Utente 411XXX

Buona Sera,
Dopo essermi recato da un Medico primario di Psichiatria, la diagnosi è stata Depressione Agitata e DOC.
Avendo pensieri ossessivi molto forti ed un ansia veramente insopportabile e debilitante lo specialista mi ha prescritto Zoloft da 25mg per poi essere aumentato fino a 100mg e Olanzapina 5mg.

  • E' possibile che Olanzapina abbia un effetto calmante già alle prime assunzioni? Sono preoccupato per i possibili effetti paradosso del Neurolettico.
  • E' possibile che Olanzapina mi agiti ancor di più?
  • Un SSRI potrebbe aumentare l'agitazione psicomotoria, quindi l'Olanzapina dovrebbe compensare giusto?


Molte Grazie per La Vostra Attenzione.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Ha assunto il farmaco ed ha qualche effetto oppure immagina di avere degli effetti?


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 411XXX

Grazie per la risposta Dottore.
No,la terapia non è ancora iniziata,purtroppo pur stando molto male,ho queste fobie riguardo gli psicofarmaci anche avendone presi in precedenza.Il Neurolettico mi spaventa molto...anche dopo la rassicurazione del mio psichiatra non riesco a seguire la terapia.
Il dubbio mi assale...

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
I dubbi fanno parte della sua malattia. Se dà retta ai dubbi, si informa su internet, chiede pareri, questo le serve a stare meglio? Direi di no. Assuma la terapia che le è stata prescritta.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 411XXX

Grande per la risposta Dr,il problema è che non riesco proprio a prendere i farmaci, ho la fobia degli effetti paradosso.E' incredibile...sto male ma non riesco a curarmi.

Grazie per la cortese Attenzione

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
In che senso non riesce? La fobia di effetti dannosi è un conto, l'atto di ingoiare un paio di piccole pillole è un altro, non è paralizzato, può farlo. Può pensare quello che vuole E intanto curarsi. L'effetto paradosso dei neurolettici è molto enfatizzato su internet, perché c'è gente ignorante che fa affermazioni casuali. Personalmente ho lavorato per anni nel servizio pubblico con pazienti che assumevano dosaggi anche elevati di neurolettici e non ho mai visto un effetto paradosso provocato da questi farmaci.
Franca Scapellato

[#6]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Il problema è proprio assumere la terapia come indicato e poi vedere cosa accade, non il contrario
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#7] dopo  
Utente 411XXX

Grazie dottori per le Vostre risposte.
Dopo aver assunto Olanzapina 5mg ho avuto episodi di acatasia piuttosto fastidiosi.Il curante mi ha aumentato la dose a 10mg giornalieri.
Sono molto spaventato per gli effetti collaterali,pur volendo provare un altro neurolettico il dottore vuole resistere con Olanzapina.
Sono molto confuso,non capisco perché non provare altro...

Grazie per la Vs Attenzione

[#8]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
L'acatisia è un disturbo fastidioso, ma facilmente trattabile. Continuando la terapia gli effetti collaterali si riducono e i sintomi (che sono il motivo dell'assunzione del farmaco) si attenuano fino a scomparire. Cambiare farmaco dopo pochi giorni non ha senso, si ricomincerebbe daccapo. Il suo psichiatra ha ragione, occorre dare al farmaco (che è tra quelli che danno meno effetti collaterali) il tempo di agire.
Franca Scapellato