Cambiamento improvviso

Salve, circa due mesi fa ho richiesto un consulto dove illustravo il mio atteggiamento distaccato nei confronti del sesso opposto, e al contatto fisico con esso.
Poco dopo, inaspettatamente ho conosciuto una persona, parecchio più grande me, ( ha circa il doppio della mia età), come di consuetudine non mi è piaciuto per nulla di primo attrito, anzi, mi ha fatta sentire a disagio ( Come tutti).
Non so spiegare il perché, ma c'è stato un secondo appuntamento a distanza di circa 1 settimana, poi un altro ancora e un altro ancora e così via...
Oso dire che questa persona mi piace ( non so se sia possibile definirlo amore), fatto sta che abbiamo anche avuto rapporti sessuali.
È una persona nella quale mi "rispecchio" molto, dato che abbiamo entrambi difficoltà con i nostri padri e la famiglia in generale ( e no non credo di star cercando in lui una figura paterna).
La cosa stranissima é che lo penso spesso, e mi vien voglia di cercarlo, e praticamente non lo faccio mai con nessuno.
Lui comunque mi ha detto che mi vede come una persona emotivamente ed economicamente instabile (ero disoccupata), dopo di ciò, mi sono applicata con maggiore pressione per trovare un impiego e così è stato.
Emotivamente, credo che se devo essere definita instabile, lo provo solo nei suoi confronti, seppure conoscendolo da pochi mesi, credo di essermi affezionata, forse eccessivamente, a lui.
La cosa che mi confonde é che mi cerca raramente, ma quando lo sento dice un sacco di belle parole, soprattutto durante e prima dei rapporti, dopo diventa più "razionale" ( o comunque più freddo e dice che dovrei cambiare ulteriormente.
La cosa mi spiazza, perché del tutto nuova.
Mi sento quasi terrorizzata dal fatto che lui possa solo prendermi in giro, che poi alla fine è quello che penso, ma non quello che spero.

In conclusione, ciò alla quale vorrei chiedervi un parere sono:
A cosa é dovuto il mio cambiamento?
Perché lui si comporta in questo modo?
Cosa posso fare per levarmelo dalla testa? E soprattutto, dovrei?

Grazie mille in anticipo

A.c.
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
"La cosa che mi confonde é che mi cerca raramente..."

Ci credo che Lei sia confusa, anche perché un maggior coinvolgimento avrebbe dato seguito ad una ricerca più frequente.
Probabilmente quest'uomo non è molto interessato.
Ma non possiamo essere noi a dirle che cosa deve fare, né se sia giusto o meno allontanarsi.
Prima è necessario fare un passo indietro e domandarsi se a lei sta bene essere trattata così, cioè avere una relazione con un uomo che la cerca raramente, che la giudica e che non si assume impegni con lei.

Cordiali saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio