Mi sento trascurata dal mio ragazzo che dichiara di amarmi

Buonasera a tutti. Vi espongo la questione di cuore per colpa della quale sto soffrendo abbastanza, sperando che mi possiate dare dei consigli.

Sono stata fidanzata con Luca 4 anni.
Io sono dell'87, lui dell'85.
All'inizio sono stata benissimo insieme a lui, pensavo di non poter trovare ragazzo migliore, al punto che avevo proprio messo in conto di passare una vita intera insieme a lui. Ci conoscevamo in famiglia, andavamo in vacanza insieme (4 vacanze della durata di due mesi trascorse insieme) e ci vedevamo ogni week-end, dal venerdì alla domenica e all'università: era un mio compagno di corso (un po' in ritardo con gli esami, quindi frequentava con me).

Dopo i primi due anni, nonostante stessimo così bene insieme, ho iniziato a mettergli le corna con un paio di ragazzi, ma senza che la cosa mi piacesse... Lo facevo più che altro per sentirmi apprezzata, visto che sono una bella ragazza e non mi bastava dimostrarlo soltanto a me stessa... Però (sembra assurdo) lo amavo lo stesso!

L'anno scorso, intorno a novembre, ho mandato (dopo una serata a base di alcol tra amici, quindi senza motivo) un'email a un mio professore universitario molto bello che ha rifiutato di conoscermi perché già sposato. Quando ho letto la sua risposta sono rimasta malissimo per il tono, al punto che la sera successiva ho deciso di inoltrare la stessa mail che avevo mandato a lui a un altro mio professore, molto giovane (però di 13 anni più grande di me), che aveva la nomea di essere bruttissimo, trasandato, trascurato, con molta pancia, ecc.

Io lo conoscevo di vista, lo prendevo in giro con gli amici, ridevo e parlavo male di lui per il suo aspetto (capelli lunghi ricci, barba incolta e aveva la nomea di indossare sempre gli stessi vestiti e di sapere di sudore).
Ci siamo conosciuti dal vivo...
Siamo usciti diverse volte...
Insomma, mi sono innamorata di lui (è veramente molto intelligente, mi piace tutto di lui, adesso mi piace anche esteticamente e far l'amore insieme a lui), cosi' è nata una storia stupenda tra di noi, bellissima, al punto che ho lasciato Luca in modo drastico, contenta di questa scelta... Ci amiamo o, almeno, io lo amo...
Il problema è che lui, al tempo della prima email, conviveva da 12 anni insieme a una ragazza della sua età... Quest'estate si è deciso a lasciarla e da un mese circa ha cambiato casa (ne ha presa una in affitto di cui ho l'altro paio di chiavi).

Il problema adesso è questo: all'inizio lui mi mandava email tutti i giorni, email chilometriche, era molto presente e si faceva sentire sempre...
Pian piano ha iniziato a mandarmi 5 messaggi ogni giorno...
Ora si fa sentire soltanto con una telefonata ogni sera, non risponde a molti miei messaggi (lo contatto sempre io per prima) e, soprattutto, ho scoperto (me l'ha detto lui) che con la sua ex si bacia ancora, nonostante non la ami più... Inoltre, lei gli chiede sempre molti favori e lui subito la accontenta, talvolta rinunciando a uscire con me per pulire casa di lei, accudire la gatta mentre lei non c'è, ecc.

Nello stesso tempo, mi concede di uscire con tutti i ragazzi che voglio, si fida del fatto che siamo amici, non mi fa storie, né scenate di gelosia, non mi spia le mail quando potrebbe (e lo so con certezza, da ingegnere informatico quale sono, che non lo fa)... Insomma, non capisco questo suo atteggiamento... Io vivo tutta la settimana per vedere lui, aspettando il week-end, mentre lui molte volte ha da fare la spesa per lei... Io mi sono persino umiliata a pulire casa di lei e mettere a posto (la tiene malissimo, disordinata e sporca) pur di non far scomodare lui a pulirla...
Inoltre l'ho aiutato tantissimo, sia con dei lavori, sia a sistemare casa (gli ho comprato tutto quello che gli mancava nella nuova casa, avrò speso almeno 400 euro per lui, il che per le mie possibilità attuali non è poco...).

Secondo voi sono io che mi faccio troppi problemi, oppure è lui un po' "strano"? O, semplicemente, ci vogliamo bene entrambi ma abbiamo due caratteri e due modi di fare molto diversi?

