Utente 461XXX
Vi scrivo perchè mio padre da circa tre anni assume Dostinex a causa di un prolattinoma e ha sviluppato dipendenza da chat di incontri e vari comportamenti che hanno creato molti problemi familiari, è arrivato a rubare soldi all'interno della famiglia, vendere oro, mentire sistematicamente sulla situazione ecc. Tutti comportamenti che non ha mai avuto prima dell'assunzione di Dostinex.

All'inizio il problema è stato imputato a un medico che aveva prescritto una dose molto superiore a quella prevista, il medico di base, accortosi del problema, l'ha ridotta dopo circa un mese ma poco dopo ci siamo accorti di quello che era successo nel frattempo.

Dopo essere stato in cura da un endocrinologo che ci continuava a dire che i comportamenti non dipendevano dal Dostinex abbiamo cambiato medico circa un anno fa e a questo punto sono state chiare le correlazioni, cose che avevo già intuito leggendo vari commenti su internet riguardo al farmaco.

L'ultimo medico ha sospeso il Dostinex per tre mesi e i disturbi sono spariti e ha poi ricominciato con una dose di 0,25 mg a settimana, dopo alcuni mesi però i disturbi sono ricomparsi e attualmente mio padre passa ore sulle chat di incontri (e non so cos'altro), il medico ci ha consigliato di andare da uno psichiatra che circa un mese fa gli ha prescritto il Depakin, perchè ci ha spiegato che i farmaci che sarebbero più adatti per questo disturbo non possono essere usati in quanto andrebbero in contrasto con la funzione del Dostinex di abbassare i livelli di prolattina.

Ad oggi quindi ci troviamo con il medico che dice che deve continuare ad assumere il Dostinex per tenere sotto controllo il prolattinoma e mio padre che continuamente usa chat di incontri, non posso controllarlo 24 ore su 24 e ha rovinato completamente la serenità familiare e sopratutto la vita di mia madre a causa di questi comportamenti.

Avrei bisogno quindi di capire se c'è una soluzione a questo problema o comunque dei tentativi per cercare di risolvere la situazione.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

E' noto che i farmaci di questo tipo possono indurre comportamenti impulsivi di vario tipo, dal gioco all'ipersessualità.
Il depakin mi pare una soluzione comprensibile per riequilibrare questi comportamenti senza per questo rendere inutile l'azione del dostinex sulla prolattina.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 461XXX

La ringrazio molto per la rapida risposta, vorrei però capire che tempi di azione potrebbe avere il Depakin e dopo quanto tempo sarebbe meglio provare eventualmente a tentare qualche altra soluzione. Attualmente lo assume da circa un mese, la prima settimana mezza compressa al giorno da 500 e poi una compressa. Attualmente appare "più calmo" ma comunque ammette di continuare ad andare compulsivamente sulle chat in ogni momento libero (e già che lo ammetta è una differenza perchè prima lo faceva solo di nascosto). Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il depakin agisce da subito, però il dosaggio non è lo stesso per tutti, 500 mg per alcuni è già funzionante.
Sì, il fatto che lo ammetta è un segno di attenuazione dell'impulso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 461XXX

Salve, avevo scritto un po' di tempo fa riguardo a un disturbo compulsivo (chat di incontri ecc.) di mio padre a seguito della cura con Dostinex.

Come scritto lo psicologo gli ha prescritto 500mg di Depakin ma la cura sembra non aver fatto molto effetto. a seguito dell'analisi del sangue i livelli di acido valproico sono risultati essere 29,1 g/mL, quindi piuttosto bassi.

Siamo tornati dallo psichiatra che gli ha aumentato la dose a 750mg e ha prescritto l'aqqiunto di 50mg di Seroquel/Quetiapina.

Il problema è che il medico di base ci sconsiglia di prendere questo farmaco perchè mio padre soffre di diversi distubi (apnee nottune, livelli leggermente alti di glicemia) in più ci dice che è preoccupato dal fatto che, anche se è una piccola dose, possa causare sonnolenza e altri disturbi e, visto che mio padre fa il muratore, si lza alle 6 e ha 62 anni pensa possa essere pericoloso anche questo aspetto. Quindi per il momento ha aumentato solo la dose del Depakin.

Inoltre vorrei sottolineare che dalle ultime analisi della prolattina il livello è sceso a 3,9 dove il minimo è 4 (precedentemente 7 a giugno e 4 a settembre)... quindi in un trend di discesa, anche prendendo una bassa dose di dostinex per la cura del prolattinoma. Valore che credo faccia aumentare sempre di più il problema della libido esagerato.

Io non so più come comportarmi perchè da una parte c'è l'endocrinologo che dice che la cura con il Dostinex è necessaria per il prolattinoma e quella è la dose minima, dall'altra ho mio padre che si comporta come un quindicenne e passa ore sulle chat di incontri (e probabilmente anche altro), poi c'è lo psicologo che vorrebbe aumentare le dosi dei farmaci e il medico di base che mi dice che è pericoloso.

In ogni modo cerchi risoluzioni al problema vedo solo complicazioni e dubbi. è possibile che non ci sia modo di conciliare la cura con il dostinex e un comportamento "normale" rispetto a questo disturbo? Inoltre, perchè continuo a trovare personale sanitario e conoscenti che mi parlano tutti di questi problemi legati all'uso del dostinex e invece i dottori cercano di minimizzare e farlo passare come un effetto collaterale "trascurabile"? Possibile che non ci siano valide soluzioni?

Grazie e scusate lo sfogo ma è una situazione insostenibile, se continuiamo così i problemi di salute ce li troveremo tutti in famiglia perchè è una situazione veramente brutta e surreale.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Di cure per il prolattinoma mi viene in mente che potrebbero esserci prodotti basati su un meccanismo ormonale diverso da quello della dopamina, però forse non sono di facile impiego o non sono disponibili da noi.
Effettivamente la quetiapina come farmaco che non infici il meccanismo del dostinex ma riesca a frenare i comportamenti mi pare sensata.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it