Utente 508XXX
salve, ho 42 anni ,dall inizio dell anno soffro di malori notturni ,attacchi di panico,tachicardia, aria intestinale,acidita, tremori interni e tremori di freddo, a giugno sono andata dal neurologo e mi ha prescritto 10 gcc citalopram e depas mezza compressa m depar per un mese, e 10 gocce di citalopram x 4 mesi ,dovevo finire a ottobre, ma ad agosto ho auto troppo nevralgie e forti mal di testa, all inizio quando ho iniziato a giugno, mi sentivo meglio la notte , potevo dormire,pero poi i malesseri e attacchi di panico sono ritornati, soprattutto la notte , mi svegliavo sempre allo stesso orario anche due volte.
Non mai sofferto di nulla , a parte che mi si infiamma l' appendice qualche volta, e qualche mal di testa sporadico.
La causa principale di questi attacchi di panico sono: ho subito un forte stress, dopo 7 anni, sono stata lasciata dal mio ex, e lo presa davvero male, prima con la depressione, pianti e lacrime ,per un periodo non mangiavo,stavo sempre coricata, stavo malissimo.
Comunque, ho iniziato poi la cura dal neurologo, ripeto ad agosto ho dovuto smettere per le forti emicranie, ora gli attacchi di panico sono sporadici ,ma ci sono sempre, la cosa strana e che si manifestano quando si sta avvicinando il ciclo mestruale, stanotte esempio mi sono svegliata spaventata e sentivo freddo e tremavo e mi sentivo malissimo, l altro ieri sera mi son svegliata angosciata, avevo paura, sono andato al bagno perche col panico l intestino mi va in subbuglio e cerco di liberarmi, se no sto piu male, poi viene un senso di acidita e prendo un gaviscon , a volte mi manca il respiro e cerco di respirare aria fresca.
Il punto e che ho fatto bene a smettere di prendere il citalopram 10 gocc la mattina? o dovevo continuare? un altra domanda, il ciclo mestruale cosa centra con i miei attacchi di panico????

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La sua situazione andrebbe inquadrata meglio da uno specialista in psichiatria che possa stabilire anche una terapia specifica per i suoi disturbi.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it