Utente 440XXX
gentili dottori,
a seguito di dolori diffusi, riconducibili a fibromialgia o dolore cronico, il curante ha deciso di darmi il lyrica ; sto in più cercando di curare una distimia che dura da qualche anno ed usando diversi antidepressivi, anche il dolore si era attenuato.
qualche mese ho iniziato il lyrica impostandolo dopo un po di tempo a 300 mg in 2 dosi al giorno anche per problemi d'ansia; all'inizio andava bene per i dolori e per l'ansia e non per l'umore. provando a portarlo a 450, l'effetto fu pesante, facendomi diventare molto irascibile, così si impostò di nuovo 300. non mi dava effetti collaterali. dopo un piccolo intramezzo con un antidepressivo, smesso,per gli effetti pesanti che questi aveva, ripresi il lyrica da 300, ma non ho avuto gli effetti sperati, anzi, mi ha dato effetti che prima non mi dava:dolore e bruciore con rossore degli occhi, vista offuscata e disturbata, ansia meno sotto controllo,forte stanchezza e poca forza, intontimento,scarsa memoria,aumento ponderale e l umore per un po di tempo era basso basso con alta suscettibilità agli stimoli esterni ( mi emozionavo per nulla) e per un altro pò ero diventato l'esatto contrario, inespressivo, senza entusiasmo etc
ora alcune di queste cose permangono, come ad esempio i problemi alla vista ed il parziale ritorno dei dolori che prima , sempre con lyrica erano andati praticamente via, bruciore all'altezza del pube, alle volte sbandamenti umore basso.
ora chiedo: come mai durante il primo periodo ho avuto una buona risposta su diversi fronti come il dolore,l'ansia ed ora ho avuto questa inversione? potrei essere intollerante? grazie!

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Potrebbe semplicemente voler dire che in realtà i miglioramenti ottenuti, così come i sintomi del secondo ciclo, hanno in realtà poco a che vedere con il farmaco.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it