Come si guarisce da disturbi mentali/alimentari?

Buonasera, mi presento: Sono una studentessa di 19 anni e sto facendo il primo anno di biologia fuorisede.
Mi ritrovo da anni con una forte difficoltà a stare nella "materia", nella normalità e nelle vicende di tutti i giorni.
le vivo in modo estremamente pesante e noioso.
Penso di avere una depressione.

Anni fa mi è stata diagnosticata in forma leggera.
Ora la sento completamente peggiorata e sento di non poterne uscire.
Mi sembra di vivere in una realtà fittizia.
I miei problemi nascono dal fatto che ho un cervello che è come un cavallo senza redini, come una diga senza argini.
Le mie forme pensiero sono ansiose e piene di "se" "ma" "forse" e penso a moltissime cose dissipando così le mie preziose energie che potrei dedicare allo studio (infatti sono indietro di 5 esami).
Mi ritrovo in una vita che si potrebbe dire perfetta, ma la vivo con un malessere mentale e fisico che non riesco più a sostenere, semplicemente perchè è davvero tutto nella mia testa.

Sono in terapia da 8 anni con una bravissima psicoterapeuta ed ho cambiato 3 volte psichiatra facendo anche cure farmacologiche qualche volta.
Ora sto cercando di essere più stabile con quello attuale, però non mi sento più aiutata come una volta.
Sento che è il classico momento dove mi sento tutti contro e sento di non poter essere capita in NESSUN modo da nessuno...
la mia mente, ripeto, fa pensieri assurdi.
Spesso penso al fatto che viviamo in una società malata dove le aziende ci propinano zuccheri e carboidrati per tenerci "drogati" e "dormienti", una società che crea telefonini e televisioni per farci rimanere "morti".
Queste sono solo poche delle mille consapevolezze che invadono la mia testa ed il pensiero che consumiamo inconsapevolmente cibi tossici su cibi tossici come carne e latticini (tossici per l'ambiente) non curandoci del male che fanno ad altri individui (gli animali) come fa a farmi vivere bene?.
come faccio a guarire in una società cosi ed a fidarmi del prossimo che non sente e non vede?
e soprattutto di psichiatri/psicologi che dormono allo stesso modo quando dovrebbero andare oltre a questo classico mondo per comprendere profondamente le sofferenze?
Riconosco la mia mancanza di fiducia.
Questo non è l'unico problema.

i miei sbalzi d'umore sono come delle montagne russe e spesso utilizzo il cibo come anestetico delle mie sensazioni/pensieri.

Sono di 20kg sovrappeso e mi sembra di non poterne uscire in alcun modo.
Negli anni ho fatto "due grandi diete" che mi hanno fatto perdere questi 20 kg (circa) ma è un continuo sali-scendi.
ora sto ritornando ad essere obesa e non sopporto più questa cosa (anche perchè non piaccio a molte persone cosi grassa), poi quando dimagrisco mi sembra di avere il mondo in mano.
che vita! vorrei sparire.
come posso riprendere in mano la mia vita?

Mi scuso per il papiro e per eventuali errori grammaticali ma sono in un momento difficile in cui non dò importanza a nulla.
per ulteriori approfondimenti scriverò il resto sotto le eventuali risposte.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35,3k 861 226
Il percorso della dieta dimagrante non è scientificamente un metodo di controllo a lungo termine del peso, anzi.
Per quanto riguarda le diagnosi formali e i farmaci presi, quali sono ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

Tutto su dieta e benessere: educazione alimentare, buone e cattive abitudini, alimenti e integratori, diete per dimagrire, stare meglio e vivere più a lungo.

Leggi tutto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio