Infatuazioni per altri ragazzi

buongiorno, sono una ragazza di 18 anni e sto con il mio ragazzo da quando ne avevo 14, lui ha 20 anni e non ci siamo mai lasciati.
ho sempre immaginato una storia diversa da come è, anche se comunque i primi anni sono stati meravigliosi, poi siamo caduti nell'abitudine. Mai una sorpresa, del tipo venire a prendermi a scuola senza preavviso o un mazzo di fiori per l'anniversario. Ma il problema non sono solo le mancanze di attenzioni, perchè lui è un ragazzo molto dolce e premuroso, il problema sono io che, in seguito ad una lunga storia in cui lui si sentiva con questa ragazza molto simile a lui, io mi sono sentita profondamente inadeguata ed inferiore. Insomma sono molto permalosa, ed appena con i suoi amici fa commenti su una ragazza evidentemente molto bella, io mi offendo e resto triste per dei giorni, anche se so che mi ama e che per lui sono la più bella. Io sono molto insicura, pur essendo parer di altri una bellissima ragazza, per la sua mancanza di romanticismo, di cose che piacciono a noi ragazze. Io gliene parlo in continuazione, lui promette ma non mantiene, è molto pigro e smemorato. Ma la parte più problematica è quella intima: è ingrassato molto da qualche mese e non mi piace più come prima. Non ho più voglia di fare l'amore con lui e gliene ho parlato, lui mi ha risposto che sarebbe dimagrito ma da un anno a questa parte non si è molto impegnato ed io non riesco a concedermi, perchè lo farei solo per farlo contento. Insomma, il risultato di tutto ciò è che appena conosco un ragazzo, un pochino comincia a piacermi. Insomma, quest'estate ho riallacciato i rapporti con il mio vecchio migliore amico che mi piaceva molto al tempo (12 - 13 anni) ed un pochino mi piace ancora. Insomma, se dovessi decidere se fare l'amore con questo mio amico o col mio ragazzo, senza pensarci due volte direi col mio amico. Poi qualche giorno fa mi ha scritto un ragazzo che fa l'educatore alla mia scuola ed io, anche se cerco di non pensarci, spero che mi scriva ancora, passo dalla sua aula all'intervallo, in più è un bel ragazzo con un bel fisico. Insomma continui ad infatuarmi e pensare a come sarebbe stare con quei ragazzi. Solo che non voglio lasciare il mio, è da troppo tempo che ci sto assieme ed ho paticamente passato la mia adolescenza con lui. Non so davvero come risolvere questa situazione, gli parlo di tutto ciò che non mi va nella nostra relazione ma non cambia nulla. spero di trovare un valido aiuto.
[#1]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 13,6k 292 182
Non ci sono formule magiche per risolvere il sentirsi divisi fra più persone. Ma nel tuo caso sarebbe meglio dire divisa fra lui e gli altri, dato che, a quanto dici, l'unica cosa che ti frena dal lasciarlo, ormai, è una mera questione di abitudine.

In questi casi le persone spesso hanno paura di lasciare perché non vogliono sopportare periodi di solitudine. Che però non è il tuo caso, dato che avresti già la fila alla porta.

Quindi a che cosa ti stai attaccando? Qual è il signficato di "ho passato la mia adolescenza con lui", se ora è diventato un'altra persona che non ti piace più neanche fisicamente?

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#2]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,4k 448 103
Gentile utente,

Siete stati assieme tanti anni fin dall'adolescenza, ora Lei inizia a guardare altri.
Non Le sembra significativo?

<<è da troppo tempo che ci sto assieme ed ho paticamente passato la mia adolescenza con lui. <<,
ma non è un buon motivo per starci ancora, se l'attrazione e il feeling si sono conclusi.

E' triste da dire, ma può succedere.

<<gli parlo di tutto ciò che non mi va nella nostra relazione ma non cambia nulla. <<
Forse siete proprio alla frutta.




Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio