Utente 389XXX
Buonasera, da circa 7-8 mesi assumo sotto prescrizione del neurologo 5 gocce di laroxyl alla sera per il trattamento della cefalea tensiva.
Al momento non posso recarmi dal mio neurologo, intanto la cefalea tensiva si è attenuata ma è comparsa quella che credo sia una forma di cefalea a grappolo (orecchie che improvvisamente si tappano, naso che cola, fitte fortissime unilaterali e senso di svenimento con la vista che si annebbia, dolori che durano qualche minuto, si attenuano e poi ritornano più volte nella giornata) quindi pensavo, dato che ultimamente sto assumendo diversi medicinali per la cura del reflusso gastrico, di interrompere la terapia con laroxyl (soffro anche di tachicardia sinusale e vorrei capire se le gocce stanno come penso accentuando il sintomo).
Mi confermate che il laroxyl non ha nessun beneficio per il tipo di cefalea che ho ora?
Vorrei inoltre sapere se posso interrompere l'assunzione in maniera drastica o se è meglio scalare le gocce e se sì in quale modo.
Ringrazio in anticipo!

[#1]  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
12% attualità
16% socialità
TERNI (TR)
VITERBO (VT)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
1) la Cefalea a Grappolo è piuttosto rara nella donna, e comunque la diagnosi la deve emettere il neurologo.
2) l'amitriptilina (Laroxyl) può essere d'aiuto nel reflusso gastro-esofageo ma può aumentare la frequenza cardiaca
3) in ogni caso non si sospende drasticamente
4) consiglio: non faccia da sola.
Auguri
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-