Utente 469XXX
Buongiorno a tutti vorrei raccontarvi brevemente la mia esperienza, pregandovi di dare ascolto a ogni mia parola in quanto sono veramente disperato e non so più che fare.Iniziò tutto quest'estate ero in vacanza con dei miei amici a fine luglio e un giorno ci alzammo la mattina e andammo a fumarci una canna (non intera)e come sempre ci salì l'effetto, ma dopo un pò mi sentii spossato e molto in ansia ma dopo circa un paio d'ore nulla, tutto tornò come prima, e facemmo la giornata al mare tra bagni e risate. La sera invece andammo in una discoteca e circa 30 minuti dopo che fummo entrati all'interno mi venne un capogiro fortissimo e mi prese una sorta di attacco di panico quindi io dovetti uscire e di conseguenza anche i miei amici mi seguirono fuori per aiutarmi, dopo 20 minuti mi passò ma rimasi spaventatissimo e da qui iniziò il mio inferno, perchè nei giorni a seguire fui colpito da un'ansia e paura folle che risuccedesse quel fatto. Quest'ansia folle era accompagnata da sintomi quali: paura di avere un'infarto imminente, vertigini fortissime e mal di testa, e quella più brutta la depersonalizzazione e derealizzazione rovinandomi cosi tutta la vacanza.Quando tornai a casa ero distrutto ma le cose non finirono qui, in quanto il giorno successivo venni lasciato dalla mia ragazza alla quale io ero profondamente legato e innamorato, quel giorno stetti malissimo e mi preso un senso di vuoto incolmabile che andò ad amplificare tutti i sintomi, da quel giorno non fui più io avevo sempre depersonalizzazione e derealizzazione fortissime e tantissime paure di avere malattie gravi, intanto passarono i mesi e inizia la scuola che andò subito dall'inizio male in quanto a causa di questi sintomi non riuscivo a concentrarmi e studiare e gli attacchi di panico iniziarono ad aumentare e a diventare più forti tanto da mandarmi in ospedale in ambulanza. A questo punto insieme ai miei genitori decidemmo di andare a fare un percorso psicologico (però non di tipo cognitivo-comportamentale) e segui questo percorso fino a 2 settimane fa, però senza trarne benefici, perciò decisi di cambiare e intraprenderne uno di tipo cognitivo-comportamentale. Ormai le cose vanno di male in peggio dato che non riesco neanche più a uscire con i miei amici il sabato sera e quando lo faccio mi sento moltissimo distaccato dalla realtà, come se non fossi io li in quel momento (questo anche se mi sto divertendo) ed è una cosa bruttissima perchè per me è veramente devastante dato che io sono uno a cui piace molto stare con gli amici e sono anche abbastanza sportivo (anche se non pratico uno sport).Ormai sono passati 5 mesi da quello che è successo in vacanza con i miei amici e vorrei almeno capire se la cosa è grave e se è possibile uscirne sopratutto per quanto riguarda la depersonalizzazione e derealizzazione anche se so che nessuno può sapere i tempi giusti e che nessuno ha la sfera di cristallo per fare guarire le persone. Gradire una risposta che non sia chiedi allo psicologo GRAZIE!

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Se ho capito, ha iniziato il percorso cognitivo da poco tempo, quindi non si può ancora valutare se è efficace o no.
La sua è una storia abbastanza classica: c'è un evento scatenante, che a volte può essere una "canna", e poi il timore di avere un altro episodio si pianta nel cervello a fare danni. L'abbandono da parte della sua ragazza ha peggiorato la situazione.
Può essere utile associare una terapia farmacologica alla psicoterapia, e per questo sarà opportuna una visita da uno specialista in psichiatria.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 469XXX

Grazie mille per la risposta, sto anche facendo delle sedute dalla psichiatra per "diagnosticare" il problema e assumere un eventuale terapia farmacologica anche se io sono molto contro alle medicine

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Nessuno è contento di prendere delle medicine, ma se ha la bronchite non mette ai voti l'antibiotico, no? Il cervello è un organo, se i farmaci riducono l'ansia prodotta dal cervello e così le permettono di lavorare meglio in psicoterapia per imparare a gestire l'ansia è una buona cosa.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 469XXX

Ha perfettamente ragione solo che ho paura di rimanerci dipendente o comunque quando smetto di prenderle di stare peggio di prima.

