Utente 374XXX
Salve gentili dottori ho 37 anni e soffro di disturbo bipolare, ho avuto due ricoveri e ho invalidità al 67%. Adesso dall'ultimo ricovero avvenuto due anni fa sta prendendo abilify ( aripiprazolo) 10 mg e brintellix 20 mg al giorno.

Negli anni ho notato una grande perdita di memoria sia a lungo termine che a breve termine, in particolare dopo il ricovero e l'assunzione dei farmaci che assumo da due anni. La psichiatra su mia richiesta mi ha fatto fare una risonanza magnetica, e' risultato tutto nella norma.

Alcune domande:

1) E' sufficiente la risonanza magnetica o ci vuole una Tac per appurare eventuali danni neurologici?

2) La perdita della memoria e' dovuta alla malattia bipolare o agli psicofarmaci che sto prendendo?

3) c'e' qualche rimedio, farmaco?

Per farvi capire meglio: mentre leggo e sono alla terza riga non ricordo quello che c'e' nella prima, non ricordo nomi di persona, dimentico tutto cio' che leggo ad esempio non riesco neppure a tenere a mente gli orari di apertura di un negozio, insomma un disastro sia per la memoria a lungo termine che quella a breve.

Grazie per la Vostra attenzione

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Per prima cosa il disturbo cognitivo andrebbe qualificato e quantificato con i tests specifici.
Tenga conto che a volte imputiamo alla memoria quello che invece è causato dalla insufficiente attenzione. Questo si può verificare in uno stato di eccitamento o in una fase mista (quando per esempio vi sia depressione associata ad affollamento di pensieri).
Durante le fasi depressive,specie se prolungate, può esservi invece un vero e proprio deficit della memoria, reversibile, dovuto alla sofferenza di certe aree cerebrali.

Riguardo ai farmaci, problemi cognitivi possono esservi con:
-benzodiazepine (tranquillanti), specie se a dosi alte;
-antipsicotici o antidepressivi ad azione anticolinergica (o atropinica), ma quelli che lei sta assumendo non sono tra questi;
-certi farmaci antiparkinson che a volte vengono associati ai neurolettici tradizionali.

Infine, un problema di attenzione e memoria potrebbe essere causato da un sonno insufficiente o di cattiva qualità.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 374XXX

Grazie gentile Dott Carbonetti;

Come posso quantificare e qualificare i disturbi cognitivi? ( quali test ci sono? )

La risonanza magnetica e' sufficiente per escludere danni neurologici o e meglio effettuare anche una tac?

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
No, basta la RMN.
Di test ce ne sono molti. Ne parli con lo specialista curante.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#4] dopo  
Utente 374XXX

Dott Carbonetti ho letto su internet che con la depressione i neuroni muoiono e l' ippocamo si restringe e' vero? Grazie