si sa con che entità si ha a che fare, nel senso che si può poi basare la cura su ciò che è stato provato su quella specifica diagnosi.

Le reazioni d'allarme sono tali perché si va in allarme, se si restasse sereni e calmi non lo sarebbero.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it