Utente 404XXX
Buongiorno, chiedo un consulto al dott. Catania visto che ho letto numerose risposte da parte sua per questo tipo di sintomatologia. Circa 3 settimane fa a mia mamma è comparso prurito in una area laterale del seno sx, con forte eritema e lieve edema cutaneo in parte probabilmente dovuto al grattamento. L ultima mammografia di screening con esito negativo è stata fatta a settembre 2017. Nei primi giorni ha applicato della pomata contenente cortisone e antibiotico e è migliorata quasi subito con riduzione dell’edema ma prurito e rossore ancora presenti. Alla palpazione non c erano noduli, capezzolo normale e non secerne liquido, cute liscia. Il medico di base ha poi prescritto antibiotico e cortisone per via orale che hanno ridotto di molto il prurito e il rossore, lasciando una ‘macchia’ rosacea, non più edematosa, da cui X qualche giorno si sono intravisti i capillari. Questo esito visita Senologica, eco e mammografia:
Area eritematosa nel settore esterno mammella sx, mammella a struttura mobile e consistenza non francamente aumentata.
Eco bilaterale: mammelle ad ecostruttura prevalentemente ghiandolare, non attuali reperti ecografici sospetti, non linfoadenopatie al cavo ascellare bilateralmente.
Mammografia: rispetto a esame precedente di settembre 2017 non si notano modificazioni. Quadro mammigrafici di tipo misto, densità ACR:C, nel cui contentesto non si osservano opacità, distorsioni, microcalcificazioni nè ispessimenti cutanei sospetti. Non altri rilievi.
Conclusioni:mammella a ecostruttura prevalentemente ghiandolare, non attuali reperti eco sospetti, non linfoadenopatie al cavo ascellare. Rivalutazione tra 15 giorni a terapia conclusa.
Questo il referto da cui sembrerebbe tutto apposto. Il problema è che il medico ha notato un’alterazione ecografica (non vascolarizzata da dopler) sotto la lesione cutanea che non ha refertato, così come ha nominato la mastite focale come possibile causa (anche questa non refertata). Inoltre, fortunatamente lontano da mia madre (era a fare la mammo e quindi non si sapeva ancora L esito), ha ammesso di sospettare la mastite carcinomatosa e X questo ha fissato un controllo così ravvicinato. Cosa ne pensa? So che questo tumore è difficile da diagnosticare e talvolta scappa a questo tipo di esami. Nel frattempo la lesione non è più pruriginosa ma è ancora presente un’ area lievemente arrossata dello stesso diametro iniziale,circa7-8 cm.
. Spero di aver una risposta da parte sua vista la forte ansia data da quanto nominato dal medico.

Elena

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ma quando mai!

La diagnosi di mastite carcinomatosa e' relativamente semplice alla visita se si ha esperienza e da quanto descrive a tutto penserei tranne a questa.

Ne riparliamo dopo terapia e controllo

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 404XXX

Dottor Catania! Come sempre ha colpito nel segno! L esperienza! Il medico con cui abbiamo avuto a che fare è un medico molto giovane che quindi non so se ha effettuato una corretta visita senologica e comunque L ecografia è un esame operatore dipendente! Devo comunque aggiungere che mentre stava facendo L eco è entrato un medico più anziano, così come all arrivo delle immagini mammografiche.. quest ultimo avrebbe rimandato il controllo a 3 mesi, mentre il più giovane ha deciso di anticipare. Ovviamente non so quali siano le caratteristiche di un seno non affetto da quella patologia, ma le posso dire che non è aumentato di dimensioni e alla palpazione è identico al controlaterale. E come le ho portato dal referto anche il medico non rilevato anomalie dalla visita. Cosa ne pensa? Anche un medico con probabilmente poca esperienza avrebbe potuto evidenziare anomalie legate a quella patologia? La ringrazio infinitamente!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
" Anche un medico con probabilmente poca esperienza avrebbe potuto evidenziare anomalie legate a quella patologia? La ringrazio infinitamente!"

Credo ( e spero) di si'.

In una mastite NON carcinomatosa le terapie influiscono in maniera significativa sul quadro che descrive.
Quindi confidiamo in un miglioramento significativo come segnale per rassicurarci del tutto.

