Utente 510XXX
Buongiorno circa sette mesi fa ho avuto un attacco di panico a lavoro O meglio ho avuto un fortissimo giramento di testa. Da quel giorno ho avuto sempre ansia una sensazione di vertigine e confusione mentale. Ho iniziato a soffrire di panico secondo me perché ho avuto un periodo di forte stress. Causato dalla chiusura di un attività personale e dal trasferimento in Germania. Dove sono arrivato a lavorare anche per 12 ore al giorno. Sono ritornato nel mio paese per prendermi del tempo per me è curarmi. Sono andato da un neurologo che mi ha prescritto la seguente terapia. 1 compressa vertigoval la mattina. 1 compressa di eracalm prima di pranzo. 10 gocce di seropram intorno alle 13. Iniziando con 3 E aumentarle di.una goccia al giorno fino ad arrivare a 10. Ho iniziato questa cura da una settimana.e sette gocce di lexotan al bisogno che nn voglio prendere. Sto malissimo ansia angoscia tremori nausea stanchezza. Sono fiducioso riguardo al mio futuro. Mi sono sentito con il mio neurologo e mi ha detto che per 15 giorni posso avere alti e bassi. È che dopo inizio a migliorare. Ora signori dottori vi chiedo si guarisce? Si può cadere in depressione avendo attacchi di panico? È normale avere questi effetti collaterali? La mia diagnosi è di disturbo di ansia con vertigini soggettive. È partito tutto da un forte giramento di testa. Si può ridurre così una persona? Esco ho viaggiato con l aereo sto in luoghi affollati insomma cerco di affrontare il problema. Ma da quando ho iniziato la cura sto una cacca. Voglio solo ritornare a vivere la mia vita come prima e soprattutto senza avere questi disturbi fisici che sono veramente devastanti. Grazie per la vostra attenzione signori. Speriamo bene

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

"La mia diagnosi è di disturbo di ansia con vertigini soggettive. " Un po' vago, ma se parlava di panico, significa che è stato definito così o no ?
Comunque, la terapia come detto dal medico impiega un po' per essere valutabile, 2-4 settimane, ed è vero che all'inizio si può stare meglio/peggio/uguale e in maniera non stabile.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 510XXX

Dottore la ringrazio per la risposta.
La diagnosi è di disturbo di ansia.
Effettivamente io non ho mai avuto un attacco di panico. Anche nelle crisi più forti ho solamente avuto somatizzazioni di ansia. La sensazione primaria è la vertigine.
Adesso però da quando prendo il seropram mi sento abbattuto e un po angosciato. Io sono fiducioso riguardo la cura e aspetterò l effetto del farmaco.
Io non voglio stare per tutta la vita così.
Ma sono fiducioso

[#3] dopo  
Utente 510XXX

Dottore scrivo per avere una delucidazione.
Faccio una premessa sono a 10 gocce di seropram ed è il 9 giorno di terapia che faccio. Ma.assumo la dose piena di seropram solo da due.
Volevo chiederle se faccio bene a non prendere il lexotan quando sono particolarmente ansioso. Non voglio prendere troppe medicine. E volevo chiedergli se questi effetti collaterali sono normali. Vertigine, un po di angoscia, sbadataggine, stanchezza mi sento le gambe molli. Il mio medico curante mi ha detto che per i primi 15 giorni sarà così. Un altra cosa la notte a volte mi sveglio e necessito di muovere le gambe come se dovessi scalciare.
Un'altra puntualizzazione... quando gioco a calcio durante e dopo la partita sono Come rinato. Zero ansia, praticamente come prima di avere gli attacchi di panico.
Le chiedo se è normale avere questi effetti.
Le scrivo perché con il mio neurologo ci teniamo in contatto. Ma vorrei sapere anche una sua opinione. Così Per curiosità.
La ringrazio vivamente

[#4] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ripeto, è semplicemente all'inizio di una cura, non ha senso far ragionamenti da capo sul disturbo.
Non chieda indicazioni su come utilizzare le medicine, si attenga a quanto le dice il suo medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it