Post depressione...

Salve, sono un ragazzo di 19 anni
Vi spiego la mia situazione: quest estate sono caduto in una terribile depressione, una sensazione di vuoto e di angoscia indescrivibili, che sono durati tutto luglio. Studio ancora alle superiori, e dopo l'inizio delle vacanze ho perso i contatti con i miei amici, questo ha contributo a farmi sentire solo e lasciato a me stesso (se vi dovesse servire, in seguito potrò approfondire i veri motivi che hanno scatenato la depressione). L'unico sfogo sono stati i pesi (gareggio nel powerlifting). Successivamente ho riallacciato i rapporti con i miei amici, dopo un mese di inferno. Andai a dormire per un po di notti da un amico, per cercare una distrazione, ma ogni mattina mi sentivo morire dentro, ancora. Una notte sognai una una bella ragazza, il volto non era molto nitido, però sentii pronunciare il nome della ragazza (risultava una ragazza che conoscevo solo di vista, che frequenta un altra scuola, ma che intravedevo ogni giorno all'uscita di scuola. Non è bellissima, ha un bel fisico ed è carina, ma non mi sono mai sentito attratto, per niente). Tornando al sogno, la mattina mi svegliai stranamente sollevato e felice, mi ero innamorato di quella ragazza, di una ragazza sconosciuta di cui non ricordavo nemmeno il volto!
La cercai subito su facebook, e quando la vidi in volto mi prese l'affanno, mi sembrò la piu bella del mondo!
Da quel giorno mi è sparita la depressione, avevo trovato la distrazione ai miei problemi.
Ero ossessionato da questa ragazza, cercavo sempre una scusa per andare nella sua cittadina, con la speranza mi vederla (le poche volte che accadde mi sentii scoppiare il cuore). Gli ultimi rimasugli della depressione li eliminai grazie alla mia psicologa (che però non informai mai della ragazza, concentrandomi solo sulle cause della depressione).
Tutt'ora, a distanza di 4 mesi, sono ancora infatuato da questa ragazza, ogni volta che la vedo alla'uscita di scuola vado in tilt. Aggiungo che non ho problemi d'autostima, so di essere un bel ragazzo, ma non ho mai cercato una ragazza per paura di essere rifiutato.
Aggiungo che attualmente soffro molto la mancanza di un amore nella mia vita...
I miei dubbi sono: come è possibile sognare una ragazza poco conosciuta da cui non si è attratti e innamorarsene?(Perché lei?) La depressione l'ho superata, come mai dopo 4 mesi sono ancora infatuato?

Scusate per il romanzo

Grazie a chi risponderà
[#1]
Attivo dal 2014 al 2015
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Gentile ragazzo,

quello che emerge dal suo racconto è confusione di pensieri e sentimenti...

Credo sia necessario comprendere realmente lo stato dell'umore (dalla vera depressione non si esce in modo così veloce e senza provvedimenti) e comprendere la realtà di questo pensiero "ossessivo", che persiste ad avere nei confronti di questa figura femminile...

È mai stata fatta una diagnosi accurata e da chi?


Un caro saluto
[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie della risposta.
In realtà per uscire dalla depressione ho impiegato tutto agosto, attraverso sedute con una psicologa e l'aiuto della mia famiglia, ma a nessuno di questi ho mai parlato della ragazza. Aggiungo che in passato ho avuto problemi come lutti stretti e prese in giro, che hanno lasciato una ferita profonda dentro di me... Inoltre ho gia sofferto di depressione. Penso questa sia stata la peggiore di tutte (ho passato notti intere sveglio fino alla mattina, pensando ai miei problemi, con attacchi di panico e sudori freddi).
Può darsi che la ragazza sia stata un meccanismo inconscio del cervello per uscire dalla situazione?
[#3]
Attivo dal 2014 al 2015
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Gentilissimo,

quello che ci descrive è un vissuto complesso e degno di attenzione.

È riuscito, nelle sedute di psicoterapia (ha fatto un percorso del genere? Quanto è durato? Mi chiedo come mai non sia ancora in corso, vista la difficoltà che ci esprime..) a comprendere l'origine di questo suo disagio?

Importante che lei si ascolti e comprenda, realmente, di aver bisogno di essere "accompagnato" in questo viaggio di scoperta...


Quando non si lavora in profondità, allora ecco che al primo "stimolo" (come potrebbe essere il pensiero di questa ragazza) affiorano vissuti e dinamiche irrisolte.

Non dimentichiamo che vive un periodo delicato della sua esistenza, anche se questi vissuti sembrano avere radici profonde ed arcaiche, in quanto sperimentati anche in passato.

Provo ad immaginare il dolore del lutto, della perdita... che se non elaborato, tende a riportarci indietro nel tempo...!

E le ferite alla sua autostima? Certo, anche queste degne di essere accolte ed ascoltate, ma in un setting terapeutico, dove realmente riesce ad essere se stesso.

Sarebbe opportuno riprendere il percorso (se ha iniziato una Psicoterapia)!

Si confronti anche con la sua famiglia, visto l'apertura dimostrata ed il sostegno.


Siamo in ascolto.

Un saluto affettuoso.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille, non è da tutti dedicare del tempo ad aiutare uno sconosciuto senza ricevere nulla in cambio, sono valori rari da ammirare.

Tornando all'argomento, mi sembrò opportuno interrompere le sedute di terapia (anche la dottoressa fu d'accordo), visto che ormai avevo trovato la vitalita e l'energia che tanto mi mancava. Adesso a parlare di quella esperienza mi pare addirittura estranea, quasi come se mi avessero cancellato la memoria e mi fosse rimasta qualche vaga sensazione.

Mi sono sempre chiesto perché proprio lei, e perché ne sono ancora attratto.

Anche se comunque la mia teoria ce l'ho: sono un ragazzo fortemente emotivo, ma anche dal cuore di pietra (le due fasi, contraddittorie, si alternano nel corso dell'anno) non sono uno che si confida facilmente (dimostrato dalla mia di omettere la storia della ragazza alla mia psicologa) le basti pensare che lei è l'unica a conoscenza della questione ragazza... Ho una tonnellata di sentimenti repressi, alla fine penso che il tutto sia stato un meccanismo inconscio fomentato sia dal desiderio di avere una ragazza con cui condividere i miei sentimenti,sia da istinti sessuali repressi.
[#5]
Attivo dal 2014 al 2015
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Proprio per queste emozioni e per questi sentimenti repressi, varrebbe la pena di iniziare a comprendere e ad elaborare, così da iniziare una nuova vita... serena, di condivisione e di responsabilità...

Provi a riflettere...


Un caro saluto
[#6]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Gentile Ragazo dal cuore di pietra a dalla tonnellata di sentimenti repressi,
dalla depressione non si viene fuori così facilmete,ma è un percorso lungo, complesso è solitamente veramente arricchente.

I suoi lutti e tutto quello che le è capitato, se adeguatamente elaborarlo, potrà diventare una vera risorsa per la sua psiche, ma si faccia aiutare, ha ancora tanto da rassettare ...dentro di se.

Anche questa infatuazione così persistente, fa presagire un disagio.

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio