Utente 520XXX
Buonasera, scrivo per chiedere un consulto riguardo un problema. In seguito ad un periodo particolarmente stressante, a livello fisico/mentale, sono comparsi una serie di sintomi, dalla tipologia molto variegata, che spaziavano da febbricola, cefalee, forti dolori agli occhi, problemi a dormire, stanchezza muscolare/mentale, fascicolazioni, e un notevole peggioramento dell'umore (per lo più dovuto a questo drastico calo fisico, che ha notevolmente rallentato le mie attività). Seppur attualmente possa constatare un miglioramente circa il mio stato generale di salute, non mi sono comunque ancora del tutto ripreso. I numerosi esami clinici/strumentali e le visite specialistiche eseguite, hanno dato tutti esiti negativi, facendo pensare al mio medico, che la causa fosse da ricondurre il tutto ad un forte stress. Mi sono stati per tanto prescritti una serie di integratori (sali minerali, vitamine), e circa intorno al 10 gennaio il Cipralex. Premetto che di farmaci comunque con efetti penso più o meno simili ne avevo già presi; mi riferisco al Laroxil, preso però come cura per le cefalee, e il Deniban, sospeso però dopo poco. Nesuno di questi due farmaci mi ha dato effetti collaterali, mentre non posso dire la stesa cosa per il Cipralex, o almeno credo. Cioè dopo forse uno o massimo due giorni dall'inizio della cura, ho avuto lo stomaco molto scombussolato, in associazione ad abbondanti sudate notturne e alla comparsa di una sensazione di nodo alla gola (sensazione mai sprimentata in vita mia, e comparsa così da un giorno all'altro), come se ci fosse qualcosa bloccata al livello della gola, che mi causa veramente un grande fastidio, quasi anche a deglutire. Mentre i primi due sintomi dopo poco più di una settimana si può dire essere scomparsi quasi del tutto, il nodo alla gola è rimasto. Ora la mia domanda è: potrebbe effettivamente essere uno dei sintomi collaterali dati dal farmaco? Se si, è normale che dopo due mesi (lo prendo all'incirca dal 10 gennaio. Ho cominciato con una dose di 5 gocce al giorno per 1 settimana, 10 per la seconda settimana, e 15 dalla terza in poi) questo sintomo persista ancora? E secondo un vostro parere, sarebbe il caso di continuare lo stesso? Io sono a conoscenza che con questa tipologia di farmaci a volte sia richiesta una buona dose di pazienza, ma questa sensazione alla gola è molto fastidiosa, e soprattutto inizio dopo tutto questo che non va via, a preoccuparmi del fatto che magari possa non riguardare il farmaco, ma altro. Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Potrebbero essere effetti collaterali comuni e la questione andrebbe valutata dallo psichiatra per capire se va aumentato più lentamente.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 520XXX

Buongiorno dottore, la ringrazio per la risposta. Tengo comunque a precisare che la prescrizione l' ha effettuata il mio medico di base. Però è strano, perchè già comunque a bassi dosaggi (circa uno o due giorni dopo l'inizio della somministrazione, con un dosaggio di sole 5 gocce al giorno) i sintomi si erano presentati.