Utente
sono una donna di 47 anni, ultimamente sto soffrendo di insonnia, dovuta probabilmente da una forte ansia causata da una paura avuta nel mese di dicembre. premeto che: nell'anno appena trascorso( da gennaio a luglio) ho fatto una cura di antidepressivo a base di serotonina per una durata di 6 mesi alla fine della quale stavo bene ( ho avvuto un attacco di panico in seguito alla scomparsa di 2 persone care in circostanze tragiche)adesso la mia psichiatra mi ha prescritto una nuova cura antidepressiva (mirtazapina). Si consideri che sto prendendo 15 gocce di lexotan e l'insonnia persiste con conseguenti dolori articolari e spossatezza. Chiedo se prendere il mirtazapina, oppure, il seropram, da qui ho tratto gia beneficio.Nel ringraziarvi anticipatamente aspetto una vostra risposta grazie.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

non e' possibile variare la sua prescrizione senza una visita diretta.

La scelta del trattamento e' sempre del suo curante.

La presenza di insonnia puo' rapparesentare un sintomo di qualcosa che, gia' precedentemente, poteva essersi presentato.

Deve chiedere alla sua psichiatra il motivo della variazione di trattamento.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
nel rigraziarla della sua risposta, le faccio sapere, che,la stessa domanda lo posta al mio medico curante, e il suo consiglio è stato quello di seguire la precedente cura, dal momento che avevo tratto beneficio dalla stessa.Essendo i sintomi gli stessi, e la cura idonea al mio caso. Mentre la seconda gli sembrava molto più pesante.Ora domando a lei, come mai, per curare l'ansia(patologica) come nel mio caso, si prescrivono gli anti depressivi e non gli ansiolitici? grazie e cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Il suo medico la conosce e ovviamente puo' rispondere.

Gli ansiolitici possono essere usati per tamponare temporaneamente la sintomatologia.

A lungo andare creano assuefazione ed il bisogno di aumentare le dosi continuamente, in quanto le precedenti non hanno piu' lo stesso effetto con il passare del tempo.

Per questi motivi si utilizzano gli antidepressivi, la cui indicazione e' presente anche nei disturbi d'ansia.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua risposta tempestiva e abbastanza soddisfacente. Quindi nel salutarla le rinnovo i miei ringraziamenti.