Utente 492XXX
Gentilissimo dottore chiedo notizie per mio nipote che ha 36 anni. Gli è stata diagnosticata una psicosi quindi gli è stato prescritto l'aripiprazolo una compressa al giorno. Ha questo problema da circa 3 anni. Da precisare che quando si è presentato il problema ha preso una serie di farmaci che io ora nn ricordo tra cui anche farmaci per dormire perché all'inizio dormiva poco anzi pochissimo. Il problema che sorge ora è che da qualche mese non riesce a gestire il denaro, da precisare che lui lavora. Un altro problema che ha è che nn ha grandi rapporti umani. Ora io domando gentilmente ma è possibile che la pillola (Abilify) possa creare queste situazioni di disequilibrio nel ragazzo? Cosa mi consiglia per intervenire in maniera nn traumatica? Noi come famiglia e quindi la madre siamo pronti a tutto al fine di poterlo salvare. La ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La psicosi è una patologia cronica che richiede trattamenti continuativi.

La presenza di nuovi sintomi deve essere segnalata allo psichiatra.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 492XXX

Gentilissimo dottore chiedevo notizie riguardo il farmaco aripiprazolo... È stato prescritto a mio nipote a causa di una psicosi... La prescrizione è di una compressa da 10 mg al giorno e che prende da circa 2 anni. Solo che ci siamo accorti che il ragazzo con questa pillola sta bene ha ripreso a lavorare ed è anche presente dall altro lato abbiamo notato che ha una quasi compulsion al gioco delle slot-machine... Chiediamo a lei egregio dottore è possibile diminuire la pillola o cambiarla con un altra che NN ha questi effetti deleteri... O non so se ci sia un altro modo per curarlo... Da precisare che il ragazzo dal momento che non vuole prendere il farmaco noi glielo diamo di nascosto nel pranzo preferibilmente... Chiediamo un consiglio su come diciamo risolvere problema... Certa di una sua risposta la ringrazio...