Utente 107XXX
Salve, volevo un consiglio riguardo al sostegno che vorrei dare ad un'mica ammalata di tumore. Si tratta di una persona di 50 anni con marito e due figli piccoli, il suo carattere è molto forte, sa sempre rispondere per le rime; in questa situazione peò dopo un periodo di cure durato un anno quando la malattia sembrava bloccata si è ripresentata una metastasi e ha dovuto affrontare altre cure e mentre le prime erano di tipo immunitario le seconde sono chemio e radioterapia. Mentre prima non aveva effetti collaterali evidenti ora le sono caduti i capelli e con il cortisone l'aspetto anche fisico è cambiato. Mentre prima aveva tirato fuori tutta la forza per lottare adesso è arrabbiata con il mondo ed anche a livello familiare è molto irrascibile. L'ho sempre incoraggiata ma adesso mi sento così impotente, mi sembra di riuscire a dirle solo banalità, mentre invece vorrei cercasse qualcosa di positivo per andare avanti e non rinchiudersi. Come posso aiutarla, consigliatemi anche qualche libro da leggere sul tema. Grazie e cordiali saluti.

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora, il modo migliore per stare accanto alla Sua amica, se crede di non avere le parole è proprio non dire nulla. Le stia accanto da amica, le tenga la mano, se la Sua amica ha bisogno di un abbraccio glielo dia.

Saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
se non fosse già così, consigli alla sua amica di rivolgersi ad uno psicologo che la affianchi in questo triste e pesante momento della sua vita.
Potrà così avere uno spazio tutto per sé per poter essere davvero se stessa, esprimendo anche le emozioni negative e gli inevitabili pensieri devastanti che nella quotidianità, anche per la presenza dei due figli, magari è costretta a reprimere.
Questa situazione può avvicinarvi ancora di più se la sua amica potrà cogliere trasparenza ed autenticità nelle sue parole e nei suoi gesti.
Se vuole, può leggere anche i consigli dell'Associazione Italiana Malati di Cancro al link:

http://www.aimac.it/informazioni-tumore/parlare-malato-cancro/cosa-dire_k6Wa_1pt.html

Cordialità.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.psicologi-italia.it/psicol