La mia famiglia

SALVE,HO 23 ANNI,è MI SNETO PERSA, OGNI VOLTA CHE MI GUARDO DIETRO NON VEDO UNA FAMIGLIA DUE GENITORI D'ESEMPIO MA SOLO DISCUSSIONI E PROBLEMI ;HO SMEPRE AVUTO VERGOGNA E NON HO MAI MOSTRARTO I MIEI GENITORI VANTANDOMI DI LORO...
NON SONO STATI QUELL'ESEMPIO CHE OGNI GENITORE DOVREBBE ESSERE PER I PROPRI FIGLI, QUNANDO LI GUARDO NON VEDO ALTRO CHE BUOI NON VEDO ALTRO CHE DUE PERSONE CAPACI DI FARE L'IMPOSSIBILE PER RENDERMI LA VITA IMPOSSIBILE...
HO LAVORATO PER QUASI 2 ANNI PER SOSTENNERLI ECONOMICAMENTE E TUTTO FILAVA LISCIO QUANDO PER DIVERSI MOTIVI HO PERSO IL LAVORO SONO INIZIATI I PRIMI PROBLEMI FINO AL PUNTO DI CACCIARMI DI CASA...SONO ANDATA A CONVVIVERE CON IL MIO RAGAZZO E DOPO 3 MESI SI SONO FATTI VIVI ORA HO PAURA, PAURA CHE POSSANO ROVINARE L'EQUILIBRIO CHE HO COSTRUITO IN QUESTI MESI..CREDIMI POTREBBERO ESSERE CAMBIATI MA FINO A CHE PUNTO LE PEROSNE CAMBIANO!? AIUTATEMI A LIBERARRAMI DA QUESTA INFANIA NON VISSUTA HO DOVUTO FARGLI DA GENITORE ED ORA SENTO IO IL BISOGNO DI UN GENITORE DI UNA FAMIGLIA ALLA QUALE RIVOLGERMI MA CHE FORSE SONO DESTINATA A NON AVERE....MA NON PERDONARLI EVITARE DI FARLI ENTRARE NELLA MIA VITA BHE NON SO FINO A CHE PUNTO POSSA SERVIRE...
[#1]
Dr.ssa Graziella Tornello Psicologo, Psicoterapeuta 218 4 16
Gentile utente,
è assolutamente comprensibile che lei si senta persa. Alla sua giovane età si ha ancora bisogno di avere solidi punti di riferimento. Da quanto ci dice, non è detto che i suoi genitori possano assolvere a questo ruolo...chissà, magari potrà trovare nella famiglia del suo ragazzo la stabilità e l'amore che non ha sentito sino ad ora. Io glielo auguro di tutto cuore.
Non credo però sia utile troncare del tutto con i suoi genitori. Lo strappo del distacco potrebbe continuare ad arrecarle dolore anche con il passare del tempo.
Penso che potrebbe invece aiutarla un percorso psicologico per imparare a perdonarli nelle loro imperfezioni, per fare in modo che non continuino (anche se involontariamente) a farle del male. Provi a rivolgersi ad un professionista che possa ascoltarla, accogliere la sua sofferenza ed aiutarla pian piano ad elaborarla.

Molti auguri per il suo futuro.

Dr.ssa Graziella Tornello
Psicologa - Psicoterapeuta individuale, di coppia, di famiglia.
www.psicoterapeutatornello.it

[#2]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 134
Non abbia paura che i suoi genitori rovinino quello che sta costruendo: se lei non glielo permetterà non potranno farle nulla di male ora che ha un compagno e una casa, e che non vive più con loro.
E' importante però che lei non tronchi del tutto il rapporto con loro perchè questo potrebbe ritorcersi prima di tutto contro di lei e la sua futura serenità, ma non si aspetti neanche cambiamenti improvvisi.
Cerchi di riallacciare i rapporti un po' alla volta, con molta calma: le cose non sono bianche o nere, e anche il perdono ha bisogno di tempo e non ce lo si può imporre per convenienza.

Ad un'età così giovane lei è stata capace di prendersi grosse responsabilità e di uscire in maniera positiva, costruendo qualcosa, da una brutta situazione, quindi le faccio i miei complimenti e le auguro di rendere sempre più solida la storia che sta vivendo e di creare una famiglia tutta sua, magari potendo contare in futuro anche sui suoi genitori.

Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test