Utente 498XXX
Buonasera,
tempo fa, circa un anno, mi sono messa davanti allo specchio e dopo un po' che mi fissavo mi sembrava che l'immagine che vedevo riflessa non appartenesse a me. Questa cosa mi ha spaventato e siccome sono molto sensibile all'argomento psicosi e disturbi psichici ecc, la cosa mi ha creato allarmismo e andando alla ricerca su internet sono capitata nella depersonalizzazione e ho iniziato ad aver paura di poter avere questo disturb. Da allora per paura che la cosa ricapitasse ho sempre avuto difficoltà a guardarmi allo specchio e leggendo di tutto e di più ho fatto miei tutti I sintomi di derealizzazione depersonalizzazione ecc iniziando a provarli.
Questa cosa mi genera parecchia ansia e da allora ogni volta che devo guardarmi allo specchio, per esempio, ho paura di riprovare la stessa sensazione, che ovviamente alla fine provo.
Secondo voi può trattarsi di suggestione o può essere qualcosa di patologico? Qualcosa che vada oltre l'ansia intendo.
Cordiali saluti
Claudia.

[#1] dopo  
Dr. Marco Arrigo

24% attività
20% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2018
Gentile Claudia,
sembra che lei abbia vissuto un momento per lei apparentemente inspiegabile, ossia

"mi sembrava che l'immagine che vedevo riflessa non appartenesse a me. "

Questo episodio l'ha destabilizzata a tal punto che ha evitato il guardarsi allo specchio ma allo stesso tempo, essendo costante la paura per ciò che lei aveva provato, ha cercato su internet che le ha alimentato l'ansia e la paura stessa.

Se ho capito bene lei ha avuto la sensazione che la sua immagine riflessa le fosse in qualche modo estranea.

Questo è tendenzialmente una manifestazione di ansia.

Tuttavia, mi sembra utile consigliarle di poter affrontare tale episodio con uno psicologo di persona affinchè dia un senso al perchè ha avuto queste manifestazioni ansiose.
Dr. Marco Arrigo - Ricevo a Messina e Reggio Calabria. Tel: 3480535198
Psicoterapeuta in formazione
https://marcoarrigo.wixsite.com/psicologia

[#2] dopo  
Utente 498XXX

si esatto il fatto è che in quel momento in cui mi è successo di percepirmi estranea ero proprio li che mi fissavo da un po, e a volte penso che possa capitare a chiunque guardandosi con intensità, il problema è che secondo me io tendenzialmente ansiosa ho dato troppa importanza alla cosa e ho dovuto subito cercare una diagnosi, con la conseguenza che ho ingigantito la cosa e mi sono riempita di altri sintomi letti. il mio problema è che mi suggestion facilmente su queste cose pensando subito a psicosi e cose gravi, una sorta di ipocondria e forse è su questo che devo lavorare.

[#3] dopo  
Utente 498XXX

Nessun altro parere?

[#4] dopo  
Dr. Marco Arrigo

24% attività
20% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2018
"il mio problema è che mi suggestion facilmente su queste cose pensando subito a psicosi e cose gravi, una sorta di ipocondria e forse è su questo che devo lavorare."

Questo è uno dei punti certamente.


La paura di avere qualche patologia grave (vedi psicosi) insorge a seguito di un evento verosimilmente di depersonalizzazione (molto probabilmente di matrice ansiosa).

L'esperienza di depersonalizzazione è espressione di un funzionamento allarmistico di cui potrebbe non sempre esserne consapevol, è per questo che sarebbe il caso di lavorarci su, io propendo spesso per il farsi aiutare da uno psicoterapeuta, ma se ritiene di volerci prima provare da sola ben venga.
Dr. Marco Arrigo - Ricevo a Messina e Reggio Calabria. Tel: 3480535198
Psicoterapeuta in formazione
https://marcoarrigo.wixsite.com/psicologia