Utente 213XXX
Buonasera, chiedo scusa se mi ripeto su alcune cose, ma volevo gentilmente sapere se sono ancora in tempo a cambiare benzodiazepina; già ho descritto in altri consulti le problematiche avute e che ho: 5 anni inutili di Xanax 0, 50 rp 1 al giorno, per errato e "saltellante" scalaggio con successivi sintomi fortissimi, il nuovo Specialista mi passa al Rivotril, che assumo da circa 15 giorni, inizio 9, adesso 8 gc in totale al giorno (hanno tamponato ma molto relativamente), informandomi e facendo un pò di conti mi sono resa conto che da quel basso dosaggio di Xanax sono stata portata ad un farmaco ed un dosaggio molto maggiore, quasi pari, credo, a circa 70 gc di Tranquirit al d' per esempio! Cerco di combattere questa dipendenza balzando a qualcosa di molto più forte?. . . . . . vorrei gentilmente un parere, essendo trascorsi questi 15 giorni ora di Rivotril, prima che la dipendenza si complichi ancor più, sarebbe possibile fare un passaggio non dico immediato, ma a breve termine ad una benzodiazepina più "gestibile" nello scalaggio come il Tranquirit? Oltretutto a breve dovrei fare una gastroscopia ove mi saranno date ulteriori benzodiazepine, mi si sta creando molta confusione; lo Specialista che mi ha dato il Rivotril parla di eventualefutura sospensione di 1 goccia la dì, sempre molto velocemente ed io temo la cosa dopo l'esperienza Xanax, insomma mi sembra di tornare indietro ed i miei sintomi non fanno altro che peggiorare compresa l'ansia chiaramente! Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Gent.mo Dott. Ruggiero,
grazie sempre per le Sue risposte, ma purtroppo il prescrittore aveva già preferito optare con il Rivotril al Diazepam ( faccio presente non dando peso ad una differenza tra i 2 , stiamo là disse). Solo che mi son reso conto che non sono esattamente la stessa cosa, ( oltretutto da un Suo precedente consulto anche Lei sottolineava la cosa); qui non si fanno prescrizioni è chiaro, ma per orientarmi nella confusione che si è creata e per non peggiorare la cosa,volevo solo giusto capire se tali passaggi sono possibili prima che il Rivotril crei una dipendenza ancor più forte, mista a quella che forse?!? ancora ho da Xanax, in modo da poterlo esplicare anche al prescrittore con i miei dovuti dubbi,......è diventato complicato, anche per me, discernere tra il mio disturbo effettivo e la sintomatologia accusata da 5 anni di farmaci dati, scalati male......ciò non detto da me!......e con estrema superficialità, soprattutto in merito all' uso cronico di Xanax ( e non nascondo che tutto ciò mi ha anche buttao il morale proprio giù) Spero comprenda, grazie mille

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Ho già espresso più volte la mia completa non condivisione di tale metodo soprattutto nel suo caso specifico però ovviamente non posso esprimermi diversamente.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 213XXX

......io mi riferisco agli effetti collaterali dei farmaci, io ero ansiosissimo ma attivo, ora mi muovo e ragiono al rallentatore......nonostante interiormente c'è una tempesta al solo pensare "maledetto il giorno che ho iniziato fidandomi, nonostante la mia reticenza.

[#5] dopo  
Utente 213XXX

Dottore grazie , si in effetti si era già espresso sulla non condivisione, chiedevo solo un parere sull' uso benzodiazepine in generale, cioè se è possibile e conveniente "riparare" a un tale passaggio avvenuto, con altra benzodiazepina più "gestibile" in tempi brevi, prima che il Rivotril acquisisca più forza.......null' altro di più specifico e che non si possa esprimere sul sito chiaramente. Grazie