Utente 429XXX
Salve , sono un ragazzo di 20 anni che da un anno a questa parte sta affrontando diversi disagi , circa un anno fa ho avuto un episodio traumatico essendomi quasi strozzato mentre cenavo. Da quel giorno non ho più mangiato in maniera normale e spontanea ma anzi non riuscivo a deglutire e mentre mangiavo avevo molta ansia , ad oggi la situazione è migliorata poichè riesco a mangiare meglio anche se molto lentamente , però sempre con un pò di ansia , faccio fatica però a mangiare la carne e il pane.
Ho attraversato in questi mesi un periodo di forte stress tra università ed altri impegni con conseguenti attacchi di panico , ed è circa da un anno che ho questi dolori alla bocca dello stomaco e bruciori durante la digestione , anche se mangio un semplice biscotto è come se mi bruciasse il torace non so spiegare bene la sensazione , ed è come se avessi un calo di voce.
Vorrei capire cosa mi succede e perchè a distanza di così tanto tempo anche avendo provveduto a fare cure antiacide per lo stomaco il tutto non sia mai passato.
Alla base può esserci soltanto un problema psichico? Volevo inoltre dire che soffro d'ansia da almeno 14 anni ma in certi momenti si attenuava e non ho mai avuto problemi fisici legati all'ansia.
Concludo dicendo che non riesco più a compiere sforzi fisici come correre o altro poichè sento accentuarsi questo problema ed è come se mi affaticassi molto , vi ringrazio per eventuali delucidazioni sul percorso risolutivo da intraprendere..

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Mi scusi, ma l'ansia non è un problema fisico ? Stiamo parlando di cervello.
Soffre da 14 anni di ansia, si è mai curato per questo ?
Se, ad esempio, soffre di panico e come conseguenza ha avuto questo tipo di episodi e paure, con interferenza sull'alimentazione, cosa che non sarebbe strana, perché una terapia antiacida, che nesso c'è ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 429XXX

Intanto la ringrazio dottore per aver risposto al consulto e credo di essermi spiegato male.
Io in realtà non ho capito se questi problemi di stomaco siano legati all'ansia oppure no per questo ho provato una cura antiacida , da questo consulto volevo capire se poteva esserci un nesso tra le due cose e se si come potrei risolvere il problema senza ricorrere a farmaci per contrastare l'ansia.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Cioè vuole una soluzione senza curarsi.

La verità è che dovrebbe fare una visita psichiatrica.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Poiché dice di soffrire di ansia, e riferisce delle paure, non è che sorprenda l'aver provato una cura diretta al sintomo se si prende isolatamente il disagio alla bocca dello stomaco, però con tutto il resto che ha raccontato non vedo il nesso. Inoltre se soffre di ansia, perché non ha invece mai fatto una visita psichiatrica con conseguente cura eventualmente ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it