Doc omosessuale e sogni

Buongiorno, sono in cura da 5 mesi e la psicoterapeuta (cognitivo-comport.) mi ha riscontrato un doc omosex unito ad uno scarso "coraggio" verso le donne. In 30 anni sono sempre stato attratto da donne, sempre eccitato solo con loro, mi sono innamorato e avuto cotte solo per loro pur, purtroppo, non avendo mai avuto rapporti.
Devo dire che grazie agli esercizi della TCC le cose sono notevolmente migliorate e l'ansia e i pensieri sono quasi spariti o comunque ho imparato a gestirli abbastanza bene. Ultimamente, però, mi è capitato di fare alcuni sogni a sfondo omosex (anche se non faccio mai direttamente sesso gay nel sogno) in cui ho provato un principio di eccitazione. Esempio anche stanotte ho sognato un uomo nudo svenuto, io che mi avvicinavo a lui, gli aprivo le gambe e gli guardavo il sedere. Nel sogno la cosa iniziava ad eccitarmi, era come se sentissi un principio di erezione, poi smettevo per paura che altri mi vedessero oppure che mi scoprissi indubbiamente gay/bisex, però avevo come la voglia di andare avanti e vedere cosa succedeva, tipo appoggiare il mio pene nel suo sedere. Quindi mi sono svegliato. E' già la quinta volta in pochi mesi che faccio sogni simili, tipo che mi testo guardando o toccando sederi maschili oppure che qualcuno tocca il mio o ci infila qualcosa e ogni volta ho questa sensazione di inizio eccitazione ma mi sveglio poco dopo come se non volessi scoprirne di più. Quando mi sveglio ho realmente il pene che "sta salendo". Se penso alle stesse scene da sveglio non ho eccitazione, la cosa sembra non appartenermi. Non avevo mai fatto sogni a sfondo omosex, anche se in realtà sogno molto raramente anche che ho rapporti con donne, quando succede però, mi eccito e vorrei non svegliarmi mai. Questi sogni sono inziati dopo aver discusso con un ragazzo gay che mi disse che lui si credeva etero ma aveva difficoltà intime con ragazze e faceva sogni a sfondo vagamente gay a cui non dava peso. Poi si scoprì gay. La mia psicoterapeuta dice di non dare peso a questi sogni, secondo lei ho la tendenza a testarmi e al mattino nel mentre ho le normali erezioni mattutine succede che la mia mente inizia a testarsi su questo che è il mio incubo. In pratica prima c'è l'eccitazione data dall'erezione e poi l'incubo che si lega ad essa, mentre io credo che il sogno (incubo) provoca l'erezione in realtà è il contrario. Io non sono affatto convinto da questa spiegazione, a me sembra proprio che è il sogno che causa il principio di erezione (bloccata poi dal risveglio repentino). Ormai ho quasi paura ad addormentarmi nella paura di fare questi sogni e scoprirmi gay/bisex. Secondo voi dovrei sentire anche altre "campane" tipo uno psicoterapeuta maschio oppure uno consigliato da un qualche arcigay?
Uno degli esercizi della TCC è il pensarmi in modo convinto in atteggiamenti omosessuali, devo dire che in 5 mesi ho svolto tante volte l'esercizio ma non ho mai avuto eccitazione (forse però è l'ansia di scoprire ciò che non voglio che la blocca)
[#1]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
>>secondo lei ho la tendenza a testarmi e al mattino nel mentre ho le normali erezioni mattutine succede che la mia mente inizia a testarsi su questo che è il mio incubo. <<
probabilmente la Collega ha ragione, perché sembrano appunto dei "test" per verificare se ci sia o meno eccitazione.

Le erezioni mattutine potrebbero essere "fisiologiche" e non correlate all'evento onirico. La sua ansia probabilmente nasce da questa "falsa associazione".

>>econdo voi dovrei sentire anche altre "campane" tipo uno psicoterapeuta maschio oppure uno consigliato da un qualche arcigay?<<
onestamente non ne vedo il motivo, si tratta sempre di ossessioni (disturbo d'ansia), l'orientamento sessuale non c'entra nulla.

Dovrebbe smettere di mettersi alla prova, i suoi test alimentano il disagio e l'idea fissa.




Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicodinamica
www.psicologoaviterbo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie, ok probabilmente il sogno ha quasi sempre una finalità di test, lo riconosco, però resta il fatto che io nel sogno sento l'inizio dell'eccitazione accompagnato da inizio di erezione. Quindi mi sveglio improvvisamente (il sogno/incubo dura sempre pochi secondi, mai più di 1 minuto, poi mi sveglio) come se non volessi andare oltre a scoprire. Appena sveglio ho effettivamente il principio di erezione, se ripenso anche immediatamente, da sveglio, alla stessa scena, l'erezione non si finalizza ma anzi scompare. Tuttavia la spiegazione della psicoterapeuta non mi convince per niente. Voglio capire se il mio inconscio mi sta dicendo qualcosa e io non voglio/ho paura di scoprirlo. Quindi è per questo che chiedevo se fosse il caso di sentire qualcun'altro.
[#3]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
>>Voglio capire se il mio inconscio mi sta dicendo qualcosa e io non voglio/ho paura di scoprirlo.<<
l'interpretazione del sogno può essere fatta solo in un contesto di psicoterapia e non on-line. In genere il sogno in psicoterapia viene utilizzato da Colleghi con specializzazione in psicoterapia psicodinamica/psicoanalitica e meno da Colleghi specializzati in TCC o TBS.

Il suo inconscio le sta "dicendo qualcosa" sul suo stato emotivo-affettivo e non sul suo orientamento sessuale. Forse si sta annodando sulle sue paure, ma in questo modo troverà sempre un "segno" per inficiare l'ipotesi (a mio avviso valida) della Collega e continuare ad alimentare i suoi dubbi.






Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio