Utente 410XXX
Buonasera, sono mamma di un bimbo di 5 anni che da qualche mese và in piscina, si diverte e fino a due lezioni fa era felice di andarci. L'istruttrice è molto brava ma il bambino è terrorizzato dall'acqua nel viso. Finché si tratta di nuotare e galleggiare va tutto bene ma al momento in cui si deve tuffare trema e supplica l'insegnante di non farglielo fare. Premetto che anche io ho avuto sempre paura da bambina dell'acqua nel viso e ho imparato a nuotare a 9 anni. Quando gli faccio la doccia urla se gli va l'acqua nel viso perché ha paura che gli entri nel naso. Toglierlo dalla piscina ora penso che sia sbagliato. L'ho iscritto proprio per aiutarlo in questa paura. Ma ha molta paura. Che devo fare? Non ho ancora avuto modo di parlare con l'insegnante. Lei fa tutto a piccoli passi. Ma io come posso aiutarlo? Grazie

[#1]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
< Quando gli faccio la doccia urla se gli va l'acqua nel viso perché ha paura che gli entri nel naso. <
Gentile Signora,
come gestisce questi momenti, come si sente? Cosa dice al suo bimbo?
E in merito alla piscina? Come mai secondo lei era contento in precedenza di andarci e ora ha paura?
Sentire il parere dell'insegnante è importante, il suo bambino avrebbe bisogno di essere accompagnato con calma e pazienza a superare questo timore e a vivere il nuoto con serenità.

Ci faccia sapere se crede.

Cordialità




Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#2] dopo  
Utente 410XXX

Grazie per la celere risposta. Diciamo che dal lato della doccia un pò è migliorato dopo aver passato l'estate al mare. Gli dico di stare tranquillo che ci sono io e che non gli succede niente,lo tranquillizzo. Gli dico di tenere sollevato il capo durante la doccia così non gli finisce l'acqua nel viso. Per la piscina non so come muovermi perché non ho accesso alla piscina, seguo la lezione da un altra stanza con vetro. Di solito gli faccio dei segnali positivi e lui mi manda i baci. Oggi mi ha detto appena uscito da scuola "mamma oggi ho deciso di fare un tuffo" e io l'ho abbracciato e gli ho detto che la cosa mi avrebbe fatto piacere e che conoscendolo una volta presa confidenza con l'acqua non avrebbe più smesso di tuffarsi. Poi, arrivati in piscina mi ha detto "mamma non mi sento pronto a tuffarmi". Gli ho detto che l'istruttrice è molto brava e che non lo lascerà mai solo. Poi l'ho visto preoccupato e gli ho detto di fare quello che si sente. Ha nuotato. Ha giocato. È stato bravo ma quando l'insegnante gli ha tolto i braccioli per fare qualche tuffo sott'acqua ha cambiAto espressione, si è aggrappato alla maestra e l'ha praticamente supplicaTa di non farlo andare sotto. Certo che si potrebbe risolvere con un tappo per il naso ma non comprendo tutto questo terrore. O meglio lo comprendo perché ci sono passata anche io da piccola e mio padre tutt'ora non va al mare perché non gli è mai piaciuto. Possibile che sia una cosa ereditaria? Io l'ho iscritto per prendere confidenza con l'acqua. Con me ha funzionato. Forse dovrei dargli più tempo e non preoccuparmi troppo?

[#3]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Non c'è nulla di ereditario semmai l'ansia e le paure si possono "trasmettere " in modo involontario. Dia tempo al suo bimbo, non deve essere forzato ma accompagnato con calma a superare la paura. I genitori e chi sta a contatto con bambini fungono da contenitore e argine per le loro paure se non se ne fanno travolgere e mantengono un atteggiamento calmo e rassicurante. Stia serena, anche il suo piccolo lo sarà.

Cordialità
Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#4] dopo  
Utente 410XXX

Và bene, infondo è iscritto da poco. Rispondendo alla sua domanda immagino che il suo cambiamento sia dovuto al piccolo tuffo che ha fatto durante la prima lezione. Probabilmente gli è entrata l'acqua nel naso e non ha più voluto provare. Speriamo che sia una cosa passeggera. Io non farò pressioni e parlerò con l'istruttrice. La ringrazio tanto. È stata davvero molto gentile. Buona serata.

[#5]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Lieta di averla ascoltata, buona serata anche a lei.
Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#6] dopo  
Utente 410XXX

Buonasera, ho seguito i suoi consigli.. prima della lezione ho detto al bambino di fare quello che si sente e soprattutto di divertirsi! Poi ho parlato con l'istruttrice e mi ha detto che piano piano farà tutto e che ogni bimbo ha i suoi tempi. Contro ogni aspettativa il bambino è andato sott'acqua due volte! Sono molto contenta. Dopo poco però ha detto alla maestra che voleva tornare a casa. Ho pensato che per lui deve essere stato uno stress incredibile. Una sfida contro se stesso che però l'ha stremato. Cmq la maestra l'ha distratto e ha portato a termine la lezione. Quando è uscito dalla piscina gli ho fatto un grande applauso e abbiamo festeggiato con un bel gelato. Mi ha detto che la volta dopo avrebbe fatto ancora meglio. Mi chiedevo se è giusto premiarlo e mi chiedevo se stia facendo tutto questo solo per farmi piacere?

[#7]  
Dr.ssa Laura Rinella

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Stia serena, mi sembra tutto ok.
Un buon gelato perché no?
Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#8] dopo  
Utente 410XXX

Grazie mille :)

[#9] dopo  
Utente 410XXX

Oggi è andata malissimo. Pianto a bordo piscina. Non è voluto entrare neanche in acqua. È rimasto con me nella saletta a guardare gli altri bimbi. Non so più che fare.