Utente 474XXX
Salve dottori, chiedo scusa per il disturbo, ma vorrei chiedervi una cosa. E' da parecchi anni che soffro di disturbo ossessivo compulsivo per quanto riguarda le malattie, e quest'inverno ho cominciato a fissarmi sul fatto che avrei potuto far del male a qualcun altro. Cercando su internet ho sempre visto che le ossessioni rimangono tali e non diventano mai una vera azione che la persona farà, però dando un'occhiata qui: https://www.psicologoattacchipanico.it/nevrosi-ossessiva-ossessioni-compulsioni/ mi è venuto un dubbio, poco sotto l'immagine c'è scritto: "Infatti i pazienti affetti da questa psicopatologia si sforzano continuamente per riuscire a liberarsi dall’ossessione, ma spesso non ci riesce, diventando sempre più inquieto fino a che l’idea compie la sua corsa, oppure l’atto ossessivo è compiuto." con l'ultima frase cosa si intende? Che potrebbe evolversi in una vera azione? Se non, cosa significa?
Grazie davvero!

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
La possibilità che un pensiero ossessivo venga tradotto in atto è molto molto remota. Stia tranquillo.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 474XXX

La ringrazio per la veloce risposta dottore, però in che senso è molto remota? Vuole dire che ci sono stati anche casi in cui un disturbo ossessivo, senza altri problemi come psicosi o schizofrenia, sia diventato realtà?