Sono affetto da schizofrenia?

Buongiorno, sono Lorenzo, un ragazzo di 17 anni.
Da circa 4 mesi sto vivendo una fase depressiva caratterizzata da ansia (diciamo che va e che viene) e depersonalizzazione (a volte più intensa a volte meno).
Tuttavia, il sintomo più terribile è l'apatia.
Infatti, mi sembra di non provare più emozioni dagli eventi (un bel voto, squadra del cuore ecc) e rimpiango i periodi in cui mi esaltavo per ciò che ora ritengo stupido (Es.
l'Inter ieri ha vinto2-0 con la Juventus.
Io, interista, invece di essere contento provavo un grande senso di frustrazione perchè immaginavo la gioia che avrei provato 4 mesi fa, ma che adesso non mi sfiora).
Ovviamente questo è solo un esempio, e l'apatia è talmente forte da farmi sembrare l'intera esistenza inutile.

Ho letto su internet che la schizofrenia si potrebbe manifestare proprio in questi termini, ovvero con dei sintomi negativi che precedono i classici.
Ecco, ora ho una paura enorme di essere schizofrenico.
Sono quasi convinto di ciò, nonostante psicoterapeuta e psichiatra mi abbiano detto che non vedano in me traccia di schizofrenia.
Dicono che non lo saprei e che non sarei andato da loro se lo fossi veramente.

Tuttavia, mi preoccupa molto l'andamento "negativo" della mia depressione, partito da leggera ansia e finito a idee di suicidio, nonostante il trattamento tempestivo.
Inoltre, il mio stato depressivo è saltato fuori praticamente "dal nulla", senza una causa scatenante.

Ora controllo la fonte di ogni suono per assicurarmi di non avere allucinazione, ma a volte faccio dei pensieri strani (ad esempio oggi, durante la lezione, ho avuto un flash, e non mi sono riconosciuto per un attimo).
O ancora, vedevo che mentre ero sul letto sul punto di addormentarmi immaginavo delle storie da 0, con dei personaggi e delle città.


Possono essere tratti di schizofrenia o la mia è una suggestione esagerata?
Grazie
[#1]
Dr.ssa Franca Scapellato Psichiatra, Psicoterapeuta 3.9k 192 21
Come indicato sul regolamento di questo sito non possiamo rispondere a minorenni. Se anche fosse maggiorenne non possiamo fare diagnosi. Può chiedere al suo medico, o informarsi se nella sua zona ci sono servizi per il disagio psicologico degli adolescenti.

Franca Scapellato