Utente 405XXX
Buongiorno Dottori. ho trent'anni ed un problema molto fastidioso anzi direi insopportabile che mi affligge da mesi.
ho conati di vomito senza avere nausea ne vomito. in pratica ho la sensazione dello sforzo di vomito diciamo , (quella fastidiosa sensazione che si ha ad esempio mettendo un dito in gola) , e poi mi viene proprio il conato senza che esca nulla poiché non ho nausea ed infatti non vomito niente neppure acqua. è una sensazione bruttissima e questa cosa quando inizia non finisce più cioè continua portandomi a stare malissimo avere questi continui sforzi di vomito senza vomito tanto da farmi venire dolore ai muscoli della gola!
mi è successo la prima volta mesi fa a lavoro. io soffro di ansia e attacchi di panico e porto sempre con me compresse di xanax da usare al bisogno. premetto che purtroppo ormai ne sono assuefatto e lo prendo tutti i giorni anche senza avere panico.
sono seguito da uno psichiatra e dobbiamo appunto risolvere questo problema con il farmaco.
comunque mesi fa a lavoro ero molto teso perché stavo attraversando un periodo bruttissimo in casa e avevo agitazione e se non ricordo male anche crisi di pianto.
ricordo che andai in bagno e mi vennero questi conati , fu terribile.
poi i giorni successivi mi resi conto che il trauma fu tale che al solo pensiero dei conati , effettivamente mi veniva subito la sensazione di qualcosa in gola! cioè se ci penso mi vengono! così ho pensato che fosse un problema psicosomatico ma mi pareva incredibile che al solo pensiero potessero venire ed invece era così. già il guardare il water in un momento di tensione mi faceva venire la sensazione di conati!
ne ho parlato con lo psichiatra che ha detto essere sicuramente un sintomo di ansia e mi ha detto di prendere xanax al bisogno oppure provare per un mese un neurolettico a dosi bassissime (trilafon) , che si usa anche per togliere sintomi fisici del ansia. io l ho provato per pochi giorni ma non ho avuto gran beneficio così mi è stato tolto.
ieri invece a causa di problemi personali in famiglia stavo molto male ed ho avuto una crisi di pianto. il pianto mi ha portato a sentire la sensazione di conati ed ho iniziato anche ad avere panico così ho preso xanax a dosi elevate che ormai so mi bloccano l'ansia ed impediscono il panico , ma questa sensazione che stavano per venirmi i conati era forte e non sapevo come fermarla.
dopo un ora di esercizi di respirazione nasale lo stesso ,mi ero reso conto che lo xanax faceva effetto sul panico infatti non avevo più sintomi di ansia , ma la sensazione dei conati si! non sapevo come fermare questa cosa!
ho pensato allora non è un sintomo di ansia!
che cosa è?
scrivo qui a voi proprio per questo perché voglio sapere che origine hanno questi conati?è possibile che siano solo sintomi di ansia?
come curarli?
perché se ci penso mi vengono?
lo xanax è anche un miorilassante quindi dovrebbe ridurli se non eliminarli ma perché non funziona?
perché quando piango mi vengono?
ho paura diventi un circolo vizioso

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Portuesi

28% attività
20% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
In effetti sembrerebbe un disturbo legato all ' ansia, ma l' ansia a sua volta potrebbe essere legato a un disturbo depressivo. Lo xanax è un sintomatico nella migliore delle ipotesi, quindi da solo è ben difficile che risolva il problema. Andrebbe abbinato quindi anche un antidepressivo. Molti di questi farmaci tra l' altro sono usati anche per molti disturbi d' ansia.
Dr Giovanni Portuesi

[#2] dopo  
Utente 405XXX

Grazie dottore per la risposta.
volevo informarla però che io prendo già protiaden come antidepressivo perche soffro di panico con agoràfobia e Doc.
ho già utilizzato in passato altri farmaci ssri ma con pochi risultati e insopportabili effetti collaterali.
per questo motivo il mio psichiatra ha scelto il protiaden che è l'unico farmaco che su di me non ha effetti collaterali.
non da grande beneficio ne sul panico ne sul Doc. e neppure sul mio stato depressivo reattivo (ho problemi in famiglia con mia moglie).
per cui uso xanax per placare il panico nelle esposizioni e il panico puro.
ho provato en e tavor ma con scarsi risultati. Solo lo xanax mi blocca il panico (ad alte dosi purtroppo ormai dopo anni ovvero 1.5 mg al bisogno talvolta addirittura 2 mg , dosaggio che in passato mi avrebbe fatto crollare dal sonno pur non essendo un ipnotico).
quello che non mi spiego è che anche se l ansiolitico non è una vera cura , ma funziona solo al momento per poche ore , come mai non mi blocca i conati?
cioè blocca tutto il resto (palpitazioni respirazione affannata tremori vertigini malessere diffuso sudorazione ecc)ma i conati no.
Per questo motivo mi chiedevo che sia davvero un sintomo d'ansia?
ho letto un sito che diceva una psicologa che i conati sono un classico sintomo di depressione. Effettivamente a me vengono in momenti di forte tensione stress e disperazione (talvolta con pianto).
il pianto se forte mi porta subito a sentire la sensazione di conati. Non so se sia una correlazione organica o mentale considerando che mesi fa si presentarono proprio durante crisi di stress pianto ecc. Come una specie di trauma ecco.
Essendo i conati delle contrazioni muscolari involontarie , ci possono essere dei farmaci atti a diminuire questo Fenomeno?
da tener presente che sicuramente c'è una grande componente psicosomatica poiché basta il pensiero che sento questa sensazione.
Però non vorrei che per questo fosse attribuito tutto un origine psichica quando magari è solo una componente.
(Un so come se un soggetto durante una gastroenterite con nausea e vomito di natura organica abbia anche la sensazione di nausea al solo pensiero del vomito. L'esempio è puramente casuale).
grazie

[#3] dopo  
Utente 405XXX

E scusi aggiungo che avevo dimenticato , non c'è nulla che si possa assumere nel frattempo?perché da ieri passo le giornate con questo fastidioso senso di star per vomitare senza nausea.
non c'è qualcosa intanto da prendere al momento?è insopportabile.