Utente
Premessa sono un tipo piuttosto ansioso, e questo periodo è molto stressante per me a casusa della scuola dove non vado per niente bene e si ripercuote anche in casa con continui litigi con mio padre. E nelle ultime settimane ci sono dei momenti dove avverto strane sensazioni. Per esempio mi sento come se la mente fosse estranea al corpo o che quello che sto facend-vivendo sia bho una specie di film come se facessi tutte cose scontate non so spiegarlo bene, e queste sensazioni mi vengono quasi sempre quando inizio a pensarci a questa cosa quindi credo sia dovuto alla fatto che sono ansioso. Fino a un pò di tempo fa raramente avevo fenomeni di depersonalizzaione e dererealizzazione che duravano poco però adesso non mi vengono piu, la sensazione che mi viene adesso è diversa. E sopratutto mi viene quando ci penso, cioè ci penso talmente tanto che poi mi convinco e dinche non mi ditraggo con altro mi rimane. E ultima cosa credo che questo sia dovuto anche alla situazione di stress dovuto alla scuola perchè fino a 10 giorni fa avevo fatto 2 settimane dove andavo allo stage quindi non andavo a scuola e in quelle settimane non ho avuto niente ed ero tranquillo anche perchè in casa non litigavo piu con mio padre mentre da quando sono tornato a scuola sono ripresi alcuni episodi del genere che durano da massimo un mese. Volevo sapere se può essere che cio sia dovuto allo stress e all'ansia e se c'è un modo di far passare queste sensazioni.

[#1]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Le sensazioni che descrive sembrano sempre depersonalizzazione e derealizzazione e molto probabilmente sono dovute all'ansia. Il modo per farle passare deve esserle prescritto da uno psicologo psicoterapeuta attraverso consulti di persona, non possiamo fare interventi diretti da qui.

Nell'ansioso le sensazioni tendono a cambiare e ad evolversi continuamente, pertanto può sembrarle che si tratti di cose diverse, ma sempre ansia è.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MARIANO COMENSE (CO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Caro ragazzo,

è possibile che queste sensazioni nascano a causa del grande stress che ti deriva dalla scuola e dai litigi che hanno per argomento il tuo scarso rendimento scolastico.
Se durante lo stage sei stato bene si può pensare che intervenendo sulle condizioni esterne che ti provocano stress potresti risolvere tutto, ma se sei arrivato a sentirti così è possibile che non basti impegnarti di più a scuola per non litigare con tuo padre e che sia il caso di contattare anche uno psicologo.
Ci dici infatti che sei piuttosto ansioso in generale, anche al di fuori dei periodi di particolare stress, e questo ti può portare a sviluppare anche in futuro dei disturbi psicologici se non intervieni per abbattere l'ansia di base.
Stai frequentando l'ultimo anno delle superiori e ti devi preparare per gli esami di maturità?
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#3] dopo  
Utente
Sisi è l'ultimo anno e teoricamente dovrei fare la maturità, comunque l'ansia ce l'ho sempre avuta ma in periodi dove sono tranquillo e senza troppe preoccupazioni la avverto molto meno quasi non la avverto. Per esempio questa estate non ho mai avuto preoccupazioni di nessun genere e non ho mai avuto episodi del genere. Sono sempre stato tranquillo e senza troppi problemi, nel periodo delle vacanze natalizie anche le ho passate molto piu tranquillamente rispetto ai periodi che vado a scuola. Poi certo se succede qualcosa mi preoccupo eccessivamente però se sono in un periodo tranquillo anche queste preoccupazioni le vivo molto piu serenamente senza troppa ansia.

[#4]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MARIANO COMENSE (CO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Finora non hai magari avuto molte occasioni per essere stressato, ma in futuro questo potrà accederti sia che tu lavori, sia che tu prosegua gli studi, e la cosa migliore sarebbe intervenire adesso che sei ancora molto giovane e ci sono più probabilità di risolvere del tutto il problema.
L'anno della maturità è un brutto periodo per molti ragazzi, in tanti scrivono anche a questo sito perchè sono in ansia fondamentalmente perchè devono pensare al futuro e prendere delle decisioni, cosa che li angoscia.
Hai iniziato ad andare male solo quest'anno o andavi male anche prima?
Hai già deciso cosa farai l'anno prossimo?
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#5] dopo  
Utente
Diciamo che a scuola non sono mai stato bravissimo ma per mancanza di voglia non per altro e poi ben o male me la sono cavata abbastanza bene sempre, l'unico anno dove ho rischiato un pò è stato l'anno scorso dove però mi è bastato un pò di impegno nell'ultimo mese per riuscire a recuperare tutto. Quest'anno è diverso ho iniziato male pensando che ce l'avrei fatta a recuperare solo che adesso sono messo molto male e non sarei ammesso agli esami e sopratutto ho perso la voglia e le motivazioni per andare a scuola. Se ce la farò a diplomarmi sicuramente andrò a lavorare finita l'estate nel caso non dovessi farcela se avrò l'occasione di trovare un lavoro non troppo pesante per ore lavorative ho intenzione di fare i serali per l'ultimo anno e diplomarmi per poi dedicarmi solo al lavoro una volta ottenuto il diploma. Poi in questo periodo stavo anche pensando a ritirarmi da scuola perchè davvero è diventato solo un peso ormai e fare quelche lavoretto nei mesi di maggio e giugno per far su soldi per l'estate ricominciando poi tutto a settembre.

[#6]  
Dr.ssa Flavia Massaro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MARIANO COMENSE (CO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Se pensi che da settembre rifaresti davvero l'anno non è una cattiva idea ritirarti piuttosto che uscire con il minimo dei voti e senza aver imparato un granchè.
Dovresti cercare di pensare che aver studiato servirà a te e non a tuo padre, e che quindi è tuo interesse diplomarti avendo imparato cose che potrai utilizzare un domani per lavoro (a seconda di quello che stai studiando) e che potranno essere una base utile per frequentare magari un corso post diploma in futuro.

La motivazione è fondamentale, e se prenderai una strada che potrà richiederti ulteriore formazione la seguirai più facilmente se sarà stata scelta da te.
Per tenerti aperte tutte le strade però devi avere una base che ti permetta di scegliere senza la preoccupazione di essere all'altezza: meno sei preparato e più le possibilità si ridurranno perchè dovrai scartare in partenza una serie di possibilità.
Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#7]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2010
Gent.le ragazzo,
se all'interno della tua scuola c'è uno sportello d'ascolto potrebbe chiedere un colloquio con uno psicologo che ti aiuti a fare il punto della situazione e a ridefinire le tue priorità, oppure in alternativa puoi rivolgerti al Consultorio familiare della tua ASL.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it