Pscicoteraupeuta: mi sta rovinando?

Cari Medici, sono una ragazza di 28 anni e vi scrivo perchè non credo che il mio percorso di pscicoterapia mi stia giovando.Quattro anni fa quando in fase di trasloco mi iniziano a venire pensieri continui di morte, cosi tanto dolorosi da augurarmi di soffrire (es: speriamo che non investono il mio gatto, e vabbè che fa se lo investono) ,disperata telefono a mio padre che è medico psichiatra , però i miei sono divorziati per cui devo ricorrere al telefono ,lui mi dice di stare tranquilla e che sono solo pensieri molto probabilmente dovuti al trasloco ed elaborazione lutto di una mia zia carissima deceduta in un incidente.Cmq riesco a gestire,poi l'anno scorso mi influenzo continuamente e mi vengono paura di malattie gravissime,sono sempre in ansia..ma da settembre sto benissimo.poichè si avvicina il mio matrimonio (alla fine di quest'anno) decido che voglio stare ancora meglio togliermi tutte le ansie e cercare di gestire quei pensieri sempre meglio e mi rivolgo ad una psicoterapeuta:Partiamo con paura della morte, malattie e ansia, poi iniziamo a esplorare cosa mi piacerebbe fare nella vita (perchè non faccio nulla e per lei non va bene) la terza seduta è una bomba sto benissimo, il pensiero del mio matrimonio ( dopo 11 anni di fidanzamento di cui 2 di convivenza) mi illumina e mi aiuta, amo il mio fidanzato piu' che mai, la ringrazio,dopo 2 giorni il crollo : "Oh mio Dio sono omossessuale, lascia il tuo fidanzato, glielo devi dire , non lo ami piu' ", vado avanti nella settimana grazie a mio padre e al lexotan,il mio ragazzo è un amore ma non sa...4 seduta : mi smonta subito la mia omossessualità e mi dice di trovarmi qualcosa da fare,va un po' meglio paura dell'omossessualità fugatissima ...la settimana prosegue terribile "dai avanti lascia il tuo amore,ma come fino a 10 giorni era la tua vita..no lascialo lascialo, lo odi, lo vuoi vedere morto." mi dispero e prendo il lexotan ..alle 8 del mattino lo voglio lasciare, alle 10 lo amo..Ma arriviamo al punto 5 seduta: mi dice che sono dipendente da lui, che è diverso dall'amore, che parlo e parlo ma perchè non lo lascio? prima devi capire cosa ti piace fare e poi vedere se stai bene con lui.i miei dubbi e la mia freddezza sono una difesa dalla sofferenza".Esco frastornata non riesco a guardare il mio amore.mi sento male e in colpa.Il pomeriggio scatta qualcosa:" Ma come siamo arrivati a questo punto ? vado per l'ansia e ora voglio annullare il matrimonio? io mi prendo cura della casa, del mio fidanzato, delle mie cose, ho degli hobby..chi lo dice che non faccio nulla.ma come si permette.Mi commuovevo a pensare al mio matrimonio e al mio futuro marito , ho speso tante energie e ora non provo niente: freddezza in tutto, non voglio fare niente, il mio fidanzato ha un entusiasmo pazzesco e io ho angoscia in tutto.Mi sono tornati i pensieri sadici morte e non sopporto l' idea di essere fredda con il fidanzato e convinta di non amarlo piu'..Voi cosa pensate, mi sta rovinando? lascio la terapia ?
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile Utente,

per rispondere alle Sue domande, avrei bisogno di ulteriori informazioni:

quale diagnosi ha posto lo psicoterapeuta? Si tratta di un disturbo ossessivo-compulsivo?
Che tipo di trattamento psicoterapeutico sta facendo, di quale orientamento?

Ha fatto solo 5 sedute per il momento?

Quali farmaci assume oltre al Lexotan?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]
dopo
Utente
Utente
Egr. Dott.essa,
non ha posto nessuna diagnosi, mi ha vagamente parlato di pensiero ossessivo, non di distrubo ossessivo, non so che tipo di terapia stiamo facendo, non lo ha detto e io non ho chiesto..il Lexotan me lo ha consigliato mio papà perchè non riuscivo a dormire ma ne ho preso poche gocce per pochi giorni..La psicoterapeuta non è medico quindi medicinali non ne puo' prescrivere..è psicologa..ma secondo me mi sta nuocendo..io temo di stare sempre peggio perchè prima non vedevo l'ora di vedere il fidanzato , ora ho paura di vederelo perchè ho paura di non provare niente e che devo lasciarlo..
Vi prego aiutatemi a capire, una cosa pura, bella e sicura avevo: l'amore e ora non ho piu' neanche quella
[#3]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
Gentile ragazza,
la sua curante è psicologa e psicoterapeuta?
Se non lo sa, oltre a chiederglielo, può controllare qui
http://www.psy.it
Le ha parlato delle perplessità che ha esposto a noi?
E' inoltre lecito oltre che suo diritto conoscere l'orientamento della sua curante e il tipo di percorso che sta seguendo.
Provi a leggere questo articolo al link
https://www.medicitalia.it/minforma/psicoterapia/533-mini-guida-per-la-scelta-dell-orientamento-psicoterapeutico.html

Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#4]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7,2k 226 108
Gentile ragazza, premettendo che un problema può a vere un'evoluzione ciclica, alti e bassi, remissioni e ricadute, perchè ne attirbuisce il possibile peggioramento alla terapia?

secondo quali riflessioni fa questa ipotesi? perchè non vede miglioramenti o perchè sente che qualche manovra della terapeuta le stia peggiorando il problema?

Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#5]
dopo
Utente
Utente
Si è anche psicoterapeuta..cmq Dott. De Vincetiis io dico che sono andata da lei per altre paure e ora metto in discussione il mio rapporto e il mio matrimonio , l'unica cosa sicura e di cui non avevo paura...e mi chiedo: come ho fatto ad arrivarci? io le dico : non voglio lasciare il mio fidanzato perchè fino a poco fa era la mia vita, però dopo che mi dico "lo amo ", scatta "speriamo che muore oppure lo devo lasciare " lei non mi puo' dire che l'amore finisce e che io sono dipendente da lui che è diversa da amare .. e io non sono dipendente da lui...
se mi dovessi chiedere perchè lo vuoi lasciare risponderei : bho , non lo voglio lasciare, lo amo , no no lo amo lo lascio" ...io sto male ..aiutatemi
[#6]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7,2k 226 108
il suo rapporto è stato elemento di discussione in seduta? che tipo di feedback le ha dato la terapeuta su questo?
[#7]
dopo
Utente
Utente
no mai io non ho mai parlato del mio rapporto..mai..
solo l'ultima volta le ho detto il mio pensiero : non voglio lasciare il mio fidanzato perchè è la mia vita, però dopo che mi dico "lo amo ", scatta "speriamo che muore oppure lo devo lasciare "
lei non mi puo' dire che l'amore finisce e che io sono dipendente da lui che è diversa da amare .. e io non sono dipendente da lui...oppure nel momento piu' felice .."lascialo"
se mi dovessi chiedere perchè lo vuoi lasciare risponderei : bho , non lo voglio lasciare, lo amo , no no lo amo lo lascio" ...io sto male ..aiutatemi

[#8]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7,2k 226 108
Gentile ragazza, quello che racconta sembra tipico del pensiero ossessivo, così come confermato dalla sua terapeuta. Per il pensiero ossessivo, purtroppo, le spiegazioni e/o le interpretazioni fanno ben poco, esso va affrontato con tecniche specifiche di tipo comportamentale (cognitivo-comportamentale, strategico) ma l'applicazione di queste dipende dall'orientamento del terapeuta.
legga questi articoli

https://www.medicitalia.it/minforma/psicoterapia/533-mini-guida-per-la-scelta-dell-orientamento-psicoterapeutico.html

https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/895-la-trappola-delle-ossessioni.html

saluti
[#9]
Attivo dal 2010 al 2020
Psicologo, Psicoterapeuta
gentile cliente, è indubbio che lei in questo momento stia molto male e si senta confusa, si capisce perfettamente dalle sue parole. Parlare a distanza sicuramente non aiuta ma intanto cerchi di star tranquilla e faccia un lungo respiro. Nella vita capita di sentirsi disorientati, soprattutto in vista di grandi cambiamenti quale può essere un matrimonio, un avvenimento che comporta una svolta nella propria vita, è indubbio!! E' NORMALE e COMPRENSIBILE che le possano sorgere dei dubbi, che venga sopraffatta dall'ansia, che ci si chieda se è veramente ciò che desideriamo...E' un passo importante, spesso desiderato e sognato da sempre...ma allo stesso tempo fonte di stress, vedi anche solo l'occuparsi dei preparativi...e spesso ci si ritrova da soli ad affrontare il tutto...!!! Ne parli col suo ragazzo, confrontatevi, esprima le sue emozioni e le sue paure e si sentirà sicuramente più alleggerita...
[#10]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. essa Marzero
La ringrazio tanto, io ho detto al mio fidanzato che sto attraversando un momento di crsi e lui mi ha detto che mi sta accanto, mi capisce e che se voglio mi posso prendere un momento di pausa ma molto lucida gli ho risposto " No voglio stare con te".. Solo che mi spaventano questi pensieri verso una persona fondamentale mi spaventa ancor di piu' la mia freddezza in alcuni casi..ne ho passate tante in 28 anni ma questa per me è ingestibile , non so se ce la posso fare ...la vocina che ho dentro mi fa impazzire..l'altro giorno la mia testa era un terremoto e se avessi avuto una pistola mi sarei sparata..lo amo da 11 anni e il matrimonio per me è un sogno . la mia vita con lui è un sogno ma l'altra parte di me è malefica , mi fa impazzire e ho paura prenda il sopravvento..a volte mi chiedo..ma visto che sono pensieri quali sono quelli veri? vorrei morire
[#11]
Attivo dal 2010 al 2020
Psicologo, Psicoterapeuta
comprendo benissimo che possa essere spaventata! si percepisce perfettamente il calvario che ha dentro di lei...ora quello che mi sento di dirle è di non abbandonare la terapia in questo momento perchè la situazione è troppo delicata, è anche molto importante che lei continui ad assumere la terapia farmacologica che le è stata prescritta. Si ricordi che NON è sola, c'è a fianco a lei il suo ragazzo, che si è dimostrato comprensivo e disposto a condividere con lei questo momento. Come scrive lei, in 28 anni ne ha passate tante..probabilmente ha tenuto duro finora e adesso sta avendo un crollo...
[#12]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dott.essa non prendo il lexotan da un po' e non ho particolari problemi ..solo questi pensieri ..cmq parlero' con la psicologa e vedremo cosa ne pensa lei..cmq vi ringrazio tanto tanto tanto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio