Utente 414XXX
Salve dottori, nel brutto caso si dovesse prendere il virus e finire in ospedale intubato come si procederebbe nella terapia antipanico data dallo psichiatra?
Si andrebbe a sospendere di colpo la terapia con tutte le conseguenze del caso?
È una domanda che vale anche per chi fa altri tipi di terapie.
Grazie.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,



"Si andrebbe a sospendere di colpo la terapia con tutte le conseguenze del caso?"

Ma quale terapia, non parliamo di nessuna medicina nello specifico, e perchè poi sospendere una cura dovrebbe comportare "conseguenze del caso" così senza specificare cosa ? E perché preoccuparsene proprio mentre uno si sta curando una polmonite del resto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Ad esempio io sto seguendo una terapia antipanico con 10 gocce di Citalopram. In quel caso si sospenderebbe di colpo con la conseguenza di avere sintomi dovuti alla brusca sospensione. La verità è che forse nemmeno i medici hanno delle risposte.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Può essere che sospendendo di colpo ci siano sintomi di sospensione, non è sempre così. Ma mi scusi, se uno è ricoverato per una polmonite e deve prendere altre terapie può darsi benissimo che le sospendano quelle non strettamente necessarie in quel momento, anche perché la priorità immediata è diversa.

Le sembra di dover far polemica su questo problema inesistente e privo di senso ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it