Utente 448XXX
Salve, premettendo che penso di avere un lieve DOC (dico penso perchè la diagnosi non mi è sembrata estremamente precisa) mi sto interrogando sulla possibilità che soffra anche di SAD. Mi spiego: non ho mai assunto droghe considerate particolarmente pericolose né ho intenzione di farlo in futuro, tuttavia nutro un'estrema curiosità per tutte le sostanze psicoattive che non presentano rischi troppo elevati e possono conferire vantaggi in termini di intelligenza, memoria, elevamento dell'umore, o anche semplicemente neuroprotezione. Questo mi ha spinto a provare in passato selegilina, modafinil, una serie di sostanze analoghe del piracetam, centrofenossina e così via. Sono inoltre interessato a provare metilfenidato, LSD (per vedere se come dicono gli studi può veramente modificare il mio carattere in direzione di un aumentata "openness"), vortioxetina e una serie ababstanza lunga di sostanze sperimentali nel caso riuscissi a procurarmele. Secondo voi, facendo tutte le debite premesse del caso che ci vorrebbe una visita per poter giungere ad una valutazione precisa, è più probabile che si tratti di una forma di abuso di sostanze o di una semplice curiosità verso le potenzialità di alcune sostanze psicoattive? Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
È più probabile che lei sia un abusatore

Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 448XXX

perfetto, la ringrazio Dottore