Amicizia morbosa ed ossessiva che non sopporto più e non so come uscirne.

Buonasera,mi chiamo Marta,ho 16 anni e da quando ho cominciato ad avere rapporti di amicizia,sento continuamente il bisogno di chiuderli perchè diventano troppo pesanti e morbosi,ed essendo una tipa a tratti solitaria inizialmente do molta corda ma poi mi annoio e non sopporto più quell'aria pesante ed oppressiva. Sono consapevole del fatto che sia anche colpa mia che do adito in quel senso a tutte le mie amiche,ma credo anche che ad un certo punto se ne approfittino.Ci sono ricascata con la mia recente amica che chiamerò Alba,con cui all'inizio filava tutto liscio,ma avendo a disposizione tutta l'estate la cosa è diventata ossessiva a tal punto che stavamo al telefono tramite qualsiasi social network dal mattino fino a notte fonda. Cominciata la scuola pensavo la situazione cambiasse,invece è andata al contrario e ho provato a parlargliene dicendole che non riesco a sopportare come prima il telefono e che al massimo qualche messaggio ogni tanto, lei sembrava aver capito, fino a quando l'altro giorno non si è messa a piangere dicendo che è paranoica, che prima parlavamo sempre ed ora no e ha paura che la possa abbandonare. L'ultima goccia, ieri sera siamo state insieme per una giornata intera e quando era arrivato il momento di andare via mi ha detto "quando puoi mi mandi la buonanotte". Prima lo facevo,forse anche io accecata, ma ora non mi sta più bene, perchè penso che sia diventata una cosa ossessiva e che si comporti anche da vittima.Da un po' di giorni ho anche attacchi d'ansia,mi manca il fiato e mi gira la testa e credo che sia dovuto anche a questo. Non so come uscirne, non so come fare per farglielo capire e soprattutto se lei può davvero capirmi. Perchè tutte le mie amicizie arrivano a questo punto? Cosa dovrei fare ora?

Grazie mille per l'ascolto, la pazienza e per una vostra eventuale o non eventuale risposta, ne ho davvero bisogno.
[#1]
Dr. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta 4,6k 51
Cara Marta, non possiamo fornire consulti a Utenti che non hanno ancora compiuto i 18 anni, quindi parlane con i tuoi genitori o rivolgiti ad un Consultorio famigliare.






Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicodinamica
www.psicologoaviterbo.it

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test