Io gli dimostro in tutti i modi che lo amo, lui non fa niente per me ma dice di amarmi...
Io lo cerco spesso (cercando di limitarmi), lui non mi cerca mai ed è talmente preso dal suo lavoro che durante tutto il giorno nemmeno mi pensa (al tempo delle mail, però, sì)...
Io sto andando in palestra, faccio di tutto per essere sempre bellissima per lui (mi sono fatta un fisico come Madonna, pur di attirare attenzioni), lui fa di tutto per ingrassare ancora di più (mangia tantissimi dolci e grassi)...
Io faccio di tutto per vederlo, lui sembra sempre impegnato e, se capitasse di non vederci per un mese, direbbe "pazienza"...

Io non voglio sembrare presuntuosa, ma mi reputo sicuramente una ragazza molto bella e intelligente (giusto per dirne una, lavoro nel campo della programmazione in ambienti distribuiti, php, java, C) e ho preso ottimi voti all'università, nonostante il mio scarso impegno... Quello che mi rode è di essermi innamorata proprio di una persona eccessivamente attenta alla sua vita e a quella dell'altra donna, che non mi dà le giuste attenzioni che credo di meritare, quando tutti gli altri sarebbero disposti a tutto per stare con me...
[#1]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
>>> Secondo voi sono io che mi faccio troppi problemi, oppure è lui un po' "strano"?
>>>

Secondo me siete normali tutti e due, solo che lui ha retto botta, per usare un termine semplice, mentre lei c'è cascta: voleva sedurre a tutti i costi ed è rimasta sedotta. E questo non le dà pace. Se vuole può aggiungere altri dettagli.

Cordiali saluti

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dr. Giuseppe,

in effetti ero abbastanza sicura di poterlo sedurre e, al contempo, convinta del fatto che un uomo "così" (per quanto intelligente, comunque poco raffinato, poco maturo su certi aspetti, brutto, grasso, sedentario, tutto l'opposto di quello che sono io, insomma, a parte il livello culturale in poche parole) non mi sarebbe assolutamente mai piaciuto, ci avrei scommesso la vita...
Voleva dire questo?
Forse è vero, però mi chiedo come sia possibile che tutto "si sia ribaltato"...

Io mi sento per lui come una stella caduta dal cielo invece nemmeno si rende conto di quello che ha...
Potrei sembrare presuntuosa, ma chiunque, oggettivamente, la vedrebbe come me!
(Stava insieme a una ragazza molto brutta, che non amava, che non faceva nulla in casa, poco intelligente, poco acculturata, poco sportiva, sedentaria)... A me non piace parlare male delle altre persone ma, così come posso stimarle, posso disprezzarle per qualche motivo... Io una persona come la sua ex ragazza non la apprezzerei...
E se esalto me è perché nella vita ho fatto moltissimi sacrifici per ottenere quello che sono adesso...

>>> Voleva sedurre e, invece, è rimasta sedotta: <<<

Forse non propriamente: non è che ora lui mi sta piacendo soltanto per quello che mi fa mancare? Il fatto di non avere delle certezze, una persona che ci tratta male fa impazzire noi donne! Forse perché "ce la ricrediamo troppo", siamo troppo convinte delle nostre potenzialità, mentre gli uomini sono (tendenzialmente) più umili in questo...
[#3]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
>>> Forse non propriamente: non è che ora lui mi sta piacendo soltanto per quello che mi fa mancare?
>>>

Perché, pensava che questo non riguardasse la seduzione?

>>> Il fatto di non avere delle certezze, una persona che ci tratta male fa impazzire noi donne!
>>>

Non LE donne, solo quelle di un certo tipo. Come lei, ad esempio, che si sente obbligata a sedurre forse non perché troppo sicura delle sue potenzialita ma, al contrario, perché lo è troppo poco. Un uomo con un minimo di esperienza, se ha abbastanza pelo sullo stomaco, può fare più o meno ciò che vuole quando ne incontra una così.

Mi perdoni per essere stato così franco.

Cordiali saluti
[#4]
dopo
Utente
Utente
Generalmente, non vige la regola per cui "più ci si impegna, più si ottiene più successo"? Solo in amore non è così?
Secondo lei, lui sta giocando con "l'antitesi di questo teorema" oppure, al contrario, è assolutamente sincero e spontaneo?
Io non sono troppo sicura delle mie potenzialità, forse lo sono sembrata... Semplicemente sono fiera di essere come sono, ma davanti agli altri mi sottovaluto e sono umile...
Il motivo per cui mi sono descritta in modo un po', oserei dire, sfrontato è dovuto alla necessità di rendere chiara la situazione, da un punto di vista oggettivo, per poterla esprimere alla meglio...
Più che sfrontata, direi SINCERA...
[#5]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
>>> davanti agli altri mi sottovaluto e sono umile...
>>>

Sì, questo era abbastanza evidente fin dalle prime righe.

>>> Il motivo per cui mi sono descritta in modo un po', oserei dire, sfrontato, è stato per rendere chiara la situazione in modo oggettivo!
>>>

Oppure, perché voleva convincere noi per convincere se stessa.

Come saprà, in amore e in guerra tutto conta e le regole non esistono. L'amore è l'incontro di due egoismi ed è fin troppo comune che una delle due parti sia in qualche modo dipendente dall'altra. Perciò non deve stupirla che il suo ragazzo attuale sia riuscito a sedurla anche se non è il massimo dell'attrattività, perché in realtà è lei che gli ha permesso di sedurla.

Insomma, non è importante ciò che sta facendo lui o i suoi motivi, dato che il meccanismo che sta rendendo possibile l'attuale situazione è tutto dentro di lei.

Cordiali saluti
[#6]
dopo
Utente
Utente
Forse è vero, un po' io mi sento insicura di me, nonostante le "conferme in ambito lavorativo e di studio"*...
* questo non fa altro che denotare sicurezza mascherata...

>>>
Oppure, perché voleva convincere noi per convincere se stessa.
>>>

Forse sono inconsciamente insicura di me e delle mie potenzialità? Oppure credo di valere molto mentre non appena qualcuno che stimo molto crede che io valga poco "me la prendo"?

Aggiungendo dettagli, la persona con cui sto consuma giornalmente hashish... Quando siamo insieme è come se non vivesse realmente "il momento"...


Una domanda: Come mai, in amore, a creare problemi è sempre colui che "si pone problemi"?

Aggiungo un'ulteriore domanda: si possono solo richiedere consulti o si può interagire privatamente con un medico "specifico"? Grazie...
[#7]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 298 182
Lo ha detto lei stessa: si è messa con lui come seconda scelta, perché l'altro l'ha rifiutata. E quando ci si accontenta di una seconda scelta, non ci si può poi lamentare se ciò che abbiamo non è ciò che volevamo.

Quanto all'insicurezza le rivelerò un piccolo segreto: dopo aver risposto a migliaia e migliaia di consulti qui, alcuni di noi hanno capito che quando un utente ha inserito più di una decina di consulti, ci sono buone probabilità che sia insicuro o che soffra d'ansia. Perciò, se non è contenta della sua vita affettiva e se nel breve periodo di pochi scambi per email con me sta già riconoscendo di avere delle questioni che forse non sono così chiare come pensava, sarebbe il caso che ne parlasse con uno psicologo, ma di persona.

Cordiali saluti
[#8]
dopo
Utente
Utente
No, io mi sono messa con lui perché è stato un imprevisto! L'altro non mi ha rifiutata!

In effetti soffro di ansia, e non poco... Ha ragione...

Cmq, stando a quanto lei dice, la colpa di questa situazione è solo mia...
Dai toni in cui scrive, forse anche lei ha vissuto una situazione simile? Perché mi sembra che mi stia dando sempre contro! (io ho anche un po' la mania di persecuzione)
[#9]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Cara ragazza, ti suggerisco la lettura di un libro che con buona probabilità può aiutarti a comprendere meglio la situazione, distanziandotene: "Donne che amano troppo" di R. Norwood.

Saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#10]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio entrambi...

Dottor Giuseppe, ieri forse ho interpretato male certe sue parole, purtroppo questa situazione mi spinge anche a eccedere con birre e altro e alla fine non so più mantenere il filo del discorso.

In ogni caso mi ha reso la situazione un po' più chiara, mi ha fatto riflettere... Non avendo studiato psicologia, mi riesce difficile fare certe osservazioni da sola... Quindi la ringrazio molto.

Quindi, il vostro consiglio è quello di essere meno apprensiva e di preoccuparmi di meno se lui non si fa sentire? Altrimenti, in effetti, finisco davvero per "impazzire" e allontanarlo ancora di più...
Cercherò di essere sempre occupata mentalmente, in modo da non dar spazio a paranoie...

In ogni caso non è molto normale che lui si baci ancora con la sua ex ragazza, ma cercherò di accettare anche questo... In fondo, se lo fa per abitudine (e non perché la ama) posso stare tranquilla... E' come se baciasse la gatta...

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio