Professoressa, ossessioni

Salve a tutti, da un po' di tempo continuo a pormi delle domande riguardo una situazione un po' "bizzarra" agli occhi degli altri. Da un po' di tempo mi sono affezionata a una professoressa in particolare, è stato tutto molto graduale poiché sono molto timida e fosse stato per me avrei tenuto tutto dentro a vita. Diciamo che sono stati i miei problemi di salute a permettermi di avvicinarmi sempre più a lei, è una persona splendida e penso di aver avuto questa "cotta" per lei da quando ha incominciato a mostrare dell'interesse verso i problemi che avevo e tutt'ora continuo ad avere. Così decisi man a mano di raccontarle ciò che mi accadeva, i miei pensieri (essendo una persona molto sensibile e riflessiva) e ciò che mi faceva stare male. Confrontandomi e osservando i miei coetanei chiaramente ho notato delle differenze, nessuno vorrebbe avere infatti delle conversazioni con una professoressa e nessuno si fisserebbe tanto come me. Io la stimo molto, non credo sia una cosa "malata", mi chiedevo solo perché adesso mi ritrovo a dipendere da lei. Mi spiego meglio, adesso se qualcosa va male ho bisogno del suo aiuto ed è come se fosse quasi indispensabile. Ci sto male se non le parlo e mi sento terribilmente sola, anche quando ci sono le vacanze mi sento persa. Forse mi manca una figura di riferimento e ho trovato qualcuno che possa darmi affetto e sicurezza? Che ne pensate? Ammetto che in passato sia successa la stessa cosa con un'altra professoressa. Inoltre mi vergogno un po' di questa cosa, cioè del fatto che mi viene voglia di guardare sui social il profilo delle sue figlie, le foto, per vedere ciò che fanno, trarne ispirazione. Questo un po' mi preoccupa però. Chiaramente cerco il più possibile di mantenere un rapporto prof - alunna perché non possa causare problemi al resto della classe e quindi non faccio capire nulla di tutto ciò
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,4k 447 103

Gentile utente,

nell'età adolescenziale l'ammirazione ed attaccamento per un figura adulta significativa,
che ascolta e comprende,
non è affatto rara nè strana, come potrà leggere anche in questo consulto:
https://www.medicitalia.it/consulti/psicologia/414019-cotta-per-una-prof.html

Il fatto che il fenomeno si ripeta fa pensare a Suoi bisogni insaturati.
Quali?
Sarebbe troppo superficiale fare ipotesi ,
ma de visu risulta possibile;
anche perchè così si evita di fare auto-diagnosi, come il titolo suggerisce.

E dunque presso lo Psicologo della scuola
o nello "Spazio Giovani" del Consultorio.



Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio