Utente
Buongiorno a tutti voi specialisti, sono una ragazza di 17 anni, vi scrivo per chiedervi un consiglio sulla cura farmacologica che sto seguendo per disturbo ossessivo compulsivo e attacchi di panico.

Soffro da due anni o più di doc, inizialmente si manifestava con eccessivo lavaggio delle mani e del corpo in generale, andando avanti però ho iniziato a capire che questo comportamento non era affatto nella norma, perché i miei lavaggi eccessivi diventavano una specie di "scacciapensieri" quando avevo pensieri fastidiosi che mi procuravano ansia e mi davano un sollievo momentaneo tra un'ossessione e l'altra.
Mi documentai sul mio disagio e scoprii l'esistenza di questo disturbo.
Decisi di rivolgermi ad uno specialista quando accadde che il doc mi procurò un forte stress, causandomi depersonalizzazione per pochi istanti, ma lasciandomi stati di angoscia e ansia che ogni tanto mi accompagnavano durante la giornata causandomi attacchi di panico forti...
Così assieme alla mia famiglia decidemmo di rivolgerci ad un neurologo, il quale attenendosi alla mia situazione, mi prescrisse il risperdal, farmaco che ho dovuto sospendere dopo un mese a causa di sonnolenza e forti mal di testa e così il neurologo me lo sostituì con il mutabon mite, (iniziando con mezza pasticca mattina e sera x 10 gg per passare poi a una al dì e una la sera) farmaco che sto assumendo da quasi due mesi a questa parte.

Con il mutabon ho avvertito dall'inizio subito dei miglioramenti riguardo l'ansia e infatti pensavo che nei giorni a seguire sarei stata meglio, poi però ho dovuto iniziare a diminuire la dose come facevo inizialmente con mezza compressa, perché con due non mi arrivava il ciclo.

Così fino ad oggi prendo mezza al dì e mezza la sera mezz'ora prima di addormentarmi, solo che in questi giorni avverto di nuovo quegli stati di angoscia e panico come prima e non mi sento ancora in equilibrio con la mia psiche non so come spiegarmi, non mi sento ancora del tutto bene e per questo volevo domandarvi se sarà giusta la dose che sto prendendo e questi sintomi di ansia passeranno e devo avere solo un pò di pazienza?

grazie mille a chi mi risponderà

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Praticamente ci ha illustrato quale era la dose giusta, dopo di che ci ha detto che calandola va peggio. Le domande in coda sono domande da doc, chiede a noi quello che ha già spiegato Lei. Il resto sono semplici domande aperte senza una risposta, del tipo "come andrà".
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio per la sua risposta dottore,
quindi praticamente questi stati di ansia che sto sentendo in questi giorni sarebbero legati al mio disturbo, ma volevo sapere se il mutabon secondo voi è efficace sul doc, se magari andando avanti nei giorni la dose che sto assumendo del farmaco mi aiuterà ad attenuare questi stati di ansia con pensieri intrusivi, ovviamente in tutto questo metterò anche buona forza di volontà per tenermi impegnata in qualcos'altro.
Grazie ancora per la disponibilità

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è una classica terapia antidoc, però è una cura usata spesso quando ci sono diversi tipi di sintomi, o diagnosi concomitanti, per cui usare un antidepressivo antidoc darebbe dei rischi di agitazione, o quando già la persona ha provato farmaci classici senza beneficio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#4] dopo  
Utente
Buonasera a tutti, scrivo qui di uovo questa sera per un'ulteriore informazione sul farmaco mutabon.
Sottolineo che in questi giorni sono stata molto meglio e oggi mi sento meglio, volevo valutare con il mio neurologo il fatto di iniziare a scalare il farmaco siccome sono migliorata, i pensieri intrusivi si presentano raramente e sono più controllabili.
Vorrei iniziare a scalare il farmaco in particolare per evitare effetti collaterali che le due molecole (amitriptilina e perfenazina) possono darmi se lo assumo per troppo tempo, ho paura che possa darmi problemi cardiovascolari o altri sintomi gravi che possono presentarsi... per questo volevo chiedere se questo farmaco possa dare effetti collaterali gravi se assunti troppo a lungo (ad esempio più di 4 mesi) anche se per adesso non ho avvertito nessun effetto collaterale per ora.
Grazie e buona serata

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi pare stia facendo un discorso poco pratico. Lei ha ricevuto una prescrizione, per cui un conto è se si pone in maniera ossessiva questa domanda, altro è se qualcuno le ha detto di smetterlo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"