Utente 440XXX
salve,
il mio curante non vedendo risposte con lo xeristar per distimia, mi ha aggiunto il trittico 100; è da 3 gg che lo assumo e gli effetti collaterali finora sono stati molto pesanti, il doppio dei vari ssri e nsri presi...intontimento forte, agitazione e stanchezza...il curante mi ha detto che dopo un 15 giorni dovrebbe fare effetto, ma in effetti dovrebbe essere così? e dopo questo tempo dovrebbero andar via anche i collaterali? grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La risposta l'ha già avuta, dopo di che ripete la stessa domanda, come previsione generica sul futuro, ma in questi termini non ha risposta.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 440XXX

egregio dottore,
lei reputa probabilmente inutile il mio quesito, ma le do la mia motivazione e lei per la sua professione è uno dei pochi che potrebbe, tanto quanto chi soffre di queste patologie immedesimarsi in un paziente...
bene, dopo 2 anni che combatto con la mia problematica e mi muovo in questo ginepraio di farmaci, permetterà che una persona abbia bisogno di più pareri, rassicurazioni, anche in base allo scoraggiamento che a seguito di anni di cure " insufficienti " possono uscire fuori...

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Più pareri non risolvono la dubbiosità che non fa altro che alimentare l'ansia.

Non vi è differenza se la domanda è fatta ad una singola persona o a più persone, il problema principale è che si pone sempre in dubbio la risposta entrando in un circolo vizioso senza uscita.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Infatti non stiamo dicendo che non siano domande comprensibili nel loro significato, solamente che non sono domande tecniche, ma espressione appunto di scoraggiamento o ansia. Quindi non si può pretendere una risposta letterale tipo "previsione del futuro": non avrebbe senso né in un senso né nell'altro.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 440XXX

buongiorno, dopo 10 gg con trittico passati veramente male: calo pressione, ottundimento, difficoltà di concentrazione, forze pari a zero, fastidi alla vista, abbiamo deciso di non continuare non solo col trittico ma di levare anche lo xeristar ( in appoggio a quanto diceva il Dottor Ruggiero sulla poca compatibilità della duloxetina con la mia condizione). ora mi trovo ad un bivio: nei giorni passati il curante era fuori e mentre io stavo male incontrai un altro specialista il quale mi ha detto di prendere sertralina con dose iniziale di 50 e poi stabilizzarla a 75 e magari a 100. oggi dopo il ritorno dell'altro psichiatra, mi ha detto di prendere lo zarelis 75 ed adesso mi trovo una gran confusione...quale prendere? so che i due farmaci agiscono differentemente, ma per una depressione ansiosa non saprei che pesci pigliare, anche perchè consigliatemi da specialisti. mi potreste far capire, non dare la cura su che strada muovermi? grazie

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Mi scusi ma qui non si possono dare indicazioni su cosa assumere. Lei ha non si sa perché due fonti di prescrizione, dopo di che pone una questione aperta, cioè scegliere tra due prescrizioni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 440XXX

come le ho scritto, il curante non c'era ed io stavo da cani...ho contattato un altro medico che mi ha dato un'altra prescrizione...secondo lei non è normale essere confusi con due prescrizioni del genere? cosa dovrei fare la conta e quale esce prendo?
poi lo so che non si possono fare prescrizioni via web era solo per capire il meccanismo essendo 2 farmaci diversi, cosicchè io potessi avere un quadro completo e scegliere.lei dirà non deve essere lei a scegliere...ok allora farò un terzo consulto...

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

E' proprio quello che le sto dicendo: ha due prescrizioni e non sa quale scegliere, ma che senso ha chiederlo qui ?
Quindi un terzo consulto perché ha due soluzioni potenzialmente valide... non è che ci sia una gran logica in questo. Sembra un tipo di procedimento ossessivo, in cui in teoria dovrebbe avere da tutti lo stesso parere, o una conferma di uno dei due pareri, ma probabilmente chiedendo infiniti consulti avrebbe conferme al 50% dell'uno e al 50% dell'altro, non mi pare questo il punto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 440XXX

Gentile Dottor Pacini,
due domande che esulano da eventuali prescrizioni;
- è pratica possibile o un'astrusità la combinazione di 2 farmaci come ad esempio duloxetina e sertralina a dosaggio controllato ovviamente.
- l'incremento della serotonina durante una cura ha una sua tempistica , ma il decremento funziona alla stessa maniera? per capirci, abbassando il dosaggio, per non risentire degli effetti collaterali, avrebbe una tempistica simile?grazie

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il decremento si fa con gradualità, o almeno si può farla con gradualità per il motivo che dice Lei. In questo caso c'è una sostituzione con un altro dal meccanismo in parte analogo.
Non c'è un'associazione, solo mi par di capire una sovrapposizione temporanea.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it