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
E' una paura che hanno in molti.
I farmaci che si usano per curare l'ansia cronica e il panico sono in genere ssri, che non danno dipendenza: si assumono per almeno un anno, se funzionano l'ansia si riduce, lei riprende la sua vita e impara con la psicoterapia a gestire quel po' di ansia che fa parte della vita.
Quando gradualmente il farmaco viene abbandonato non succede niente, perché nel frattempo le aree cerebrali che funzionavano male si sono riprese, i pensieri ansiogeni che facevano agitare non ci sono più, ecc. ecc.
Franca Scapellato

[#6] dopo  
Utente 469XXX

Grazie mille, volevo chiederle un'altra informazione siccome io sento molto queste vertigini da quel giorno di fine luglio in vacanza e sento anche molte volte rigidità nei muscoli facciali è probabile che io abbia un aneurisma cerebrale(sono molto ipocondriaco però mi risponda in modo sincero) Grazie

[#7]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Le vertigini e la rigidità muscolare sono prodotti del suo stato ansioso, si chiamano somatizzazioni. Si curano come ho detto sopra.
Franca Scapellato

[#8] dopo  
Utente 469XXX

Quindi da quanto le ho spiegato fino ad adesso i sintomi possono essere riconducibili all'ansia senza prestare attenzione a patalogie gravi? (Ho fatto anche un elettroencefalo gramma e un elettrocardiogramma il giorno che sono amdato in pronto soccorso entrambi negativi)

[#9] dopo  
Utente 469XXX

quindi ? Secondo lei?

[#10]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Non c'è altro da aggiungere, c'è un appuntamento con uno psichiatra a sua scelta da prendere, se vuole stare meglio. Chiedersi davanti a un computer cosa sarà o cosa potrebbe essere è una perdita di tempo.
Franca Scapellato

[#11] dopo  
Utente 469XXX

Scusi se ritorno su questo consulto ma oltre a tutti questi sintomi si è aggiunta una strana cosa, nel senso che mi viene una forte fame improvvisa che pian piano va a calare e diventa più voglia di svenire offuscamento alla vista non ho il diabete ma cosa potrebbe essere?

[#12]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
L'ansia può dare anche questi sintomi. Anche un fisiologico calo della glicemia può manifestarsi così, se dopo uno spuntino ci si sente meglio la "diagnosi" è già fatta.
Franca Scapellato

[#13] dopo  
Utente 469XXX

Ho scoperto in realtà di avere una pressione molto bassa sono andato in farcmacia a provarla ed avevo 133/44 ( sinceramente non so se è stato un errore ma secondo la farmacista ero un pò agitato ma la minima è molto bassa) cè qualcosa che posso fare per ovviare a questo problema sono molto spaventato! Grazie

[#14]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Un unico valore pressorio non è significativo, lei soffre di ipocondria e deve curare quella.
Franca Scapellato

[#15] dopo  
Utente 469XXX

Una terapia cognitiva- comportamentale è giusta come terapia o è meglio un'altra?

[#16]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Se la sua priorità, come mi sembra, è la riduzione dell'ansia in tempi brevi la terapia farmacologica è l'unica che le può garantire questo, la psicoterapia si può associare per imparare a gestire al meglio l'ansia.
Franca Scapellato

[#17] dopo  
Utente 469XXX

E se invece ne volessi uscire senza farmaci e possibile o è complicato per la mia situazione?

[#18]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Ne deve parlare col suo psichiatra e il suo psicoterapeuta, che hanno gli elementi per rispondere.
Franca Scapellato

[#19] dopo  
Utente 469XXX

Purtroppo la mia psichiatra ci mettera 1 mese per emettere la diagnosi e io siccome sò che mi prescrivera dei farmaci volevo sapere se è il caso fi prenderli a 18 anni o no

[#20]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Se c'è l'indicazione medica di uno specialista è il caso di prenderli, soprattutto perché è molto giovane, così evita che i disturbi diventino cronici.
A nessuno piace assumere farmaci, ma se aiutano a stare bene, a divertirsi con gli amici invece di pensare a possibili malattie e soffrire per sintomi vari, direi che è una scelta giusta.
Nel frattempo segue la psicoterapia, che le insegna come evitare di ricadere nell'ansia quando sospenderà i farmaci.
Franca Scapellato

[#21] dopo  
Utente 469XXX

Ma la psicoterapia aiuta a gestire l'ansia o la elimina perchè tutti mi dicono che la elimina ma mi sa che non è cosi allora!?

[#22]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Chi sono "tutti"?
Franca Scapellato

[#23] dopo  
Utente 469XXX

Genitori, medici,lo stesso terapeuta

[#24]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
L'ansia fa parte della vita, tutti hanno momenti di ansia. Pensare di eliminare l'ansia non è realistico. Un obiettivo realistico è evitare che l'ansia aumenti in modo eccessivo, e per quello c'è la psicoterapia, che funziona se il paziente si impegna sia dentro che fuori dallo studio del terapeuta, se fa gli esercizi e applica quello che gli è stato insegnato. E' una fatica, un impegno. Se non riesce perchè l'ansia è ingestibile o sta troppo male, alla psicoterapia si affiancano i farmaci, che impiegano meno tempo (qualche settimana) a fare effetto.
Franca Scapellato

[#25] dopo  
Utente 469XXX

Ma io non capisco come fa l'ansia a dare tutti questi sintomi, ora ho pire il reflusso e un fortissimo senso di confusione