Mi viene da vomitare durante la penetrazione

Una sera, a metà maggio, sono uscito a cena con la mia compagna. Quando siamo tornati a casa abbiamo guardato un film e a metà abbiamo cominciato a fare sesso. Nei preliminari tutto bene, poi durante la penetrazione ho avvertito un forte senso di nausea. Non ho fatto in tempo ad alzarmi che ho rimesso. Non abbiamo dato troppo peso alla cosa pensando a qualcosa che mi avesse fatto male a cena. Sto via per lavoro circa una settimana e quando torno facciamo di nuovo sesso e mi ricapita. Mi sentivo bene, poi durante la penetrazione nausea. Sono riuscito a non vomitare, ma ovviamente ci siamo interrotti e ho perso l'erezione. Praticamente non siamo più riusciti ad avere rapporti nell'ultimo mese.
Mi chiedo se possa essere una questione psicologica, perché per il resto mi sento bene.
Avevamo avuto dei problemi a letto all'inizio della relazione. Lei prima stava con un ragazzo con cui giocavo a calcio. Facevamo spesso la doccia insieme e aveva dimensioni veramente notevoli. Io arrivo appena a superare i 10cm e avevo un sacco di paranoie. Avevo super ansia da prestazione, non riuscivo ad avere l'erezione. Lei è stata molto brava e mi ha aiutato molto e, per fortuna, abbiamo superato tutto ed è sempre andata benissimo.
Adesso non capisco che cosa mi capita. È tutto normale, poi sul più bello devo smettere perché ho paura di vomitarle addosso.
L'ultima volta ci siamo interrotti, mi sembrava che fosse passata e siccome sono riuscito a mantenere l'erezione ho provato a riprendere e così ho proprio vomitato. Dopo stavo malissimo, non so se fosse per lo sforzo, ma era faticoso anche parlare.
Faccio una vita molto sedentaria, da quando ho smesso di fare sport per problemi alle ginocchia e alla schiena ho preso quasi 35kg. Ho sempre fumato moltissimo e una volta ogni tanto, solo nel we, alziamo un po' il gomito.
Abbiamo cercato di avere un figlio, ma non ci siamo ancora riusciti. Lei sta facendo una cura per questo.
Che cosa devo fare? Che cosa mi succede? Il sesso è una parte importante della nostra vita. Se non faccio sesso non ho problemi di nausea, anzi...
[#1]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Buona sera,
Le cause possono essere svariate, e di certo da non ricercare online.
Bisogna conoscere di più di lei, della sua psiche, della sua educazione sessuale, della sua coppia, delle sue ansie e fobie, ECC..
Si chiama anamnesi psico-sessuologica, soltanto così si stabiliranno le cause del suo disagio.

Un mio collega potrà aiutarla a capire.

Se desidera nel mio sito Personale e blog troverà tanto materiale in merito.

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Capisco che on line sia assurdo fare ipotesi o diagnosi, ma mi aspettavo qualcosa in più, francamente, mi perdoni se glielo dico.
Sul suo sito ho letto tanti articoli di problematiche legate al sesso, ma nulla che assomigli al mio caso.
Della mia psiche non saprei che cosa dire, dal mia educazione sessuale direi autodidatta che ha cercato di imparare facendo. Della coppia direi il paradiso. Anche la difficoltà ad avere figli ci ha uniti più che mai. Fobie direi di no. Ansia un po', forse stress, credo che il cibo, il fumo e a volte l'alcool siano le mie valvole di sfogo.
Difficoltà legate al sesso a volte. In occasione della mia prima volta...era vergine anche lei e non andò bene. Solo al quarto tentativo sono riuscito. All'inizio della storia che ho già raccontato, per la paranoia delle dimensioni. E ora il vomito.
Quando dice che le cause potrebbero essere svariate mi potrebbe fare qualche esempio? Solo per cercare di capire.
Mi sembra, in generale, che pensi a cause psicologiche. Potrebbe esserci qualcosa anche di natura fisica? A parte le ginocchia e la schiena, non ho altri sintomi di problemi fisici. Ho solo perso gran parte dei capelli e sono in sovrappeso.
Spero che mi voglia ancora rispondere.
[#3]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Si aspettava di più?

Una diagnosi è un atto davvero complesso, e non fattibile online.

Legga questo. Ma non lo prenda con le pinze, ogni paziente - e lei è un utente - è un caso unico

https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1887-quando-non-piace-fare-l-amore-il-disturbo-da-avversione-sessuale-das.html
[#4]
dopo
Utente
Utente
Questo è interessante. Mi ha fatto venire in mente una cosa. Qualche anno fa, quando abbiamo cominciato a provare ad avere figli mi sono trovato a disagio. Avevamo sempre avuto rapporti con il preservativo e senza mi sentivo nudo in un modo strano. Avevo anche cominciato a mettere su peso e non mi piaceva tanto farmi vedere. C'è stato un periodo in cui volevo fare sesso solo al buio. Lei lo aveva preso come una novità piacevole. Il grasso mi fa perdere qualche centimetro e mi erano tornate le paranoie. Con il preservativo mi sembrava si vedesse meno.
Pensa che questo aspetto del preservativo possa centrare qualcosa?

La ringrazio comunque per avermi dato retta.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio