Difficoltà nelle relazioni sociali, specie col sesso opposo

Buona sera a tutti. Sono qui per avere alcuni pareri e per descrivere un mio problema (e magari trovare una soluzione per uscirne). Ho quasi 21 anni e ho sempre avuto difficoltà a relazionarmi col sesso opposto, a causa di questo non sono mai riuscito a fidanzarmi (ho solo avuto brevi e saltuarie frequentazioni con ragazze) e tutto questo sta incominciando a condizionarmi PESANTEMENTE a livello psicologico (e talvolta anche a livello fisico). Quelle poche volte in cui sono riuscito a farmi avanti io con le ragazze è SEMPRE andata male. Vedendo miei coetanei e amici fidanzati la cosa mi mette parecchia tristezza, loro riescono senza alcuna difficoltà a coltivare relazioni/amicizie col sesso femminile, mentre io nulla. Non mi ritengo un ragazzo brutto, direi di potermi definire "normale". Vorrei capire come poter risolvere questa problematica che oramai mi affligge da una vita, visto che cosi non posso andare avanti... l incapacità di riuscire a instaurare un legame con una ragazza e magari anche una relazione mi fa sentire vuoto, incompleto. Anche con i miei amici non ho buonissimi rapporti, sono persone inaffidabili con cui non mi posso confidare e/o parlare riguardo cose delicate. Tutte queste cose (problemi con gli amici e con le ragazze) mi portano molto spesso ad avere sbalzi d umore improvvisi, capita che in un momento sono tranquillo e spensierato e dopo divento triste.

Scusate se mi sono dilungato un pochino, ringrazio in anticipo chi mi risponde
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
Gentile ragazzo,

per uscire da questa situazione bisognerebbe capire che cosa non va. Mi spiego meglio: non sto dicendo che TU abbia qualcosa che non va bene, ma forse la difficoltà che percepisci nel relazionarti con gli altri fa sì che tu venga visto dall'esterno in maniera particolare, magari in modo goffo o distaccato o altro.
Da qui e senza conoscerti non saprei dirlo, ovviamente.

Gli altri (amici fidatissimi) che feedback ti danno? Come ti vedono? e tu come ti vedi nell'interazione con gli altri?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
Per approfondimenti puoi leggere anche questo articolo:

https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1087-le-abilita-sociali.html
[#3]
dopo
Utente
Utente
Ciò che non va è la troppa timidezza che mi assale, e che mi impedisce di "rompere il ghiaccio con le ragazze". Amici fidatissimi non ne ho mai avuto, di me sinceramente non so cosa pensano... anche se per certo posso dire che sono falsi, parlano alle spalle e quando c è un problema non ne parlano col diretto interessato ma con altri. Mi vedono come "una ruota di scorta", nel senso che quando loro hanno bisogno di me si fanno avanti... altrimenti nemmeno mi calcolano. Ho sempre cercato di tenere dei comportamenti corretti nei loro confronti e quando mi è capitato di sbagliare l ho SEMPRE ammesso e mi sono preso le mie responsabilità.

[#4]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
"Mi vedono come "una ruota di scorta""

E tu come ti vedi?

Fa' attenzione a non confondere una cosa molto importante: se abbiamo una bassa stima di noi stessi gli altri lo percepiscono e ci trattano di conseguenza perchè siamo noi i primi a considerarci come persone di poco "valore". Ora, il valore di una persona è chiaramente incalcolabile per definizione, ma se ci poniamo come degli "zerbini" anche gli altri ci tratteranno così. Pensi possa essere il tuo caso?

Quanto alla timidezza, si può cambiare. Ovvero una cosa è essere timidi, consapevoli di esserlo, ma all'occorrenza saper farsi avanti ecc...; ben diverso è non essere in grado di relazionarsi agli altri, o perchè non si sa come fare, oppure perchè c'è qualcosa che ostacola l'avvicinamento agli altri (a livello consapevole o inconsapevole).

Saluti,
[#5]
dopo
Utente
Utente
Sono uno che non si sfruttare dagli altri... e non sono mai stato lo zerbino di nessuno :) Comunque tornando al discorso ragazze vorrei capire come fare per "sbloccarmi" con loro...
[#6]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
Con l'esperienza.
Non è arrovellandosi per capire COME sbloccarsi che potrai cambiare la situazione, ma vincendo le proprie paure e difficoltà che una situazione di questo tipo può cambiare.

Saluti,

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test