Utente
Buonasera,
ho 23 anni, nella mia vita non sono mai stato fidanzato anche se ho avuto varie storielle da una notte e via o brevi relazioni con alcune ragazze anche se da un pò di tempo avevo voglia di innamorarmi veramente.
Durante l'estate ho provato a legarmi ad una ragazza anche se poi la storia non è andata in porto nonostante la mia volontà e a Novembre ne ho conosciuto un'altra che lavorava nella mia città e che ora si è trasferita in un'altra regione.
Nonostante tutto l'affetto che provo verso di lei mi chiedo se questa affezzione sia dovuta al fatto che essendo io una persona molto solitaria abbia visto in lei una persona con cui finalmente stare insieme e che magari voglia continuare questa storia solo per le belle emozioni che lei mi ha dato, non per la sua personalità o i suoi interessi che sono molto distanti dai miei.
Allo stesso tempo frequentarla mi fa stare bene, cosa ne pensate? Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

qual è esattamente la Sua richiesta?

Da novembre è passato poco tempo; si sente legato a questa ragazza?
Che cosa Le piace di lei?
Avere interessi e una personalità diversi è un limite solo se lo consideriamo tale.
Lei dice di stare bene con questa ragazza...
O sente solo di non voler stare da solo?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente
La mia richiesta è: se dovrei continuare o meno a vedere questa ragazza, in quanto io sono combattuto interiormente.
Mi sento molto legato a lei...ma allo stesso tempo ho una sensazione di paura e di negatività.
Mi piace per la sua capacità di ascoltarmi, di essere sempre al mio fianco e di incoraggiamento...e quanto possa ritrovarmi nella sua vita passata.
Adesso tornare ad essere solo mi spaventa, in quanto preferisco di gran lunga qualcuno che sia con me.

[#3]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
La sensazione di paura e negatività, secondo Lei, che cos'è e da dove viene?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4] dopo  
Utente
Dalla paura che in realtà lei non sia adatta a me...in quanto ha interessi totalmente diversi: c'è di sicuro una forte attrazione fisica e molte esperienze e sensazioni comuni ad entrambi. Tuttavia siamo molto diversi...anche nel modo di pensare, cosa che viene notata anche da lei.
Quantificando potrei sintetizzare cosi: attrazione fisica:10; sentimento:10; feeling intellettuale:6...anche perché siamo ancora agli inizi ma io non voglio legarmi ad una persona per poi scoprire non idonea a me...anche se poi staccarsene è difficile in quanto c'è sempre il sentimento che mi fa ritornare sui miei passi. Grazie per la cortesia e la velocità nelle repliche.

[#5]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

non crede che in questa maniera, cioè col Suo modo di pensare, si sta solo complicando la vita?

Lei scrive: "Dalla paura che in realtà lei non sia adatta a me...in quanto ha interessi totalmente diversi..."

Ma come fa a sapere ADESSO se questa ragazza sia o meno "adatta" a Lei? Soltanto il tempo e la storia che vivrete insieme potrà renderlo chiaro!
Lei invece ha l'atteggiamento di chi vuole andare a colpi sicuro...
Questa si chiama ansia.

La vita non è sempre lineare e queste scelte non si prendono a tavolino, ma sono rese chiare dalla frequentazione, dalle esperienze, dagli errori, anche dai litigi e dal modo di litigare e discutere.

Stare insieme a qualcuno non significa avere le stesse idee su tutto; i valori più importanti saranno condivisi e ci sarà accordo, ma non crede che potrebbe annoiarsi se già oggi sapesse come andranno le cose in futuro con questa ragazza e se fosse tutto già chiaro e pianificato?

Perchè fa fatica a godersi la storia e a viversela serenamente?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#6] dopo  
Utente
Ha ragione: infatti se mi immagino senza pensieri con lei mi sento felice, punto a programmare ogni aspetto della mia vita ed a svilire sempre le persone pensando "c'è sicuramente di meglio" con chiunque incontro.
Pensa che dovrei intraprendere un percorso tepaupetico per cambiare questo mio aspetto o posso operare attraverso altre vie?

[#7]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Da qui non posso dirLe se ha bisogno di una psicoterapia, semplicemente perchè per prescrivere una psicoterapia è indispensabile una diagnosi accurata in seguito a una valutazione di persona.

Diciamo che già è una buona notizia sapere di esserne consapevole.
Probabilmente le esperienze del passato, o forse il fatto di essere stato solo a lungo, il modo in cui ha elaborato determinate informazioni, La rendono una persona "preoccupata" più del necessario.

Provi a vivere questa storia con serenità, poi eventualmente si faccia risentire e mi aggiorni, se vuole.

Un cordiale saluto,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#8]  
Dr.ssa Laura Mirona

32% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
TREMESTIERI ETNEO (CT)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Caro utente,

concordo anche io di vivere più serenamente questa relazione. Viva il presente, senza proiettarsi troppo al futuro.
Se nella vita non si rischia e non si vive il quotidiano sarebbe impossibile costruire il futuro.

Cordialità
Dr.ssa Laura Mirona

dottoressa@lauramirona.it
www.lauramirona.it

[#9]  
Dr.ssa Sabrina Franzosi

20% attività
0% attualità
0% socialità
BOLOGNA (BO)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
è interessante vedere la sua scelta del titolo. A volte in amore possiamo avere delle vere e proprie 'fisse', chiamate più drasticamente ossessioni. Non è il primo a provare certi 'dubbi irrisolvibili' sul sentimento che prova per la sua ragazza. Immagino che le domande le rimbombino in testa [ 'sarà quella giusta?' 'E se poi non lo è?' 'Starò perdendo tempo?'] seguite da numerose risposte che cercano di sedare l'agitazione scatenata dalle stesse, come una sorta di auto rassicurazione ['se ci sto insieme sarà perchè mi piace' 'sì, se faccio così è perchè è giusto così']. Cerchi di accettare queste idee che le passano spesso per la testa, accettando anche la loro consistenza 'astratta'.
Si attenga ai fatti e alle sensazioni che prova quando è con la sua ragazza e tenga presente una cosa: a volte non ci sono risposte giuste a domande sbagliate. Il futuro non si può prevedere. Come hanno detto le mie colleghe, si viva il presente e accetti 'alla leggera' quei fastidiosi pensieri. D'altronde sono solo pensieri.

A presto
Dr.ssa Psicologa Sabrina Franzosi
Riceve a Bologna e a Molinella
www.sabrinafranzosi.it