Utente cancellato
Salve...ho da porvi questa parte particolare del mio carattere. Con le ragazze non ho avuto grandi problemi :-) nel senso che il più delle volte sono stato corteggiato...non ho mai avuto storie serie e lunghe ma tante storielle che la maggior parte delle volte sono andate perse perchè non mi sentivo abbastanza innamorato. Ora ho conosciuto una ragazza che mi piace davvero per me unica e "rara"...ecco questa è l unica volta che mi sento in difficoltà...le cose vanno bene ma ho una continua paura (credo sia normale in amore) di perderla...ed inevitabilmente comincio a comportarmi come con tutte le altre cioè mi faccio sentire poco...forse perchè ho paura di annoiarla e di farle perdere quello stato di tensione...cioè con le ragazze mi è sempre piaciuto in un certo senso giocare...farle correre dietro a me. ORa però che di questa mi importa qualcosa mi sento spiazzato. Forse sono troppo egoista e desideroso di creare sulla mia persona quell alone di mistero e di "irrangiungibilità" che fin ora mi ha aiutato ad avere successo cn le donne :-D...forse sono sintomi di qlke mia insicurezza...paura di perderla da un momento all altro...e quindi mi adopero a distaccarmi un pò da lei...so che queste cose che ho appena detto sono tutte cavolate e che l amore è altro...non so se chiamarlo narcisismo o altro...non so da dove mi viene sta paura improvvisa di annoiarla di farla disinteressare di me...aspetto un vostro consiglio.

[#1]  
Dr.ssa Chiara Govoni

20% attività
0% attualità
0% socialità
ROVIGO (RO)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
avrei bisogno di maggiori dettagli sulla situazione In particolare avrei bisogno di sapere quanti anni ha lei e quanti la sua ragazza, da quanto tempo vi frequentate, ecc...
Le chiedo ciò perchè ovviamente la risposta è variabile a seconda delle età e i problemi connessi anche. Gli adolescenti che conoscono i primi amori e le prime conquiste sono diversi dai ventenni, che sono diversi dai trentenni e così via.
Cordialmente,
Dr.ssa C. Govoni
Dr.ssa Chiara Govoni
Psicologa e dottore di ricerca in Scienze Psicologiche
tel: 328-9148437
web: www.chiaragovoni.it

[#2]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
"non ho mai avuto storie serie e lunghe ...la maggior parte delle volte sono andate perse". Solo perché non era innamorato?

Ciò che lei riferisce sembrerebbe evidenziare un timore ad andare a fondo nelle sue storie, a stringere un legame più profondo e duraturo.
Questa volta è diverso poiché vorrebbe che la storia continuasse, ma ancora lei mette in atto lo stesso atteggiamento di difesa con le sue strategie di allontanamento. Lei dice che forse è per creare l'alone di mistero, forse per qualche sua insicurezza o per paura di perderla. In realtà bisognerebbe guardarsi meglio dentro e comprendere da dove vengono queste paure, come lei sta cercando di fare.
Lei dice che teme di annoiarla, perché? Cosa pensa possa desiderare questa ragazza che lei non riuscirebbe a darle?
Fugge dall'altro per interessarlo o fugge dal mettere alla prova se stesso?

C'è qualche connessione con quanto ha scritto nei post precedenti?

Cordialmente
Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#3] dopo  
175667

dal 2010
Il problema del post precendente l ho risolto :-) è capitato solo una volta e mi ero già allarmato!!! non è una questione sessuale...anzi nelle storie precendenti sn andate perse ma il sesso è stato ok(anke se ora per motivi religiosi ho deciso di non aver rapporti prima del matrimonio) !!!...ora il punto è la paura di perderla...che non ho mai avuto....cerco di allontanarla per alimentare il suo interesse so che è fanciullesco :-D

[#4]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
"cerco di allontanarla per alimentare il suo interesse". Questa sua tattica potrebbe invece sortire l'effetto opposto.

Sarebbe opportuno che lei riuscisse a comprendere meglio il significato di questo suo comportamento per poterne adottare uno più idoneo a costruire un rapporto nel quale lei riesca a porsi in modo più autentico.

Le sarebbe magari utile chiedere un consulto in presenza ad un collega, non potendo da qui assolvere in modo adeguato alle sue necessità.

Cordialmente
Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it