Utente 499XXX
Salve, sono affetto da schizofrenia residuale causata da una brusca interruzione di alprazolam al dosaggio 26-26 g. otto mesi fa. Attualmente prendo serenase al dosaggio 12 g. X 3, depakin chrono 300 due volte al di e lorazepam scalato ora un poco alla volta da due mesi a questa parte quando era 20 g. X 3 fino a 10 gocce x 3 volte al dì. Anche quando non assumevo lorazepam che assumevo all'inizio al bisogno, avevo forti attacchi d'ansia, adesso avverto malesseri interni che mi fanno vivere malissimo, a volte ho la depressione, in questo periodo non riesco nemmeno ad andare di corpo, mi rifugio spesso sul letto, lo psichiatra sostiene che lorazepam non può nella mia situazione essere sostituito con un antidepressivo. Più di una volta i malesseri mi hanno generato acatisia transitoria. Come si potrebbe intervenire per alleviare questi malesseri interni? Lo psichiatra vuole farmi finire di togliere l'ansiolitico. Ho già pensato una volta di rivolgermi a medicina delle dipendenze. Non posso vivere così. Sto spesso male. Credo che il problema sia dovuto proprio dal guaio dell'alprazolam. Vi prego, aiutatemi.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Ha quindi una schizofrenia, ma perché dice "dovuta a" la sospensione dell'ansiolitico ? La schizofrenia non c'entra con quello come diagnosi. Il depakin solitamente si dà nei disturbi bipolari, che condividono alcuni sintomi con la schizofrenia, Lei invece è certo che la diagnosi sia di schizofrenia, giusto ?
L'acatisia è un effetto collaterale del serenase, noto.
La dose di alprazolam che assume ora non è molto, e il medico giustamente lo vuole scalare poiché non ha uno scopo terapeutico nel lungo termine.
Mi par di capire che si tratti di un problema d'ansia aggravato dal fatto che sta scalando il tranquillante a cui è assuefatto.
Esistono comunque farmaci anti-ansia che non sono antidepressivi, e che il medico conosce sicuramente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 499XXX

Alprazolam otto mesi fa è stato interrotto bruscamente. All'inizio ho avuto una lombalgia neuropatica che è durata un mese e mezzo. Poi sono iniziati i disturbi d'ansia. Cambiai psichiatra che mi prescrisse lorazepam al bisogno. Da allora mi sono sempre sentito strano, il depakin lo prendo per stabilizzante dell'umore, ma mi sento a volte depresso e mi rinchiudo in me stesso. Credo che la diagnosi sia schizofrenia anche perché ho un appiattimento affettivo, anedonia e apatia. Crede che continuando i problemi, la terapia andrebbe modificata?

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi schizofrenia (che lei specificava residuale) non è una diagnosi, è una sua "sparata", e non lo precisa neanche ?
Lei prende una cura a base di un farmaco antibipolare e un antipsicotico, verosimilmente per una fase agitata, possibile che sia seguita poi da una fase depressiva.

Possibile che non sappia la diagnosi e nessuno le abbia spiegato eventualmente questo possibile decorso ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 499XXX

No, non sono entrato in merito a questa situazione. Prenderò sicuramente la decisione di cambiare medico se la situazione non dovesse migliorare. La ringrazio dottor Pacini.