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 404XXX

La ringrazio infinitamente per la celere risposta che pero’ adesso mi ha un po’ preoccupato..nel senso, da referto non viene segnalata nessuna anomalia, neppure per quanto riguarda una possibile mastite. La visita senologica descrive una mammella normale, eco e mammo sono negative.. quindi neanche la presenza di segni legati a una mastite.. o sbaglio? L unica cosa che c è è L eritema cutaneo. Potrebbe essere L unico segno di mastite? ora la terapia è terminata, il cortisone L ha fatto solo X 4-5 giorni 25 mg sid poi a scalare, L antibiotico augmentin bid X 15 giorni.. L arrossamento è migliorato nel senso che si è schiarito ma le dimensioni sono ancora uguali.. nella sua prima risposta mi ha detto che quello che le avevo descritto non le faceva assolutamente pensare ‘’ma quando mai’’ ad una mastite carcinomatosa. Ora perché mi dice che bisogna affidarsi al miglioramento? Mi scusi ma questa cosa mi mette tanta ansia. Anche perché dopo 3 settimane la macchia è ancora presente. La ringrazio infinitamente.

[#5] dopo  
Utente 404XXX

Non so più cosa fare.. mi sono rivolta alla Breast Unit della mia città per essere più sicura sugli esiti ma mi hanno messo un ansia e confusione addosso nominando quella patologia seppur non refertando nulla.. neppure una semplice mastite! Il controllo è il 27 e aspettare fino a quel giorno sarà un calvario.. forse meglio ripartire da capo presso un aktra struttura? A questo punto se anche il 27 non si rileverà nulla ma quella macchia sarà ancora presente, che si fa? Resterò ancora in ansia in quanto sembra che anche se non vedono nulla, il dubbio resta finché la macchia non sparisce?

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
"Potrebbe essere L unico segno di mastite? ora la terapia è terminata, il cortisone L ha fatto solo X 4-5 giorni 25 mg sid poi a scalare, L antibiotico augmentin bid X 15 giorni.. L arrossamento è migliorato nel senso che si è schiarito ma le dimensioni sono ancora uguali"

Comprendo la vostra ansia soprattutto quando i colleghi sono criptici.
Ma a me sembra da quanto descrive che ci siano molte ragioni per pensare ad una semplice infiammazione superficiale. State tranquilli che i tempi dell'ansia sono sempre brevi , ma quelli di una risoluzione completa di una flogosi mammaria sono sempre piu' lunghi di quanto non ci si aspetti.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 404XXX

Ma Lei quanto Santo è? La terrò aggiornata, intanto la ringrazio! Buona domenica!

[#8] dopo  
Utente 404XXX

Buongiorno dott. Catania, oggi mia mamma ha fatto il controllo a distanza di 3 settimane effettive dalla prima visita. Questo il referto: clinicamente appare ridotta L area eritematosa nei settori esterni della mammella di sinistra, consistenza non francamente aumentata. Al controllo ecografico e mammografico non reperti sospetti per patologia oncologica.si consiglia controllo ecografico tra 3 mesi.
Dunque, è passato circa 1 mese dalla comparsa della lesione. Ad oggi è presente ancora un area rosata dello stesso diametro iniziale, cioè 7-8cm, su cui applichiamo una pomata con antibiotico e cortisone. La terapia orale è terminata all incirca una divina di giorni fa. Posso stare tranquilla? Entro quanto dovrebbe sparire? Tutte quelle informazioni su internet che dicono che eco e mammo non bastano X la diagnosi di quel tumore non mi fanno stare tranquilla.. parlano di RM.. lei dice che basta una visita senologica, ma cosa si dovrebbe notare con la palpazione/ispezione della mammella? La ringrazio anticipatamente. È che ho il dubbio se rivolgermi ad un’altra breast unit e partir da capo!

[#9] dopo  
Utente 404XXX

Dott. Catania, scusi L insistenza, riesce a darmi un parere in merito? La ringrazio

[#10] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Basta monitorare clinicamente e lasciar perdere internet.

Quanto descrive e' tranquillizzante.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com